Libertà condivisa ed etica del/nel forum

discussioni circa il forum e circa i minerali in genere
Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 5801
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » mar 15 gen, 2008 22:23

Solo per ricordarci tutti di quanto segue.
La fotografia non è la realtà: per sua concezione la fotografia è un attimo di qualcosa che ricorda (talvolta anche vagamente) un aspetto del pensiero del fotografo posto davanti ad un fatto reale.
Quindi prima di trarre delle conclusioni davanti ad una fotografia, andiamoci cauti: ricordiamoci bene l'esempio della foto del miliziano che cade colpito sotto il fuoco nemico scattata (si supponeva) da R. Capa nella guerra di Spagna.
In realtà aveva chiesto ad un soldato di simulare una caduta... (e di esempi simili non sono mancati nelle recenti guerre medio-orientali e africane...).
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 5801
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » mer 16 gen, 2008 21:31

È di assoluta importanza capire che le posizioni espresse dai singoli nel forum sono posizioni personali, ad esclusione di quelle espresse formalmente ed ufficialmente da persone che operano ed agiscono per nome e conto di associazioni e/o enti.

In un confronto è fondamentale che le posizioni vengano chiarite e che spesso siano anche in contrasto: nella diversità, ma specialmente nella possibilità di esprimere tale diversità, risiede la democrazia.
NON DIMENTICHIAMOLO, MAI.

Esprimere le proprie posizioni non significa pensare che un altro sia in mala fede o che stia attuando un "attacco" personale: cerchiamo di non avere l'idea che tutti siano contro di noi.

Operiamo sempre con un sorriso, senza dimenticare che qui siamo in casa altrui.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23479
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » lun 16 giu, 2008 13:27

Anche mindat.org ha ora alcune spicciole regole.
Le riporto integrali qui di seguito:

""We have a few basic rules about the use of this site that I need to make clear again here:

1. No commercial advertising via the messageboard or directly to people who have put their email on this site. If someone has requested particular information (ie they have specifically asked for a seller of something to contact them) then that is the ONLY exception where a private message is allowed. Commercial advertisers are welcome to buy advertising on the site and help subsidise the costs of running mindat.org. It is not fair to those who pay for advertising to expect to have a free advert here.

2. No offensive, abusive, rude or overly-confrontational behaviour. There is a grey area between what is offensive and what is normal "heated" conversation about things we are passionate about, but if we judge that you have "stepped over the line" your message may be edited or withdrawn and you may face blocking from the site.

3. No uploading of copyrighted material (be it photographs or text) without the explicit permission of the copyright owner. Material that is out of copyright, or extracts that are covered under "fair-use" rules are excepted. If you have any doubt about something please ask on the messageboard.

4. ABSOLUTELY NO USE OF DOWNLOAD UTILITIES OR WEB COPIERS. These tools are designed to make offline copies of websites. To copy the whole mindat.org website from a standard broadband connection would take days, if not weeks. But while it does that, it overloads the server to the extent it makes it very slow for other people to use the site. As such, anyone caught using such a tool to download content from the site automatically will be banned from using mindat.org. I reserve the right to charge for reactivation of an IP address blocked in this manner because it takes a significant amount of my time to deal with these problems. At the very least you will be asked to sign a letter and post it to me promising never to use such tools again before being readmitted. SO please, do not try.""
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 5801
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da TOSATO FABIO » lun 01 dic, 2008 22:43

Funzione del forum è creare una piattaforma di divulgazione e condivisione di idee, notizie, dati, informazioni in modo che tutti i partecipanti e lettori possano accrescere le loro conoscenze e senso di appartenenza ad un gruppo, ad una comunità che ha come perno il mondo dei minerali.
Come in ogni comunità ci possono essere scambi di idee, idee contrastanti, diverse visioni dello stesso problema perchè ogni cosa non è mai solo nera, non è mai solo bianca.
Come in ogni comunità gli scambi di idee possono talvolta assumere toni forti e spesso sfociare in piccoli o grandi scontri.
Ma ha senso farlo su una piattaforma virtuale dove non si ha la possibilità dello scambio diretto? dove non si guarda e non si è guardati direttamente negli occhi? dove non ci si può toccare e scambiarsi un mezzo sorriso che stempererebbero l'animosità del dialogo?
Diamoci delle risposte.

Ha senso esporre nel forum delle situazioni di screzio interpersonale che nascono in ambiente privato ma che se trasposte sul forum assumono toni, visibilità di rilevanza pubblica?
Ha senso puntare il dito su tizio o caio o su Mario Rossi e John Smith?
Secondo me , no.

Ha senso invece trasporre situazioni personali in una visione ampia, generalizzata, che possa servire da stimolo per una discussione .
Non sono dell'idea che i panni sporchi si debbano lavare in casa: i panni sporchi si possono lavare in pubblico ma senza dire a chi appartengono.
Se nel forum gli attacchi diventano personali, credo sia meglio evitare tali messaggi ed arrivare, a giudizio insindacabile del moderatore, a venire rimossi per il bene del forum stesso.

Nel forum sta nascendo il progetto di portare avanti una visione diversa del collezionismo e della ricerca attiva, visione che anche AMI sta valutando: è evidente che questa nuova visione implica anche un diverso modo di intrattenere dei rapporti con le pubbliche amministrazioni in genere (enti statali, regioni, amministrazioni locali, università, enti preposti al controllo e valorizzazione del territorio).
Visto che il forum viene letto anche da tali enti, ritengo che chi scrive nel forum deve tenere un atteggiamento corretto verso tali enti, che non vuol dire servilismo o senso di inferiorità .

E' altrettanto evidente che molti del forum auspicano un atteggiamento più etico nella ricerca e nel condurre il collezionismo: può anche non essere condiviso da tutti ed è per questo che si punta molto sul dialogo e scambio di idee su tali importanti temi e la discussione deve essere portata avanti.
Anche in questo delicato campo, gli attacchi personali sono controproducenti , per tutti.

Come in qualsiasi gruppo mineralogico può succedere che due soci si fanno scrocchiare le ossa, ma questo non può guastare la serata del gruppo e di solito il presidente del gruppo o il socio anziano fa calmare i due galletti: nel forum questo non è facile e quindi la figura del moderatore deve essere accettata PERCHE' IL FORUM NON E' UNA CHAT.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6404
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Massimo Russo » mar 02 dic, 2008 8:57

Come sempre quoto appieno le tue parole.

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Tiberio Bardi
Messaggi: 1487
Iscritto il: gio 04 gen, 2007 10:25
Località: Via Delle Poggiole 409 - Quarrata (PT)

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Tiberio Bardi » mar 02 dic, 2008 9:15

Io personalmente non sono pienamente daccordo su quanto scritto da Fabio, in quanto il forum, come si è detto tante volte, è un'estensione dell'AMI e quindi chiunque scriva, si deve attenere alle regole di principio dell'Associazione.
Quindi, visto che i principi di base sono..........Il rispetto delle persone, della natura, della proprietà privata, delle leggi e degli usi, costumi e consuetudini .............. chiunque scriva o agisca in modo non in linea con tali principi, deve essere richiamato pubblicamente, e non coperto con una coltre di nebbia.
Inoltre, non credo che tutti, nel forum, abbiano cose interpersonali, ma più in generale leggono cosa viene scritto, e si fanno poi le idee in proposito.

Gli ultimi fatti, secondo me, ma non solo secondo me, nuociono allo spirito del forum, e di riflesso anche all'AMI.
Tiberio Bardi
Presidente AMPP Associazione Mineralogica Prato-Pistoia

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10171
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Luciano Vaccari » mar 02 dic, 2008 9:48

chiunque scriva o agisca in modo non in linea con tali principi, deve essere richiamato pubblicamente, e non coperto con una coltre di nebbia
Partiamo dal principio che il forum AMI è un forum di mineralogia, e il fatto che ci sia una sezione IN LIBERTA' non sta ad indicare che qui si può dire ogni cosa in qualsiasi modo, soprattutto se nociva per il forum...
Questa è una piattaforma pubblica e come tale c'è qualcuno che arriverebbe a rispondere personalmente per le cose scritte da altri.....questo non andrebbe dimenticato, come invece accade.

Quando alcuni messaggi sono dubbi, ossia fanno porre la domanda:" questo argomento così trattato può recare danno al forum?", si preferisce toglierli.....è stato così fin dall'inizio, è una regola di questo forum e si presuppone che gli utenti l'accettino al momento dell'iscrizione.(il famoso border-line a cui spesso accenna Marco)

Si può parlare di tutto, da sempre, ma spesso ciò viene male interpretato e i toni e i modi non sono consoni alla linea che si dovrebbe adottare.

Quando un argomento è posto o trattato in modo tale che sia inevitabile il coinvolgimento personale, con annesse offese del caso e quant'altro, il forum diventa uno strumento con il quale pochi trattano le loro faccende private...questo non è possibile ....solo quando si discute sul principio e si generalizza la discussione rimane interessante e/o importante perchè è di tutti e per tutti.

Riguardo ai richiami e alla nebbia....cerchiamo di essere onesti.....non è vero che esiste un solo metro, e questo mi dispiace...
In questi giorni c'è stata qualche vicenda calda....bene, ci può stare.
Diciamo che una persona ha scritto una cosa in modo inopportuno; è stata richiamata, ha corretto e ha chiesto scusa....risultato?
Lo si è continuato a tartassare riportando la sua frase originale dopo che era stata corretta da lui.
Ora qualcuno mi deve spiegare qual'è l'utilità di questo procedere....
Mi gioco la testa che se fosse stato, ad esempio, Massimo Russo(per non dire altri) a commettere l'errore, tutto questo putiferio non avrebbe mai avuto origine, il forum tutto o quasi avrebbe preso le sue difese e le sue pubbliche scuse lo avrebbero immolato a persona corretta ecc.ecc.
Però così non è per tutti; qualcuno, per qualche ragione che preferisco non conoscere , può piacere meno...ecco che il comportamento collettivo diventa diverso....è giusto? E' corretto fatto da noi "paladini" dell'etica?

Dico, dopo che pubblicamente una persona si scusa, la cosa dovrebbe finire lì...gli ammonimenti del caso(che sono seguiti) si fanno in forma privata;ora è compito mio ma auspico in un rientro di Marco il prima possibile.

Bene, davanti a questo distinguo non posso che tranciare la cosa, perchè di certo non è questa l'immagine che dobbiamo dare del forum stesso, e soprattutto perchè quando viene fuori in modo evidente che non è il principio che si vuole evidenziare, ma una persona che si vuole colpire, allora si esce dal seminato, e i discorsi sulla nebbia o altro non hanno motivo di essere fatti.
Si ferma un uso improprio di un BENE comune.( a parte il fatto che non ho fermato o cancellato nulla ma solo richiamato all'ordine tutti indistintamente).

Poi vorrei sapere quanti di noi sono veramente senza peccato....quanti hanno richiamato l'amico in questione privatamente chiedendogli spiegazioni, parlandogli di come tutti insieme vorremmo provare a migliorare il nostro approccio con la ricerca, di come si vorrebbe migliorare noi in prima persona, possibilmente senza additare troppo qualcun'altro.

Per me non c'è problema se dobbiamo tirare fuori gli scheletri dagli armadi e parlarne in modo pubblico...però ognuno deve svuotare il proprio, non quello degli altri.

Se ne vogliamo parlare sarò felice di ascoltare i mea-culpa di ognuno, e non avrò problemi a dire i miei...
Diversamente, e lo chiedo per cortesia, smettiamola di comportarci come vittime di una cesura che non c'è...
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Daniele
Messaggi: 564
Iscritto il: mer 12 gen, 2005 15:02
Località: Cafasse (TO)

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Daniele » mar 02 dic, 2008 10:49

Partendo dal presupposto che sul fatto di non trasformare il Forum in arena dobiamo convenite tutti, proporrei di valutare con serenità quanto scritto da Tiberio per cercare di capire la posizione da lui espressa(ho fatto un nome ma solo perché so che lui non se la prende...). Tiberio non lo conosciamo certo come attaccabriche ma come uno che da quando è nell'AMI si è dato un gran da fare, in modo sempre costruttivo.
Partiamo da un caso ipotetico che potrebbe accadere in futuro (speriamo di no): uno scrive sul forum un messaggio che palesa, anche solo a livello di possibilità, un comportamento non in linea con lo statuto AMI (ed eventualmente con qualche legge). Bene ha fatto Fabio a ricordare la necessità di un intervento immediato del moderatore, drastico se necessario o privato come dice Luciano se questo è sufficiente. PURCHE' PERO' IL SOGGETTO ABBIA CAPITO CHE SI TRATTA DI UN ERRORE DI COMPORTAMENTO, e lo ammetta o piuttosto taccia, va bene lo stesso , nessuno lo va a cercare per la fustigazione. Nessuno di noi è santo. Se invece per ipotesi volesse farlo passare agli occhi degli utenti del forum come errore di battitura qualcuno potrebbe sentirsi preso in giro e da qui potrebbe nascere una lunga per quanto sbagliata diatriba. Non siamo santi è vero, ma neanche p..la.
Forse certe reazioni a volte nascono dall'impressione (magari errata, per carità) che "s'ha da passare per bischeri".
Sarebbe forse anche opportuno che nel Forum, essendo come ha ricordato Tiberio un'estensione dell'AMI, chi crede nella possibilità di una ricerca etica e senza coltellate nella schiena non venga additato come un fesso che vive sulla luna com'è successo ieri ad un altro toscano. Tale posizione non credo sia compatibile con lo statuto AMI e un lettore del Forum che non conosca di persona i soggetti coinvolti non può sapere se si scherza o meno.
Detto questo essendo adulti cerchiamo di usare il buono di ognuno per provare ad andare da qualche parte, come ha detto Luciano partendo da noi stessi.

(Se qualcosa che ho scritto a qualcuno sembrasse avere intenti offensivi la cosa non è voluta nel modo più assoluto, tuttavia il messaggio si può cancellare...)
Buona giornata a tutti

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10171
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Luciano Vaccari » mar 02 dic, 2008 11:14

Daniele, nulla di quello che hai scritto deve essere cancellato, anzi, fai sempre interventi bilanciati da che ti leggo.....
Sono d'accordo con quello che dici, e fondamentalmente lo sono anche con Tiberio, tant'è che ho proposto di parlare apertamente di certi argomenti delicati,però che ognuno dica del suo; credo che sia più onesto .

Qualcuno ieri asseriva al fatto che non è bello che chi denuncia alla fine passa per il cattivo o il fesso di turno...nulla da eccepire...però la denuncia va fatta nei modi e nelle sedi opportune; nel forum si può denunciare quando si hanno prove certe e concrete, e preferibilmente si denuncia un fatto prima della persona.

Se, per ipotesi, si verificasse una vicenda simile a quella che ha portato a questa discussione, e si venisse a sapere per certo che mister X fa certe cose in modo ILLECITO e le decanta vantandosense, la prima cosa che farei sarebbe di interrogare il CdA AMI sull'eventualità di accettare mister X nell'associazione e nel forum stesso, ossia dopo la denuncia i relativi provvedimenti(ovvio, solo in seno all'associazione, non siamo un'autorità)...

Attraverso il forum si sono organizzate e si organizzeranno ancora tantissime cose concrete....
Anche certi provvedimenti possono essere qui decisi o preparati, ma a fronte di dati certi, non di supposizioni o attriti vari, o peggio, invidie.
So che fatico a spiegarmi, ma è questa sottile linea di confine che dovremmo avere ben chiara.

Altra cosa...mi chiedo perchè sia così difficile, quando con lo scritto non si arriva alla chiarezza, scambiarsi il telefono e spiegarsi alcune cose a voce....chissà perchè.

Il fatto di sentirsi presi in giro perchè magari una cosa viene venduta per un errore di battitura è fra quelle particolarità che andrebbero chiarite in via privata...
L'autore magari è stato invitato a correggere così, o lo ha fatto accorgendosi che poteva scoperchiare il vaso di pandora o roba simile.
C'è chi in passato ha provato a prendere in giro la comunità del forum...però ora non c'è più....voglio dire, puoi farlo una volta, può riuscirti una seconda(traducibile nel fatto che al di là di tutto siamo sempre molto tolleranti con chiunque), ma poi arriva il giorno in cui ti si presenta il conto.

Non essere graditi in questa comunità è cosa davvero molto ma molto improbabile, però è successo, potrà riaccadere(speriamo di no).
So per certo che tutti si rimane amareggiati, ma poi, a riprova che il rispetto del prossimo si manifesta con i fatti e gli atteggiamenti e non con le parole, il forum ritrova il suo desiderato equilibrio e continua a crescere.
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Daniele
Messaggi: 564
Iscritto il: mer 12 gen, 2005 15:02
Località: Cafasse (TO)

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Daniele » mar 02 dic, 2008 11:25

Dal tuo messaggio (che condivido), mi sono reso conto che mi sono spiegato male su un punto: per interventi drastici intendevo cancellare il MESSAGGIO d'ufficio, non lo scrivente ...
L'altra cosa che le tue parole mi permettono di puntualizzare è che dopo questo non ritengo nessuno INDESIDERATO in questa comunità del Forum, oltretutto non spetta ame, sbagliando si impara.
Io ho giudicato un comportamento, un episodio, non mi permetto di giudicare le persone. Ho già abbastanza lavoro a giudicare me...
Ciao

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10171
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Luciano Vaccari » mar 02 dic, 2008 11:45

Certo Daniele, ho risposto in modo generico, non direttamente a te;il tuo messaggio mi è molto chiaro.
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23479
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Marco E. Ciriotti » mar 02 dic, 2008 12:01

Ciao a tutti.
Per prima cosa mi scusa per la "latitanza" (conto di finire il lavoro del libro nei termini obbligatori, non più così lontani, del 31.12.2008).
Non avendo seguito per i motivi di cui sopra la discussione cui ora qui si fa riferimento, non ho tutti gli argomenti per una giusta valutazione. Evito pertanto di entrare nel merito della stessa.
Alcuni messaggi ricevuti in privato manifestanti sgomento e arrabbiatura mi hanno in qualche modo giustamente obbligato a leggere quanto c'è sul forum sull'argomento in questione. Come detto poc'anzi non entrerò però nel merito in quantochè non ho tutti gli elementi per una corretta valutazione.

Una sola cosa mi preme chiarire e credo con ciò di meglio esporre (lo spero) il pensiero di Tiberio.

Non esiste una linea preventiva cui gli utenti di un forum aperto come questo dell'AMI devono attenersi (o imporsi).
Gli utenti possono essere anche non soci AMI e pertanto proprio nulla hanno a che vedere con le linee del codice deontologico che l'AMI intende darsi. Non sta all'utente porre messaggi in linea con le idee AMI.
Sta alla discussione scaturente far passare come "dominante" la linea. Sono due cose ben diverse.

L'opinione, anche se diversa da quella dell'associazione, è libera. Sta a moderatori e alla discussione stessa far sì che da una posizione iniziale non condivisibile scaturisca una linea generale sobria, eticamente corretta, in linea con i principi dell'associazione ma nel pieno rispetto di un'opinione per noi mancante di appeal.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 5801
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da TOSATO FABIO » mar 02 dic, 2008 12:38

Sono d'accordo con Marco.
Benissimo qualsiasi discussione che abbia come finalità lo scambio di idee e vedute anche su temi scottanti, anche con toni accesi (ma mai finalizzati al solo ferire), basta non trascendere nello scontro personale.
Tutto qui.
O no?
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23479
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Re: Libertà condivisa ed etica del/nel forum

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 04 dic, 2008 8:42

Scusandomi con Mauro e Mirco avviso di aver eliminato gli ultimi due messaggi postati su questo topic perchè troppo "border line".
Il topic è momentaneamente bloccato. L'intera discussione scaturita alcuni fa giorni su altro topic è stata eliminata nella sua totalità in quanto non certo esemplare per ogni qual tipo di utente che fosse, in qualche modo, pervenuto alla lettura dei contenuti.

La misura è drastica, sono certo che la condivisione non sarà totale, ma reputo quanto fatto la soluzione migliore nell'interesse di tutti.

Altrettanto drasticamente ogni ritorno sull'argomento sarebbe immediatamente eliminato. Poichè tutti gli utenti, indistintamente, sono esseri dotati di intelletto ragionevole sono certo che questa azione non sarà necessaria.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti