Pirite invecchiata

discussioni circa il forum e circa i minerali in genere
gaetanochiappa
Messaggi: 4
Iscritto il: sab 04 feb, 2017 12:10

Pirite invecchiata

Messaggio da gaetanochiappa » mar 21 mar, 2017 10:22

Un caro saluto a tutti e specialmente ai Soci che mi conoscono personalmente.
E' la prima volta che compaio nel forum anche perché l'attività di ricerca si è affievolita di molto, tuttavia, non è diminuita la passione.
Ho un problema: un campione decimetrico di pirite dalle miniere di Boccheggiano (che ormai ha 40 anni) mostra i segni del tempo in quanto presenta affioramenti biancastri e in alcuni punti rilascia polvere di minerale, cosa posso fare? Mi era già capitato con un campione di pirite di Traversella irrimediabilmente perso, non vorrei che succedesse anche a questo.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6519
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 21 mar, 2017 10:37

E' il "cancro" della pirite e la causa è dovuta a una reazione del solfuro con l'umidità dell'ambiente. Non tutte le piriti hanno questa "reazione"; in collezione ho un campione eccezionale di pirite di Niccioleta raccolta da un minatore in una sacca argillosa ed è lucente e inalterata; altre di Gavorrano hanno subito una leggera opacizzazione.

Avatar utente
Michiel
Messaggi: 220
Iscritto il: lun 25 feb, 2008 13:41
Località: Monaco di Baviera

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Michiel » gio 23 mar, 2017 8:17

La degradazione di pirite e marcasite è causata da batteri ossidanti. Una volta innescata c'è ben poco da fare. Come prevenzionesi può sterilizzare il campione in forno.
Michiel Desittere

Benedetti siano gli istanti
e i millimetri
e le ombre delle piccole cose.
(Fernando Pessoa)

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2391
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Maurizio_T » gio 23 mar, 2017 8:50

Michiel ha scritto:
gio 23 mar, 2017 8:17
La degradazione di pirite e marcasite è causata da batteri ossidanti. Una volta innescata c'è ben poco da fare. Come prevenzionesi può sterilizzare il campione in forno.
Michiel, conoscevo la causa illustrata da Dario dovuta ai solfuri, ma non quella batterica (ovvero non in termini così devastanti), per questo ti chiedo se i microorganismi a cui ti riferisci sono normalmente presenti in ambiente, perchè in caso positivo la sterilizzazione in forno potrebbe ritardare solo l'alterazione in quanto, finito l'effetto "soluzione finale" del forno :D, l'attacco riprenderebbe, in caso invece questi batteri non fossero presenti nell'aria dei nostri appartamenti il trattamento a caldo sarebbe definitivo.

Aggiungo che, trattandosi di batteri, si potrebbe provare con un irraggiamento UV a onda corta che potrebbe risolvere il problema senza stressare il campione col calore del forno, che per essere efficace dovrebbe essere superiore ai 100°C in considerazione che molti ceppi batterici sono estremofili.
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2917
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Luca Baralis » gio 23 mar, 2017 16:01

Maurizio_T ha scritto:
gio 23 mar, 2017 8:50
... si potrebbe provare con un irraggiamento UV a onda corta che potrebbe risolvere il problema senza stressare il campione col calore del forno, che per essere efficace dovrebbe essere superiore ai 100°C in considerazione che molti ceppi batterici sono estremofili.
Soluzione assolutamente più praticabile, però con il limite della sterilizzazione solo superficiale: nessun effetto in fessure, nicchie profonde ecc.. Immagino poi che serva una lampada UV a onda corta di una certa potenza: non so se le ordinarie lampade da mineralogia hanno caratteristiche adatte.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2391
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Maurizio_T » gio 23 mar, 2017 19:21

Luca Baralis ha scritto:
gio 23 mar, 2017 16:01
Maurizio_T ha scritto:
gio 23 mar, 2017 8:50
... si potrebbe provare con un irraggiamento UV a onda corta che potrebbe risolvere il problema senza stressare il campione col calore del forno, che per essere efficace dovrebbe essere superiore ai 100°C in considerazione che molti ceppi batterici sono estremofili.
Soluzione assolutamente più praticabile, però con il limite della sterilizzazione solo superficiale: nessun effetto in fessure, nicchie profonde ecc.. Immagino poi che serva una lampada UV a onda corta di una certa potenza: non so se le ordinarie lampade da mineralogia hanno caratteristiche adatte.
Certo, il limite c'è, magari si può provare a lasciare il campione per un certo tempo sotto gli UV sperando che penetrino anche negli anfratti, poi effettivamente bisognerebbe conoscere quale lunghezza d'onda è letale.

Mi viene un'idea, e se si provasse con la candeggina? Ha un effetto mortale sulle cellule e sui funghi, non so però se danneggia la pirite.
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Michiel
Messaggi: 220
Iscritto il: lun 25 feb, 2008 13:41
Località: Monaco di Baviera

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Michiel » gio 23 mar, 2017 22:37

Maurizio, non mi azzarderei a usare la candeggina sui solfuri.

Mi sto documentando. Una pubblicazione relativamente recente:

Frank M. Howie: Care and Conservation of Geological Material
Routledge, 2013

nega invece l'origine batterica del degrado della pirite (a differenza di altri autori) e ne raccomanda la conservazione in ambiente quasi anidro (umidità relativa sotto il 50% o addirittura 30%).
Michiel Desittere

Benedetti siano gli istanti
e i millimetri
e le ombre delle piccole cose.
(Fernando Pessoa)

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 1898
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Mirco » ven 24 mar, 2017 7:27

La candeggina danneggia irrimediabilmente la pirite e tanti altri solfuri, non la proverei. Non so invece come si comporta con la soluzione di sali di ammonio quaternario, se Andrea Canal ci legge potrebbe illuminarci in proposito...
Da un cliente ne ho avuto in regalo un litro di concentrato, diceva che va diluita 20:1 - 50:1 per ottenere quello che si trova normalmente in commercio.
Per quanto riguarda l'ambiente anidro hai provato con i sali di calcio?
Mirco

"Molte volte le persone ci sembrano grandi solo perchè le guardiamo stando in ginocchio"

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1235
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da andrea oppicelli » ven 24 mar, 2017 7:52

Forse potrebbero andar bene, per quanto riguarda l' umidità' dovuta a particelle d'acqua, le bustine di gel di silice
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2391
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Maurizio_T » ven 24 mar, 2017 8:26

andrea oppicelli ha scritto:
ven 24 mar, 2017 7:52
Forse potrebbero andar bene, per quanto riguarda l' umidità' dovuta a particelle d'acqua, le bustine di gel di silice
Si Andrea, le bustine di silice sono una soluzione a portata di mano, ma sinceramente per questa applicazione non saprei quanto è efficace per almeno un paio di motivi:

il mantenimento dei valori di umidità deve essere assicurato da un contenitore ermetico, e questo sappiamo che per i minerali è un bel problem dato che le scatole in commercio non lo sono, e neanche il giro di scotch funziona, gli unici contenitori realmente ermetici che io abbia sperimentato con successo sono i barattoli della marmellata o delle conserve col tappo a capsula, ci ho conservato il realgar per oltre vent'anni, ma vanno bene per piccoli campioni.

le bustine di gel non sono eterne ma si esauriscono e, a seconda dai tipi o si buttano o si rigenerano in forno, se si sceglie quest'ultimo tipo è meglio prendere quelle dove il gel diventa rosa quando saturo, in ogni caso è scocciante stare a rigenerare periodicamente la carica essiccante.
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 1898
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Mirco » ven 24 mar, 2017 9:14

Maurizio_T ha scritto:
ven 24 mar, 2017 8:26
...un contenitore ermetico, e questo sappiamo che per i minerali è un bel problem dato che le scatole in commercio non lo sono, e neanche il giro di scotch funziona, gli unici contenitori realmente ermetici che io abbia sperimentato con successo sono i barattoli della marmellata o delle conserve col tappo a capsula, ci ho conservato il realgar per oltre vent'anni, ma vanno bene per piccoli campioni.
...hai provato con un filo di silicone sul bordo prima di chiuderle? Cosa intendi per "piccoli campioni"? Nei barattoli di marmellata ce ne stanno di campioni... oppure collezioni menhir come Obelix? :D :D :D
Mirco

"Molte volte le persone ci sembrano grandi solo perchè le guardiamo stando in ginocchio"

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2391
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Maurizio_T » ven 24 mar, 2017 9:45

Mirco ha scritto:
ven 24 mar, 2017 9:14
Maurizio_T ha scritto:
ven 24 mar, 2017 8:26
...un contenitore ermetico, e questo sappiamo che per i minerali è un bel problem dato che le scatole in commercio non lo sono, e neanche il giro di scotch funziona, gli unici contenitori realmente ermetici che io abbia sperimentato con successo sono i barattoli della marmellata o delle conserve col tappo a capsula, ci ho conservato il realgar per oltre vent'anni, ma vanno bene per piccoli campioni.
...hai provato con un filo di silicone sul bordo prima di chiuderle? Cosa intendi per "piccoli campioni"? Nei barattoli di marmellata ce ne stanno di campioni... oppure collezioni menhir come Obelix? :D :D :D
Il silicone è efficace ma non comodo, perchè quando devi rigenerare o sostituire il gel esaurito lo devi asportare, e non viene un lavoro pulito, le scatolette si rovinano.

I barattoli di marmellata a cui mi riferisco sono quelli normali e in cui ci va un campione di dimensioni intorno ai 5x5 cm, uno small cabinet per intenderci, poi è chiaro che esistono anche barattoli da 1 Kilo, ma onestamente sono proprio brutti.... e poi alla linea ci tengo :D :D :D
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2917
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Luca Baralis » ven 24 mar, 2017 16:38

Maurizio_T ha scritto:
gio 23 mar, 2017 19:21
... poi effettivamente bisognerebbe conoscere quale lunghezza d'onda è letale.
La lunghezza d'onda dovrebbe essere OK: le lampade germicide lavorano in genere a 254 nm (campo UV-C, vale a dire sotto i 280 nm).
Il dubbio è se le lampade da mineralogia, specie quelle economiche di bassa potenza e con filtri magari non proprio eccellenti sono in grado di garantire un effetto germicida adeguato.

In ogni caso un trattamento antimuffa e batteri potrebbe non essere una cattiva cosa per tutti i campioni raccolti in terra, discarica e simili.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2917
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Luca Baralis » ven 24 mar, 2017 16:43

Mirco ha scritto:
ven 24 mar, 2017 9:14
...hai provato con un filo di silicone sul bordo prima di chiuderle?
Questa è un'idea che vado subito a provare con una certa calcantite :wink:
Pro: dovrebbe essere abbastanza sigillato da non dover ripristinare dissecante o umidificatore per mooolto tempo!
Contro: mai piaciuta l'idea di non poter tirar fuori il campione. Però meglio chiuso che perso.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 1898
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Pirite invecchiata

Messaggio da Mirco » ven 24 mar, 2017 19:52

Luca Baralis ha scritto:
ven 24 mar, 2017 16:43
Mirco ha scritto:
ven 24 mar, 2017 9:14
...hai provato con un filo di silicone sul bordo prima di chiuderle?
Questa è un'idea che vado subito a provare con una certa calcantite :wink:
Pro: dovrebbe essere abbastanza sigillato da non dover ripristinare dissecante o umidificatore per mooolto tempo!
Contro: mai piaciuta l'idea di non poter tirar fuori il campione. Però meglio chiuso che perso.
Beh, se forzi un po' si apre, garantisco
Mirco

"Molte volte le persone ci sembrano grandi solo perchè le guardiamo stando in ginocchio"

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti