Libertà condivisa ed etica del/nel forum

discussioni circa il forum e circa i minerali in genere
Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23474
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Marco E. Ciriotti » mar 22 mag, 2007 12:33

Sull'argomento in oggetto, pregasi leggere quanto in:

viewtopic.php?t=2067

Grazie.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23474
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 27 set, 2007 14:47

A tutti gli utenti

L'AMI allorchè ha preso la decisione di aprire questo sito web e annesso forum l'ha fatto nell'intento (non so se realizzato) di offrire un servizio al mondo del collezionismo dei minerali e della mineralogia in genere (privilegiando la micro).
Pertanto lo scopo unico è quello di discutere e divulgare cose attinenti al mondo (così vasto e interessante) dei minerali.
Dei progetti e del loro esito io e il Consiglio di Amministrazione rendiamo edotta ogni anno l'Assemblea dei Soci (che è sovrana in materia). Non è certo intenzione mia permettere che anzichè un fiore all'occhiello il forum possa, anche solo per una parte esigua dei soci, essere interpretato come il luogo ove si fa blogging e chatting, ove ci si battibecca o dove soltanto si fanno battute a gogò di ogni tipo e di ogni genere.
Questo, io per primo, non intendo permetterlo.

Il "richiamo" è pertanto il seguente: molto meglio pochi messaggi con elevato contenuto che una marea di messaggi a basso valore aggiunto.
Grazie.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23474
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 11 ott, 2007 14:19

Velate denunce a personaggi seppur pubblici, un po' ipocrite in quanto senza i nomi dei destinatari, sono categoricamente interdette da questo forum.

Questo forum è nato per parlare di minerali e non certo per precipuamente criticare i comportamenti di persone ed enti.

In quanto personaggio pubblico so benissimo (e ne ho le prove) di incorrere in critiche. Ma una buona etica impone che ciò che si ha da dire a una persona lo si faccia solo allorché la persona è presente (sia in pubblico, quanto in privato).

È inevitabile che qualche appunto critico ci stia, ma il farne oggetto di reiterati messaggi è il superamento del limite.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6348
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » gio 29 nov, 2007 0:04

Mi pesa farlo, in quanto faccio la figura di quello che facilita l'insorgere di orchite e mastite.
Ma credo sia doveroso riportare a galla un topic che spesso viene sottovalutato.
Se il signor -mr. X deve dire qualcosa al signor -mr. Y non deve fare altro che mandargli un messaggio privato.
Chi scrive nel forum deve sempre avere chiaro a chi si rivolge (alla comunità di internet, non dell'AMI o del forum).
È meglio abbandonare i toni da crociata o a portatore dell'unica e monolitica verità.
Ricordiamoci sempre tutti che siamo ospiti in una casa altrui, perchè lo spazio del forum non è nostro.
Questo non significa che è vietato criticare, ma ricordiamoci che le parole scritte offendono di più delle parole dette: accompagnamo per favore i nostri scritti più duri da un segno di amicizia verso colui o coloro a cui ci rivolgiamo.
È utile, almeno è questo che io penso, pensare mentre scriviamo che quello di cui trattiamo è un hobby e di non caricarlo troppo di valori e significati che vanno oltre alla nostra personale percezione.
Siamo tra amici e quindi tra amici ci si può anche arrabbiare, ma non si è mai poco limpidi, si è chiari e diretti.

Se qualcuno di noi riveste un compito o carica istituzionale o sociale - direttiva di qualche associazione, rispettiamolo per quello che rappresenta: questa è una regola sia di cortesia, sia di convivenza in qualsiasi gruppo o comunità.
Questo non significa essere proni al potere, anzi, ma solo instaurare un corretto rapporto di dialogo scritto pubblico: le critiche se ci sono devono essere chiare, governate sempre da un tono di amicizia.
Amicizia, perchè quello di cui parliamo è per molti di noi un hobby, una passione che per molti di noi non può assumere i toni ed una rilevanza superiore a certi livelli.

Tenete presente che quello che scriviamo è un chiaro sintomo e "cartina di tornasole" di quello che noi riteniamo (consci o non consci) di fare apparire della nostra interiorità: provate a rileggervi.

PS = un modestissimo quarzo alpino ha non meno di 50.000.000 di anni, non sto qui a calcolare i giorni, ore e secondi, mentre noi con i nostri titoli e collezioni siamo solo una leggera increspatura insignificante del tempo.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Piero Brizio
Messaggi: 401
Iscritto il: dom 18 feb, 2007 21:10
Località: Torino

Messaggio da Piero Brizio » gio 29 nov, 2007 0:22

Ciao

sono tornato adesso da scuola e sono stanchissimo: non so se quel che scriverò sarà facilmente comprensibile, ma ci provo.

A ciò che ha scritto Fabio Tosato, che sono prontissimo a sottoscrivere in qualunque modo e qualunque forma, dopo aver fatto un ripassino dei vari Topic, ma specialmente di questo, mi sorgono due domande che ora pongo ed alle quali spero qualcuno dia una risposta.

Uno. Perchè più leggo e più penso/sento venire a galla il buon vecchio proverbio: chi troppo vuole nulla stringe? Come non pensare che se le nostre richieste sono troppo lontane dalle idee altrui è sufficiente per gli altri non prenderle minimamente in considerazione? E perdere così una occasione unica?

Due. Tutti a parlare di diritti, diritti ed ancora diritti. Ma dove son finiti i doveri di un cittadino? Anche solo quelli legati alla propria coscienza ed al proprio modo di essere? Possibile che si pensi sempre di più solo a se stessi - ed alle proprie cose - che non al valore delle cose? È proprio vero che internet e le possibilità di comunicare non fanno aumentare la cultura ma semplicemente amplificano le mancanze che ci sono.

Sono stato troppo duro? Non so.
Ma vedo la scuola che sta andando non si sa dove.
Vedo la società che sta andando non si sa dove.

E tutti a cercare di strillare più forte e troppo spesso, secondo me, senza sapere troppo bene cosa si dice.

Scusatemi lo sfogo ma forse domani torno a scuola, per quanto posso,
un po' meno in*****to.

Ancora scusa so che potrei ancora farlo, ma non voglio cancellare il tutto
(sapendo che qualcuno lo leggerà, mi sento un pochino meglio).

Ho strillato anch'io e senza faccine!

Ciao.
Buonanotte.
Piero

-------------------------

Piero Brizio
Torino

Cercare. Cercherò... Cercar bisogna!

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6348
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » gio 29 nov, 2007 0:34

Grazie Piero: spesso quando si è stanchi si vede oltre.
I diritti sono sacrosanti, ma vuol dire che ci sono anche degli obblighi, altrettanto anch'essi sacrosanti.
Dove stiamo andando?
Siamo in grado di dare dei consigli-suggerimenti-idee, si pensa migliorativi, non tanto ad una proposta di legge, ma ad un intendere comune di quello che significa raccogliere e collezionare minerali? Sappiamo andare oltre con il nostro sguardo?
Quale orizzonte intravediamo?
O preferiamo guardare le nostre mani sporche di terra che stringono un pezzo di roccia?
Tesssorooo... il mio... mio... tesssoro...
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Piero Brizio
Messaggi: 401
Iscritto il: dom 18 feb, 2007 21:10
Località: Torino

Messaggio da Piero Brizio » gio 29 nov, 2007 0:41

Eppure anche in Gollum qualcosa di buono c'era.
Forse un po' più di qualcosa.
Ma quanta pazienza ha dovuto metterci Frodo?

Io ho paura di aver quasi esaurito la mia.
(non è vero, domani andrò sicuramente a scuola)
Ma...

Grazie di esistere.
Grazie di esserci incontrati a Montoso.
Grazie che forse, un giorno, ci incontreremo ancora.

Varrà la pena arrivarci

Ciao e buonanotte.
Un po' meno arrabiato.

Buonanotte.
Piero

-------------------------

Piero Brizio
Torino

Cercare. Cercherò... Cercar bisogna!

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6348
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » gio 29 nov, 2007 0:46

Notte buona Piero.
Che i tuoi sogni siano limpidi e caldi.
Oltre alla zeunerite c'è lo sguardo sulla Pianura Padana coperta di foschia, c'è il rumore delle mazzette degli amici che fermano il tempo.
Per un attimo che sembra non finire mai.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

geocronite
Messaggi: 838
Iscritto il: lun 02 lug, 2007 13:14
Località: nepi (Vt)
Contatta:

Messaggio da geocronite » gio 29 nov, 2007 10:16

Le vostre riflessioni si rispecchiano nelle mie e se da una parte ciò mi fa molto piacere (perchè pensavo di essere un pazzo a pensarla in questo modo) dall'altra mi spaventano in quanto vanno purtroppo a consolidare alcune mie convinzioni sull'attuale società. Dici bene Piero, tutti strillano per poi fare cosa? Avere l'ultima parola? Con i ragazzi non so come fai (io ci sto solamente un'oretta nel treno poichè sono pendolare, ma credimi che è sufficiente per uscire di testa, ma soprattutto cosa ancor più sconfortante sono i "valori" a cui i ragazzi di oggi sono legati: telefonini, mp, ecc). Non vorrei entrare nel merito (non sarebbe sufficiente nemmeno tutto lo spazio del forum) ma mi rattrista moltissimo veder volar via dei valori (amicizia, stima, altruismo) che sembrano ormai essere termini "storici" e non più attuali!
Molto spesso con i miei amici affrontiamo questi temi e qualcuno afferma che qualcosa di buono ancora c'è, ma io purtroppo non riesco più a vederlo. Rifugiatomi nel mondo dei minerali mi sono accorto che è la stessa cosa, ma per fortuna ho conosciuto molte persone che in qualche modo mi hanno fatto ricredere, e molte di loro sono nel forum.
Oggi forse sarò troppo pessimista, ma proprio non riesco a "cedere" alle false notizie, alle "emergenze" e agli "allarmi" che i mass media "gridano" quotidianamente, né tantomeno alla ipocrisia, al falso moralismo e a tante altre questioni che invece purtroppo sono oramai parte della vita quotidiana. Io cerco di restarne fuori, ma la mia delusione e la mia rabbia aumentano quando mi guardo intorno e vedo tristezza, paura, diffidenza, superficialità, arroganza...
Per fortuna che il sole ancora c'è e si nota molto di più dopo una giornata nuvolosa.
fabio
Socio GMR
libero ricercatore

Marco Pistolesi
Messaggi: 1057
Iscritto il: lun 19 mar, 2007 22:14
Località: Piombino-Li-

Messaggio da Marco Pistolesi » gio 29 nov, 2007 18:12

Ciao a tutti.

È un mondo strano, quello che vediamo, un mondo dove tutto corre velocemente lasciandosi dietro, purtroppo, quei valori ai quali noi eravamo e siamo abituati. Purtroppo è la società che cambia e con essa il modo di intendere la vita, dove tutto è scandito dalla modernizzazione e aime anche da internet.
Un mondo che ha aperto nuove frontiere della conoscenza, che ha accorciato le distanze, ma è un mondo virtuale, dove, nel premere un tasto, crediamo di aver spalancato chissà quali finestre.
Un mondo informatico che però non è riuscito e non riuscirà mai a dare anche un'anima a quello che scriviamo, a dargli un tono, perchè è vero, lo scritto, fa molto più male delle parole, in quando ad esse con il cuore riusciamo a dargli un colore, parole che riusciamo subito a decifrare dal solo modo con il quale vengono dette, dall' espressione stessa del volto, cosa che lo scritto non può avere.
Questo per dire che le giovani generazioni stanno perdendo il calore del contatto umano, il calore è l'importanza di trovarsi davanti ad una persona in carne ed ossa che ci giudica e ci consiglia.
Si parla di amicizia, ma siamo sicuri che sia amicizia e non conoscenza!?
Anch'io tutt'oggi voglio continuare a credere nell'amicizia, e alla possibilità di poter rimediare a errori che magari in passato abbiamo commesso. Sarebbe un errore credere che tutto è definitivo e risolutivo. Ognuno di noi ha da imparare, da insegnare, da rimediare e perchè no, anche concedere agli altri di rimediare.
Io non sono così pessimista a riguardo dei giovani, anzi, le esperienze che ho avuto in ambito sportivo mi hanno portato a stare accanto ai ragazzi (under 16 -14) e mi sono convinto che molto dipende da noi "anziani) perchè sovente siamo noi che forniamo i modelli comportamentali che i ragazzi assumono. Nel bene e nel male. In molti di essi rivedevo e rivedo quello che ero quando avevo la loro stessa età. Forse noi siamo stati più "fortunati" a crescere in una epoca in cui la famiglia si poteva dire tale, in una epoca dove chi cresceva i figli erano i genitori e non come ora che spesso, meno che quattordicenni, sono già fin troppo cresciuti.
Siamo noi che dobbiamo dare l'esempio, e io ringrazio il fatto di essermi avvicinato a questo hobby già dall'età di tredici anni, impedendomi di fatto di prender strade sbagliate che purtroppo anche alcuni miei amici più sfortunati presero.
Un saluto a tutti.
Marco
Ultima modifica di Marco Pistolesi il lun 03 dic, 2007 19:29, modificato 6 volte in totale.

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6348
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » gio 29 nov, 2007 22:05

Ritornando al tema del topic.
Non è bello e corretto appropriarsi del silenzio di chi non può o vuole partecipare attivamente nel forum: la massa silenziosa ha le sue idee.
Non è detto che le idee più pubblicizzate siano quelle più corrette e/o più condivise.
Il forum è solo una piccola fetta del movimento mineralogico in senso lato: potrebbe essere intesa come una minoranza molto attiva, come un campione demoscopico significativo.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6348
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » ven 21 dic, 2007 22:30

"C'è un legame segreto fra lentezza e memoria, fra velocità e oblìo"
Kundera, Milan. La Lentezza

"...a volte l'elaborazione delle idee è più lenta dei fatti. Così come il cannibalismo delle notizie, che a ritmo incessante si susseguono mangiando quelle che le hanno precedute, non fa altro che allontanare la memoria e la consapevolezza di quanto è accaduto. "
Stefanello, Vinicio. La lentezza e il web. Alp n. 247, nov. 2007.

Tutti noi concepiamo internet come velocità, immediatezza, domanda immediata che chiama risposta immediata.
Anche il nostro forum è spesso così: ma non tutti gli argomenti che si trattano possono essere discussi con una botta-risposta -sì-no- avanti un'altra domanda.
Credo sia giusto lasciare il tempo che è necessario per lasciare sedimentare certi argomenti, idee, sollecitazioni: forse non è sempre utile riconcorrere il consenso a tutti i costi, la risposta immediata a qualche domanda.

Lasciamoci il tempo che serve, andiamo a rileggere quello che è stato scritto, rileggiamo i topic che ingiustamente chiamiamo "vecchi".
La lentezza fa parte di noi: conosciamo il potere del tempo, che solidifica i sogni della natura in splendenti cristalli.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Piero Brizio
Messaggi: 401
Iscritto il: dom 18 feb, 2007 21:10
Località: Torino

Messaggio da Piero Brizio » ven 21 dic, 2007 23:59

La lentezza fa parte di noi: conosciamo il potere del tempo, che solidifica i sogni della natura in splendenti cristalli...

... ed in idee ancora da venire.


Invecchiamo insieme
e proviamo la nostra saggezza:
che sia a prova di galena...
... il più trasmissibile al mondo.


Al mondo degli AMIci
al mondo dei cristalli
al mondo di tutto
e al mondo di tutti.

Saluti
Nèeh.
Piero

-------------------------

Piero Brizio
Torino

Cercare. Cercherò... Cercar bisogna!

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6348
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » sab 12 gen, 2008 20:16

Sempre più spesso nel forum si discute su "etica" ed è un argomento che è scaturito da varie discussioni anche prima della fatidica proposta di legge "Naccarato".

Ma di etica se ne parla da molto tempo in svariati settori, tra i quali anche l'alpinismo ed arrampicata in genere.
Traggo da un articolo questo pensiero della grandissima scalatrice Lynn Hill:
" ...Volevamo dare il meglio. Con il clean climbing, per esempio, cercavamo di arrampicare nello stile migliore possibile, salendo le vie più difficili nel modo più puro e pulito... Anche l'arrampicata è cambiata. C'è sempre più gente che arrampica, ci sono più aziende e quindi più interessi, più business... Però dell'arrampicata restano quelle qualità che stimolano alla scoperta della natura e di sè stessi. E' rimasta quella che definisco la <meditazione>, quell'interazione tra te, la natura, la roccia e l'ambiente che ho sempre trovato speciale. E' un'altra forma di meditazione che mi ha aiutata a sviluppare la sensibilità verso la natura e verso me stessa. Così ho trasferito l'etica dell'arrampicata alla vita".
tratto da :
Stefanello, Vinicio: Al di là dell'arrampicata. ALP, 248, 12/2007, pag.54-55

Sappiamo e/o sapremo fare altrettanto?
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10779
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Messaggio da Luciano Vaccari » dom 13 gen, 2008 18:30

Sappiamo e/o sapremo fare altrettanto?
Alcuni sì e alcuni no... in fondo siamo questo: tanti esseri uguali con la convinzione di essere unici... o tanti esseri unici costretti ad essere tutti uguali?
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti