Un pezzetto di quarzo colorato?

aiuti (e non solo) nell'identificazione dei minerali
Rispondi
Roberto_
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 11 set, 2017 12:45

Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Roberto_ » lun 11 set, 2017 14:58

Ciao a tutti,
mi sono appena iscritto e vi pongo subito un piccolo quesito.
Ho trovato tempo fa una pietruzza colorata in un fiume e attratto dal colore celeste molto bello l'ho raccolta, dando per scontato che fosse un pezzetto di vetro. Fino a quando, dopo anni, l'ho ritrovata fra vecchi oggetti e l'ho osservata meglio con una lente d'ingrandimento. Con sorpresa ho trovato all'interno delle strutture che sembrerebbero quelle di un cristallo (nell'immagine in basso a sinistra si vede una specie di triangolo traslucente all'interno, che appare guardando la pietra dalla giusta angolazione). Le dimensioni della pietra sono all'incirca di un centimetro e mezzo per lato.
Potrebbe trattarsi di un pezzetto di quarzo? Nel caso esiste in natura una simile colorazione e o si tratta di una colorazione artificiale, viste anche le striature di colore irregolari? Non conoscendo il mondo dei minerali mi rivolgo a voi per questa mia curiosità.
Grazie fin d'ora per l'aiuto.

Buona giornata
Roberto
Allegati
celeste.jpg

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2909
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Luca Baralis » lun 11 set, 2017 18:06

Il colore è un po' strano in effetti...
Comunque una prima indicazione tra quarzo e vetro puoi averla facendo una prova di durezza: il quarzo ha durezza 7 (scala di Mohs), il vetro 5 - 6. Quindi una punta di quarzo riga il vetro, mentre una punta di vetro non riga il quarzo. Se è vetro potrebbe (ma anche no) essere rigato anche da un utensile d'acciaio; è invece piuttosto improbabile che un utensile di normale acciaio righi il quarzo.
Attento a non confondere sbriciolamenti della punta con una rigatura: deve fare un solchetto visibile almeno con un alente.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Roberto_
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 11 set, 2017 12:45

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Roberto_ » mar 12 set, 2017 10:35

Salve Luca, ho seguito il suo consiglio e ho provato a rigare la pietra.
Prima con la punta di un coltellino svizzero, ma la superficie non viene segnata, rimane solo una leggera strisciatura di metallo che si cancella col dito. Lo stesso coltellino invece lascia una bella traccia in un normale pezzo di vetro. Poi ho provato anche con la punta di un altro tipo di vetro e ho ottenuto lo stesso risultato: nessuna incisione sulla superficie.

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2909
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Luca Baralis » mar 12 set, 2017 14:34

Allora potrebbero essere effettivamente ciottoli di quarzo, anche se queste prove empiriche lasciano sempre qualche margine di incertezza. Sembra che la componente azzurra sia infiltrata lungo le superfici di contatto tra diversi cristalli. Se fossero su una bancarella di ciottoli burattati sarei propenso a dire che si tratta di una colorazione artificiale, ma così rimane spazio per altre ipotesi.
Se posso chiedere, da quale fiume? Ci sono miniere a monte?
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Roberto_
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 11 set, 2017 12:45

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Roberto_ » mar 12 set, 2017 18:29

La pietra che vedete è una sola, l'ho fotografata da varie angolazioni e ho montato le foto insieme in una sola immagine.
Proviene dal greto del fiume Elvo , in provincia di Biella, dove ogni tanto vado a spadellare con la mia "batea" in compagnia di amici, alla ricerca d'oro.
E questa pietruzza effettivamente l'ho trovata nel pietrisco che stavo setacciando durante una battuta di ricerca. Vista la colorazione particolare l'ho conservata per la sua bellezza e in un primo momento ho pensato si trattasse di vetro, come ho già raccontato.
Il materiale alluvionale della zona (e anche l'oro) proviene dalla Serra Morenica d'Ivrea, che si è formata con materiali accumulati dalle glaciazioni. In mezzo a quei depositi alluvionali c'è di tutto e anche molto quarzo.
Tra ieri e oggi ho provato ad approfondire la ricerca sulla colorazione dei quarzi e ho visto che ne esiste una specie colorata artificialmente, chiamata Aqua Aura, il cui colore assomiglia molto a quello della mia pietra, e che viene creato riscaldando un cristallo di quarzo sottovuoto e inserendo dell'oro allo stato gassoso, che poi conferisce alla superficie la particolare colorazione azzurra cangiante (vedi: https://en.wikipedia.org/wiki/Metal-coated_crystal ). Però la mia pietra ha tracce di colore che si sviluppano anche all'interno e non solo su parte della superficie, come mi sembra di capire che debba essere per questo speciale trattamento.
La cosa mi ha incuriosito parecchio, in fin dei conti ero alla ricerca d'oro e ho trovato una pietra che probabilmente è stata trattata con dell'oro… Ma in questo caso che ci faceva lì? Qualcuno, magari conoscendo la natura aurifera del fiume ve l'ha gettata o persa? E' giusto un'ipotesi.
Non ne capisco molto di cristalli e perciò lascio a voi ulteriori considerazioni, di certo sarebbe molto bello se si trattasse di un cristallo di quarzo che abbia naturalmente ottenuto quella colorazione, vista la diffusa presenza d'oro nelle varie fasi del suo viaggio dall'interno della montagna al fiume…
Magari esiste qualche particolare analisi con la quale si potrebbe verificare la natura artificiale o meno della colorazione?

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2909
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Luca Baralis » mer 13 set, 2017 11:55

Considerato che la pietra è abbastanza dura, e al contempo ben levigata, direi che ha subito parecchio lavorio. Allora, o è stata a mollo nelle alluvioni dell'Elvo per tempi geologici (e in tal caso sono da escludere "acqua aura" e simili ), o si tratta di un residuo di burattatura che qualcuno ha scaricato nel fiume.
L'infiltrazione di colorante in micropori/fessure può essere realizzata con trattamenti a pressione.
Difficile stabilire con analisi casalinghe l'origine, al di la di ogni ragionevole dubbio.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Roberto_
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 11 set, 2017 12:45

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Roberto_ » mer 13 set, 2017 12:30

In questo caso che tipo di analisi servirebbe e dove si potrebbe fare (a Milano e dintorni...)?

salvatore
Messaggi: 808
Iscritto il: lun 07 feb, 2011 14:12
Località: Montesilvano PE

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da salvatore » mer 13 set, 2017 12:50

Non ci perdere tempo perché se è quarzo o calcite o stromboboffinoidrite alla fine sono degli insignificanti sassi,e mi pare pure che sono colorati artificialmente,nel qual caso non meritano neanche di essere buttati nella pattumiera.Lo so sono drastico ma non sopporto i sassi.

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10179
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Luciano Vaccari » mer 13 set, 2017 14:21

Penso che Salvatore abbia ragione, sembrano colorati..
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Nicolas
Messaggi: 181
Iscritto il: lun 16 lug, 2007 4:03
Località: Ginevra (Svizzera)

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Nicolas » mer 13 set, 2017 18:08

Sicuramente colorato, le fessure sono state fatto scaldandoli e buttandoli poi nel liquido colorato (ci ho provato pure io a farlo per fare pratica dopo aver letto la teoria :-P). Dalla forma delle fessure sembra quarzo, ma qualunque cosa sia cambia poco :-)
Poi come siano finiti li non lo so, questo é un altro discorso.

ecco qui vari esempi:

https://www.google.ch/search?client=fir ... BRX1rBHGM:

Roberto_
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 11 set, 2017 12:45

Re: Un pezzetto di quarzo colorato?

Messaggio da Roberto_ » mer 13 set, 2017 22:11

Grazie mille per le risposte, in effetti gli esempi postati da Nicolas di quarzi scaldati e colorati sono proprio simili.
Chissà come c'è finita quella pietra sul greto del fiume.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 5 ospiti