43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

discussioni circa il forum e circa i minerali in genere
Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » lun 25 ago, 2014 11:54

Buongiorno a tutti, la 43a edizione di EUROMINERALEXPO prenderà vita fra poco più di un mese, esattamente nelle giornate del 03-04-05 Ottobre 2014 nel padiglione 1 Lingotto Fiere in Via Nizza 294 Torino.

Mostra mercato internazionale di minerali, fossili, pietre preziose, gemme, gioielleria, malacologia e accessori, al secondo anno della nuova gestione BMS.
L'obiettivo è quello di sempre, cioè offrire una manifestazione di qualità, proponendo tematiche di elevato tenore culturale, eventi complementari più ludici ma pur sempre interessantissimi e istruttivi e una distribuzione di tavoli e stand espositivi per uno sviluppo di oltre 1.500 ml. (8.000 mq.).
La presenza di 260 espositori italiani e stranieri è una garanzia per offrire la più ampia scelta di materiale collezionistico e artigianato orafo e bigiotteria ad un pubblico di collezionisti o semplici visitatori.


INFORMAZIONI GENERALI

Biglietto intero: € 8,00

Biglietto ridotto (bambini fino a 12 anni e scolaresche): € 6,00

Biglietto ridotto gruppi (oltre 20 persone): € 6,00

Biglietto ridotto famiglia (due adulti, un bambino fino a 12 anni) : € 20,00
( ogni figlio aggiuntivo oltre al primo ): € 2,00

ORARI

Giovedì 02/10
Espositori: dalle ore 14:00 alle ore 20:00.

Venerdì 03/10
Espositori: dalle ore 08:00 alle ore 12:00.
Visitatori: dalle ore 12:00 alle ore 20:00.

Sabato 04/10
Espositori: dalle ore 08:15 alle ore 21:00.
Visitatori: dalle ore 09:00 alle ore 20:00.

Domenica 05/10
Espositori: dalle ore 8:00 alle ore 21:00 | il disallestimento è consentito dalle ore 19:00 alle ore 21:00.
Visitatori: dalle ore 9:00 alle ore 19:00.

Per la mail si può utilizzare sia
info@bolognamineralshow.com
info@euromineralexpo.it


Consigliamo di consultare il sito www.euromineralexpo.it per tutte le informazioni;
convenzioni alberghiere, modalità di accesso, mezzi di trasporto ecc.

Per chi fosse interessato a partecipare si prega di prenotare al più presto in quanto gli spazi sono in esaurimento e le prenotazioni allo scadere.
Grazie


Informeremo nel dettaglio gli eventi della manifestazione con lo scopo di illustrare ai visitatori quello che troveranno all'interno, iniziando da una tematica sull'oro alluvionale italiano (Piemonte) frutto delle ricerche, della passione e dello studio di alcuni ricercatori.

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » lun 25 ago, 2014 11:59

I DEPOSITI ALLUVIONALI DI ORO NEI FIUMI E TORRENTI DEL PIEMONTE

Esposizioni di oro nativo alle mostre mineralogiche non sono di certo una novità e hanno dato lustro a molte manifestazioni con mostre tematiche di notevole impatto visivo.
Queste esposizioni si sono sempre concentrate sui giacimenti primari con l’esposizione di campioni favolosi e molto appariscenti.
L’oro dei giacimenti secondari, eccetto rari casi è molto meno appariscente e con questa esposizione si vuole mostrare la ricerca dell’oro sui fiumi piemontesi che sono molto ricchi di questo prezioso elemento.

L’obiettivo che si intende proporre, mostra come oggetto principale le campionature d’oro, ma in un contesto moderno e attuale che dovrebbe suscitare nuovo interesse, rivolto al pubblico e al collezionismo.
Nessuna attrezzatura antica verrà esposta e quasi si esclude la descrizione dei metodi di lavoro tradizionali, piuttosto si promuove l’aspetto naturalistico suggerendo itinerari nei quali l’unico filo conduttore è la possibilità di rinvenire il metallo prezioso. Allora si possono presentare le peculiarità morfologiche dei corsi d’acqua, con reperti di varia natura. Da quei “sassi” che esaminati più attentamente si rivelano pietre preziose, ad alcune evidenze paleontologiche, dai ferri vecchi arrugginiti che svelano antiche storie, all’abbondanza di frammenti di piombo che mostrano, purtroppo, anche tracce di un inquinamento più esteso di quanto si può immaginare.

Il territorio piemontese può essere diviso in quattro settori principali di evidenze a oro alluvionale, secondo bacini idrici ben delimitabili, grazie alle sue caratteristiche morfologiche e altrettanti distretti dove sono conosciuti i giacimenti primari. Il Canavese, il Biellese, Il Verbano-Cusio-Ossola e l’Alessandrino. Gli allestimenti, prenderanno in considerazione solo alcuni tra i corsi d’acqua più conosciuti e altri che verranno presentati per la prima volta, in quanto nella vasta bibliografia esistente non sono mai stati citati.

I corsi d’acqua interessati all’esposizione saranno:

Il torrente Orco,
I torrenti canavesani - torrenti Soana, Malesina, Chiusella, Boriana, fiume Dora Baltea
I torrenti biellesi - torrenti Elvo, Cervo, Viona
Il fiume Ticino
I torrenti a nord del Ticino – torrenti Segnara, Rancina, rio Creves
I torrenti dell’alessandrino – torrenti Orba, Stura, Piota, Gorzente, rio Secco


THE ALLUVIAL DEPOSITS OF GOLD IN RIVERS AND STREAMS OF PIEDMONT

Exposures of native gold within mineralogical exhibitions are certainly not new, and have gave prestige in many events with thematic exhibitions of high impact.
These shows have always been focused on primary deposits with the displaying of fabulous and very showy samples.
Gold of secondary deposits, except in rare cases is much less striking and with this exhibition we want to show the search for gold on Piedmont rivers, which are very rich in this precious element.

The target is to show as main subject the gold sampling, but in a modern and current context that should arouse new interest to the audience and within collecting.
No ancient equipment will be exposed almost excluding the description of the traditional working methods, rather it promotes the natural features, suggesting itineraries in which the only common thread is the ability to find the precious metal. So one can experience the morphological characteristics of watercourses, with samples of various kinds. From those "rocks" that examined more carefully reveal precious stones, to some paleontological evidences; from rusty old iron that tell ancient stories, to the abundance of lead fragments which show, unfortunately, also traces of a pollution more extensive than can imagine.

The Piedmont region can be split into four main areas of evidence of alluvial gold, according to well-delineated watersheds, due to its morphological characteristics, as many districts where the primary deposits are known. The Canavese, Biella, Verbano-Cusio-Ossola and the Alexandrian. The settings, will treat only some among the most well-known waterways, while other ones will be introduced for the first time, as in the vast bibliograph
The waterways affected into the exposure will be:

The Orco creek,
The Canavese creeks - Soana streams, Malesina, Chiusella Boriana, river Baltea
The Biella creeks - Elvo, Deer, Viona
The river Ticino
The streams in northern Ticino - Segnara streams, Rancina, rio Creves
The streams of the Alexandrian - Orba, Stura, Sod, Gorzente, Rio Secco

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » ven 29 ago, 2014 17:23

Per ricordare la figura di Alfonso Cossa, uomo di scienza di grande personalità e cultura, una significativa selezione delle famose sezioni sottili, verrà presentata in occasione della 17 edizione di MINA durante il 43° EUROMINERALEXPO


ALFONSO COSSA E LE SUE SEZIONI SOTTILI DI ROCCIA

MINA, l’apprezzata esposizione tematica che negli anni ha affrontato vari aspetti della mineralogia, si occuperà nel’edizione del 2014 di Alfonso Cossa (Milano 1833 – Torino 1902), chimico, petrografo e mineralogista italiano.

Direttore nel 1866 dell’Istituto Tecnico di Udine, nel 1872 fonda la Scuola Superiore di Agricoltura di Portici, presso Napoli.
Nel 1873 direttore della Stazione Agraria di Torino e insegnante di chimica agraria al Regio Museo Industriale.
Dal 1877 al 1881 docente di chimica inorganica presso l’Università di Torino e successivamente di chimica della Scuola di Applicazione per gli Ingegneri di Torino.

La sua vastissima opera scientifica comprende chimica, mineralogia, petrografia e medicina. A lui è dedicata la cossaite, una rara specie mineralogica rinvenuta nel 2009 a Vulcano.
Cossa è soprattutto noto per la realizzazione di molte centinaia di sezioni sottili di roccia di grande formato, preparate per un’analisi macroscopica della struttura delle diverse rocce raccolte in occasione della stesura della Carta Geologica d’Italia.
Recentemente ritrovate, fanno ora parte delle collezioni Geo Mineralogiche del Politecnico di Torino, conservate presso il Dipartimento dell’Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture del Politecnico di Torino.







In memory of the figure of Alfonso Cossa, man of science with great personality and culture, a significant selection of his thin rock sections will be exhibit at the 17th edition of MINA during the 43rd EUROMINERALEXPO.


ALFONSO COSSA AND HIS THIN ROCK SECTIONS

MINA, the popular thematic exhibition which over the years has dealt with various aspects of mineralogy, will tell, within the edition of 2014, about Alfonso Cossa (Milan 1833 - Turin 1902), italian chemist, petrographer and mineralogist.

Director of the Technical Institute of Udine in 1866, in 1872 he founded the High School of Agriculture of Portici, at Naples.
In 1873, director of the Agricultural Station in Turin and teacher of agricultural chemistry at the Royal Industrial Museum.
From 1877 to 1881 professor of inorganic chemistry at the University of Turin and then, of chemistry in the Application School for Engineersin Turin.

His wide scientific work includes chemistry, mineralogy, petrography and medicine. Cossaite is dedicated to him: that’s a rare mineral species discovered in 2009 at Vulcano.
Cossa is especially famed for the production of many hundreds of thin sections of rock in large format, prepared for macroscopic analysis of the structure of the different rocks collected during the drafting of the Geological Map of Italy.
Recently rediscovered, are now part of the Geo Mineralogical collections in the Polytechnic of Turin, kept at the Dept. of Environment, Territory and Infrastructure of the Polytechnic of Turin.

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » gio 04 set, 2014 13:40

Altro evento, a EUROMINERALEXPO 2014, sarà quello dedicato alle lampade da miniera, con un'esposizione che si preannuncia interessantissima.
Ringraziamo ovviamente il Museo della miniera di Traversella e il gruppo mineralogico Valchiusella




LE ANTICHE LAMPADE DA MINIERA

Da sempre l’uomo si avventura nel sottosuolo per coltivare minerali e combustibili fossili, da sempre la LAMPADA DA MINIERA gli è compagna inseparabile: per meglio organizzare il suo lavoro certamente, ma anche e soprattutto per attingere la sicurezza ed il coraggio per affrontare l’oscurità di un mondo ignoto e pieno di insidie. Le LAMPADE DA MINIERA appartengono alla cultura mineraria di ogni tempo e paese. Le lampade che verranno esposte rappresentano l'evoluzione di questo mezzo di illuminazione e documentano i differenti aspetti e gli sviluppi di questa cultura.
Questa interessantissima mostra è organizzata dal Museo della Miniera di Traversella con la collaborazione del Gruppo Mineralogico Valchiusella.


THE OLD MINING LAMPS

Since always people ventured underground to cultivate minerals and fossil fuels, and since always LAMP MINING is the inseparable companion: to better organize his work certainly, but also and above all to take security and courage to face the darkness of an unknown and full of pitfalls world. MINING LAMPS belong to mining culture of every age and country. The lamps that will be on display will show the evolution of this tool of illumination and documenting the different aspects and developments of this culture.
This very interesting exhibition is organized by the Museum of Traversella Mine in collaboration with the Mineralogical Group Valchiusella.

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6622
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da TOSATO FABIO » gio 04 set, 2014 14:19

BELLISSIMO argomento quello delle lampade da miniera: molti ne hanno parlato anche in questo forum.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » lun 08 set, 2014 19:14

per tutti i quarzari del forum....pane per i vostri denti...uno straordinario "compendio" sulla complessità del quarzo...a quanto pare un po’ "lunatico" :D

L’ENIGMA QUARZO

Il quarzo è un vero enigma. Per risolverlo bisogna imparare la sua anatomia guardandolo secondo diversi punti di vista. Solo così si possono trovare le differenze tra due campioni e cercare una classificazione. Può essere singolo o in compagnia.

SINGOLO

Prima osservazione: trovare le sue forme.
Ne sono state descritte ben 535 ma le più importanti sono solo 5. Il PRISMA che costituisce il corpo, i due ROMBOEDRI che danno la testa e il TRAPEZOEDRO e la BIPIRAMIDE TRIGONALE che occupano lo spazio dell’ascella.
Seconda osservazione: esaminare la superficie, la pelle.
Possiamo trovare STRIATURE, SUTURE, FACCE VICINALI, FOSSETTE DI CORROSIONE, CORROSIONI e LUCIDO-OPACO, ACCRESCIMENTI DI SECONDA GENERAZIONE.
Terza osservazione: l’abito.
Dicono che il quarzo ha più abiti di Armani. I più noti sono: DELFINATO, MUZO, EQUANT, CIPO’, MATA, TICINESE, CONCHIGLIA, CITTADELLA, BABILONIA.
Quarta osservazione: deformazioni.
LA FRATTURA, che può essere composta, scomposta, fessurata. Esiti di un TRAUMA, da taglio, da piegamento. Da ricordare il quarzo con restringimento centrale, a clava, lo sfalloide e le ricristallizzazioni

IN COMPAGNIA

Il nostro reperto ha diversi cristalli che possono essere
NON ORDINATI
ORDINATI PER CASO
ORDINATI PER LEGGI
I NON ORDINATI sono gli AGGREGATI.
Tra gli ORDINATI PER CASO troviamo lo SCETTRO, il TRAMOGGIA, il CAPPUCCIO, il FADEN, l’ELICOIDALE, i DIVERGENTI, i FIGURATI, le CRESCITE PARTICOLARI, gli INCORPORATI.
Tra gli ORDINATI PER LEGGI troviamo il GEMINATO del DELFINATO, GIAPPONE, BRASILE.
Facendo una virtuale autopsia del cristallo possiamo trovare un FANTASMA o delle inclusioni di altri minerali, di ACQUA od altro ancora.
Il cristallo di quarzo può essere trasparente o di vari colori.
L’enigma quarzo per ogni capitolo di osservazione presenta diversi sottocapitoli che spesso sono in conflitto tra loro.

Per finire quello che dovrebbe essere detto all’inizio. In base alla struttura ci sono due tipi di quarzo : FRIEDLAENDER o a macromosaico e BAMBAUER o lamellare.
La prima è dovuta a una crescita di piccoli blocchi che si sono assemblati come un mosaico. La seconda è dovuta a una crescita di tante lamelle in modo concentrico come le tuniche di una cipolla.
Allegati
Quarzo 3.pdf
(266.2 KiB) Scaricato 81 volte
Quarzo 4.pdf
(301.59 KiB) Scaricato 61 volte
Quarzo 5.pdf
(202.72 KiB) Scaricato 68 volte

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » lun 08 set, 2014 19:14

...
Allegati
Quarzo 6.pdf
(123.53 KiB) Scaricato 53 volte

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » lun 08 set, 2014 19:17

THE ENIGMA QUARTZ

Quartz is a real enigma. To solve it we must learn its anatomy, looking from different points of view. Just this way you can find the differences between two specimens and look for a classification.
It can be single or in company.

SINGLE

First observation: finding its forms.
535 have been described well but the most important are only 5. PRISM which is the body, the two RHOMBOHEDRONS which create the head, TRAPEZOEDRO and TRIGONAL BIPYRAMID which occupy the space of the axilla.

Second observation: Examine the surface, the skin.
We can find STREAKS, SUTURE, vicinal FACES, DIMPLES OF CORROSION, gloss and matt CORROSIONS, ENHANCEMENTS OF SECOND GENERATION.

Third observation: the habit.
They say that the quartz has more Armani suits. The best known include: Dauphiné, MUZO, EQUANT, CIPO ', MATA, TICINESE, SHELL, CITADEL, Babylon.

Fourth observation: deformations.
THE FRACTURE, which can be made up, broken, cracked. Outcomes of Trauma, by cutting, or by bending. Remember quartz with central narrowing, cudgel, the sfalloide and recrystallizations


SOCIALLY

Our repertory has several crystals that can be:
NOT ORDERED
SORTED BY CASE
ORDERED TO LAWS
THE NOT ORDERED ONES are AGGREGATES.
Among the SORTED BY CASE we find the SCEPTER, the SKELETAL, the CAP, the FADEN, the GWINDEL, the TWINNED and the FIGURED ones, the SPECIAL growths, the EMBEDDED.
Among the ORDERED TO LAWS we find the TWINNING of Dauphiné, JAPAN, and BRAZIL.
Taking a virtual autopsy of the crystal we can find a PHANTOM or inclusions of other minerals, WATER or more else.
The quartz crystal can be transparent (hyaline) or of various colors.
The enigma of quartz for each chapter of observation has several subchapters that are often in conflict with each other.

To complete what should be said at the outset. According to the structure there are two types of quartz: FRIEDLAENDER or macromosaic and BAMBAUER or lamellar.
The first is due to a growth of small blocks that have assembled like a mosaic. The second is due to a growth of many lamellae in a concentric direction like the coats of an onion.
Allegati
Quarzo 3e.pdf
(190.86 KiB) Scaricato 56 volte
Quarzo 4e.pdf
(301.88 KiB) Scaricato 54 volte
Quarzo 5e.pdf
(203.1 KiB) Scaricato 59 volte

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » lun 08 set, 2014 19:17

...
Allegati
Quarzo 6e.pdf
(123.53 KiB) Scaricato 56 volte

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Simone Ferrante » lun 08 set, 2014 21:28

Si sa che lampade verranno esposte e appartenenti a quale collezione ?? Ne avrei alcune anche molto molto rare interamente in ottone da geometra o da direttore di miniera
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » mar 09 set, 2014 0:45

L'esposizione delle lampade è curata dal Museo della Miniera di Traversella.

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Simone Ferrante » mar 09 set, 2014 1:06

Quindi per un'eventuale collaborazione devo rivolgermi direttamente a loro contattandoli tramite email o telefonandogli ??
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » mar 09 set, 2014 7:35

Direi che visti i tempi ormai agli sgoccioli non ci sia il tempo per organizzare il tutto

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Simone Ferrante » mar 09 set, 2014 13:17

Peccato,ma non mi stupisco: come al solito queste notizie vengono diramate sugli appositi canali ad ampio spettro troppo in ritardo per permettere una collaborazione o un aiuto da parte di terzi.
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Avatar utente
Bologna Mineral Show
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 09 dic, 2006 23:04
Località: Bologna
Contatta:

Re: 43° EUROMINERALEXPO TORINO 03-04-05 Ottobre 2014

Messaggio da Bologna Mineral Show » mer 10 set, 2014 0:30

Caro Simone Ferrante per sua sfortuna dal 2013 sono anche l'organizzatore di Euromineralexpo oltre che da 20 anni quello di Bologna e non mi sono dimenticato le sue polemiche puerili e gratuite che ha fatto dopo la mostra su Campiglia fatta al Bologna Mineral Show del 2013.
Con me essere polemico per partito preso non porta a nulla, anzi!
Comunque per rispondere al suo ultimo intervento relativo al fatto che le notizie vengono diramate troppo in ritardo per permettere una collaborazione o un aiuto da parte di terzi, volevo farle notare una cosa: come può pensare che un organizzatore di mostre conosca tutto il materiale che migliaia di collezionisti privati hanno in collezione? E' sicuramente più facile che qualche migliaio di collezionisti conoscano un organizzatore! E' solo una questione di matematica.
Quello che il sottoscritto Maurizio Varoli e tutto il suo staff della Bologna Mineral Service fanno ritengo che sia risaputo da tutti, sono anni che a Bologna si punta tanto sulla cultura e dal 2013 anche a Torino si è iniziato a fare lo stesso percorso di Bologna, già dall'edizione del 2014 sarà disponibile on line sul sito www.euromineralexpo.it il catalogo in pdf della mostra che a mia memoria non mi risulta sia mai stato fatto e sarà un catalogo con contenuti culturali sulla falsariga di Bologna.
Detto questo, ricollegandomi a quanto esposto in precedenza, se un collezionista ritiene di avere materiale degno di essere esposto sia a Bologna che a Torino non deve fare altro che farsi avanti PER TEMPO, proporre idee, progetti o campioni e le assicuro che la cosa viene valutata. Giusto per farle capire il mio modo di lavorare, nel 2015 a Bologna ci sarà una tematica sui minerali del Trentino: sa quando mi è stata proposta? nel marzo del 2011, ma siccome il sottoscritto programma per tempo, la prima edizione utile per organizzarla è quella di 4 anni dopo e quindi gli interessati hanno accettato.
Pensa che per organizzare due mostre così complesse e grandi ci si possa ridurre all'ultimo momento? Il successo è frutto di programmazione, gli insuccessi sono frutto dell'improvvisazione e quindi tragga lei le considerazioni del caso.
Se le interessa, per Torino sono già state pianificate delle tematiche fino al 2017.
Ritengo di averle chiarito ogni dubbio e spiegato il mio modus operandi.
Cordiali saluti
Maurizio Varoli

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti