Sui minerali accessori delle cavità della stibnite di Pereta

aiuti (e non solo) nell'identificazione dei minerali
franco
Messaggi: 1670
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Sui minerali accessori delle cavità della stibnite di Pereta

Messaggio da franco » ven 11 nov, 2005 15:04

Salve a tutti,
nel rimettere a posto alcuni miei campioni di minerali di Pereta, la mia attenzione è andata a dei cristallini aciculari, aggregati a rosetta, a ciuffi e, a volte, anche a riccio, di colore nero metallico. Talvolta questi cristallini aciculari diventano così sottili da dare l'impressione del velluto e il colore passa al bruno scuro. Si trovano nelle cavità della stibnite di Pereta, a costituire come un tappeto sui crescono, per lo più, solfo e klebelsbergite. Poichè sono abbastanza frequenti, a nessuno è capitato di conoscere la loro identità? Può trattarsi di una seconda generazione di stibnite?
Ringrazio anticipatamente chi mi può fornire qualche indicazione.

Avatar utente
domenico
Messaggi: 5588
Iscritto il: gio 30 set, 2004 11:40
Località: Garbagnate Milanese (Mi)
Contatta:

Messaggio da domenico » ven 11 nov, 2005 15:14

Ciao Franco, dunque Pereta è stato uno dei miei campi di battaglia più aspri.
Se si tratta di ciuffetti piuttosto corti (stiamo ovviamente sempre parlando di micro) e raggiati dello stesso colore della stibnite ti dirò questo: intanto ne ho trovati parecchi e quelli che dico io giacciono preferibilmente nelle geodine del quarzo e non sono quasi mai associati ad altri minerali. Ebbene, se si tratta di questi, inizialmente vennero classificati come stibnite magari di formazione più tardiva, ma poi ho sentito un amico di Firenze (socio AMI, se mi mandi un messaggio privato "c'è la possibilità nel nostro Forum" ti faccio avere i suoi riferimenti) che mi diceva che si trattava di un solfuro particolare il cui nome non ricordo.
Epperò purtroppo non mi ricordo nemmeno se gli avevo chiesto se la informazione era desunta da analisi o da altre situazioni.
Ma cercheremo di andare a fondo.
Ciao.

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23485
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 11 nov, 2005 15:20

Grazie Domenico dell'interessamento. Vedi di venirne a capo. La cosa mi pare interessante.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
domenico
Messaggi: 5588
Iscritto il: gio 30 set, 2004 11:40
Località: Garbagnate Milanese (Mi)
Contatta:

Messaggio da domenico » ven 11 nov, 2005 15:29

In diretta o quasi ho chiamato l'AMIco Paoletti che mi dice che il minerale dovrebbe essere berthierite ma non si ricorda la notizia da dove provenga se da analisi o da supposizioni.

Marco, vedi tu se intanto la mia è la stessa del discorso di Franco e se vale la pena di approfondire anche perchè sono convinto che se fosse stata fatta una analisi su minerale di Pereta risultante poi berthierite tu saresti in grado in qualche modo di trovare il lavoro... poichè dovrebbe essere una cosa degli ultimi 10 anni e non di più... :) :) :)

franco
Messaggi: 1670
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

sui minerali di pereta

Messaggio da franco » ven 11 nov, 2005 15:37

Questi cristalli sono piccolissimi e sottili, lucenti (meno della sfaldatura della stibnite), corti ma a volte relativamente lunghi. Sono così sottili che anche a 100 volte di ingrandimento non si vedono bene le terminazioni.
Visto che ci sono aggiungo anche la presenza, meno frequente, di ricci (non ventagli, come appare quasi sempre la klebelsbergite) di cristalli ancor più minuti di colore bianco avorio. Grazie a Domenico e a Marco per l'interessamento.

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23485
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 11 nov, 2005 15:42

Allora, se le due fasi segnalate da Franco e da Domenico sono la stessa cosa, questo non mi è dato a sapere. Bisognerebbe almeno avere due foto, meglio ancora confrontare - come ovvio - due campioni.

Comunque la berthierite è stata segnalata a Pereta e compare anche in Mindat.

La referenza bibliografica indicata in Mindat è vaga (nel senso che non è l'originale) in quanto dedotta, tout court, dalla pubblicazione "Collezionare minerali" di Hobby & Work (buona, ma con alcune lacune sull'attendibilità).

Potrebbe essere citata nel lavoro apparso sul Mineralogical Record del 1984, che non ho in linea. Lo cerco e poi mi faccio vivo.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23485
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 11 nov, 2005 15:56

La berthierite non è citata nel lavoro di Scortecci & Tazzini pubblicato sul Mineralogical Record (1984) e non ho trovato - al momento - indicazioni sul suo ritrovamento a Pereta da nessuna parte.
Nella mia testa qualche dubbio rimane...
Forse Cristian può aiutarci. Diamogli il tempo di scoprire il topic.

Referenza:
• Scortecci P.B. & Tazzini M. (1984): Minerals of the Pereta mine, Tuscany, Italy. Mineralogical Record, 15, 19-26.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Cristian Biagioni
Messaggi: 177
Iscritto il: mer 08 set, 2004 21:00
Località: borgo a mozzano (LU)

Messaggio da Cristian Biagioni » ven 11 nov, 2005 16:03

Utilizzando il lavoro di Sabelli sulla bibliografia dei minerali e delle località minerarie della Toscana ho trovato, per la berthierite di Pereta le seguenti referenze:

• Carobbi, G. & Rodolico, F. (1976): I minerali della Toscana. Saggio di mineralogia regionale. Leo Olschki Editore, Firenze. In questo libro si cita la presenza di aggregati fibroso raggiati feltriformi a Pereta, ma non sono presenti ulteriori informazioni.
• Brizzi, G. & Meli, R. (1995): La miniera antimonifera di Pereta con un cenno a quella solfo-cinabrifera di Zolfiere in comune di Scansano (GR). Rivista Mineralogica Italiana, 19, 217-240. Non ho purtroppo questo articolo ma la seguente citazione dovrebbe essere tratta proprio da questo lavoro: "Segnalata in passato (Carobbi & Rodolico, 1976) in cristallini feltriformi o fibroso raggiati di colore grigio-metallico con la tipica iridescenza. Si rinviene attualmente in cristallini aghiformi formanti dei piccoli globuli sopra i cristalli di antimonite, oppure nelle cavità del calcare silicizzato sopra i cristalli di quarzo"

In Toscana la berthierite è segnalata anche a Niccioleta e a Gavorrano.

Ciao.
Ultima modifica di Cristian Biagioni il ven 11 nov, 2005 16:13, modificato 2 volte in totale.
Cristian

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23485
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 11 nov, 2005 16:09

Cristian,
io credo che la confusione sia anche nei nomi delle specie.
Esistono due specie diverse:
berthierite: FeSb2S4
e
berthierine: (Fe2+,Fe3+,Al)2-3(Si,Al)2O5(OH)4

Ecco il perchè del mio scetticismo sulla segnalazione. Ritengo improbabile la berthierine a Pereta; probabile, ma non provata, la berthierite.

Vedo di indagare...
Ultima modifica di Marco E. Ciriotti il ven 11 nov, 2005 16:48, modificato 1 volta in totale.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Cristian Biagioni
Messaggi: 177
Iscritto il: mer 08 set, 2004 21:00
Località: borgo a mozzano (LU)

Messaggio da Cristian Biagioni » ven 11 nov, 2005 16:25

A favore della possibile presenza di berthierite a Pereta, va citata pure la presenza di questo minerale anche nella mineralizzazione antimonifera di Micciano (in provincia di Pisa), nella quale è stata individuata in sezione lucida da Duchi (1983). Tale deposito ha una mineralogia affine a quella di Pereta (anche qui sono state raccolte le rare klebelsbergite e peretaite, oltre a notevoli cristalli di stibnite fino a 10-15 cm).

Referenza:
• Duchi, G. (1983): Il deposito antimonifero di Micciano. Atti della Società Toscana di Scienze Naturali, Memorie, Serie A, 90, 141-163.
Cristian

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23485
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 11 nov, 2005 16:34

Ho visionato l'articolo dell Rivista Mineralogica Italiana: OK è proprio il solfuro di ferro e antimonio quello di cui si parla.
Gli autori però dicono di non averla mai trovata e la segnalazione risale, come riferimento, a Carobbi & Rodolico (1976), ma concludono dicendo "Alcune notizie di ritrovamenti recenti sono però da ritenersi attendibili anche se non si hanno segnalazioni ufficiali".

L'attendibilità è quindi in funzione di cosa? Il testo di Carobbi & Rodolico (1976), seppur citato nell'articolo, non compare nelle referenze listate, per cui ritengo non sia stato neanche visionato, ma comunque non avrebbe portato elmenti utili. Per questo motivo nel mio database la berthierite di Pereta è segnata come dubbia e da qui il mio intervento nella discussione...

In conclusione, considerando la presenza della specie a Micciano, la presenza di berthierite a Pereta non è del tutto certa, ma molto probabile.

Referenze:
• Brizzi, G. & Meli, R. (1995): La miniera antimonifera di Pereta con un cenno a quella solfo-cinabrifera di Zolfiere in comune di Scansano (GR). Rivista Mineralogica Italiana, 19, 217-240.
• Carobbi, G. & Rodolico, F. (1976): I minerali della Toscana. Saggio di mineralogia regionale. Leo Olschki, Ed., Firenze.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

franco
Messaggi: 1670
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Messaggio da franco » ven 11 nov, 2005 17:04

Grazie della mole di informazioni che avete in poco tempo messo a disposizione. Io non sono in grado di fare foto, però, se è ritenuto utile, posso spedire un pacchetto con un campione. A Marco, vero? Fatemi sapere. Di nuovo grazie.

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23485
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 11 nov, 2005 17:07

Grazie Franco, se me ne fai avere una modica quantità (parlo della presunta berthierite, non vorrei fraintendimenti) la esaminiamo. Sicuramente togliamo il punto interrogativo alla berthierite di Pereta.
Ciao.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23485
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Risultati analitici dei campioni di Pereta

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 03 feb, 2006 13:45

La presunta berthierite di Pereta non si è rivelata tale!

Le risultanze analitiche (EDX + XRD), su più campioni, hanno tutte evidenziato trattarsi di stibnite. [Media dei risultati EDX: 51% S, 49% Sb; non si scappa, è stibnite].
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco Barsanti
Messaggi: 725
Iscritto il: lun 05 lug, 2004 9:57
Località: Toscana, Borgo a Mozzano (LU)

Messaggio da Marco Barsanti » ven 03 feb, 2006 15:29

Salve a tutti,

relativamente alla berthierite, ricordo che intorno agli anni '80 - '82 vennero trovati dopo una gita a Pereta del Gruppo Mineralogico Lucchese, (credo di averne un campione da qualche parte) ciuffetti esilissimi, inizialmente creduti stibnite, su quarzo, nelle cavità del calcare cavernoso silicizzato, ma erano più scuri e meno lucenti della stibnite. Credo che siano stati allora analizzati da Paolo Orlandi a Pisa (Cristian potrebbe sentire se si ricorda).

Marco B.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti