Tiny-Arenas: "de profundis" per un sito minerario

dove e cosa cercare e come collezionare minerali
Rispondi
Avatar utente
sergio mascia
Messaggi: 244
Iscritto il: sab 03 lug, 2004 18:02
Località: cagliari

Tiny-Arenas: "de profundis" per un sito minerario

Messaggio da sergio mascia » ven 20 gen, 2006 21:02

Penso che chiunque abbia visitato la Sardegna attratto dalle sue potenzialità mineralogiche sia, prima o poi, capitato dalle parti di Tiny/Arenas (Domusnovas/Fluminimaggiore e dintorni)… per quanti non avessero idea dei luoghi, la descrizione più attinente è quella di un gigantesco scavo a giorno (centinaia di ettari), una sorta di girone infernale di dantesca memoria dove ad andarci in piena estate si rischiava come minimo l’insolazione.
E poi una lista di minerali incredibile, dai nativi ai solfati, solfuri, carbonati, fosfati, arseniati… roba da perderci la testa data l’abbondanza e la particolarità di quanto rinvenibile (ritengo, in base a UK e cose strane trovati in anni e anni di frequentazione del sito, che le specie segnalate e definite ammontino a non più del 60% del potenziale)…
Bene, mettiamoci l’anima in pace, in quanto di tutto quello innanzi descritto non rimane più nulla o quasi; tutto, in gran parte ormai, seppellito sotto montagne di terra in nome di un non meglio definito “ripristino ambientale”.
Dove prima affioravano rocce e filoni mineralizzati è tutto un susseguirsi di colline anonime che hanno cancellato decenni di storia mineraria e potenzialità di ritrovamenti ancora a venire.
E purtroppo non si tratta di un caso isolato (sigh!!!)…

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 24696
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 20 gen, 2006 21:47

Sigh! Sigh! Sigh!
Che dire Sergio... il luogo non era certo di quelli per cui un ripristino ambientale fosse dovuto in quanto generatori di inquinamento ambientale, di acque o altro.
Alcuni interventi di risanamento ambientale sono sacrosanti; vuoi per la deturpazione del paesaggio, vuoi per problemi di salute e ambientali in genere.
Ma quanto ci azzecchi Tiny-Arenas con questo è, per quanto io ne so, del tutto inspiegabile...
Ultima modifica di Marco E. Ciriotti il sab 21 gen, 2006 19:35, modificato 1 volta in totale.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 24696
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » sab 21 gen, 2006 19:31

Mindat (non ho fatto altre ricerche, ma so che esitono altre importanti referenze), per Tiny-Arenas riporta le seguenti specie (dato certamente parziale):

Anglesite
Antimony
Arsenic
Aurichalcite
Azurite
Baryte
Berthierine
Beudantite
Bindheimite
Bismite
Brochantite
Caledonite
Cerussite
Chalcocite
Chalcopyrite
Connellite
Cuprite
Epidote
Galena
Garnet Group
Hemimorphite
Hydrozincite
Leadhillite
Linarite
Litharge
Malachite
Massicot
Mimetite
Phosgenite
Planchéite
Plumbojarosite
Pseudomalachite
Pyromorphite
Smithsonite
Spangolite
Sphalerite
Stibnite
Sulphur
Tetrahedrite
Vesuvianite
Ultima modifica di Marco E. Ciriotti il sab 21 gen, 2006 21:17, modificato 1 volta in totale.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 24696
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » sab 21 gen, 2006 21:15

Qualche referenza (un po' meno nota) per la località:

• Pflügel, S. (1982): Iglesiente-Sulcis, Bergbau im Südwesten Sardiniens. Lapis, 7(11), 11.
• Olmi, F., Sabelli, C., Santucci, A. & Brizzi, G. (1995): Les minéraux rares de Sardaigne. Le Règne Minéral, 4/1995, 4-25.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3121
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da Luca Baralis » lun 23 gen, 2006 13:11

Sorte analoga temo sia occorsa al sito detto Fosso del Tafone (se non erro) in Toscana. Lo visitai un paio di anni fa trovando le ruspe al lavoro per interrare le discariche. Non so come sia finita.
Qui però il ripristino ambientale può avere senso.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
sergio mascia
Messaggi: 244
Iscritto il: sab 03 lug, 2004 18:02
Località: cagliari

Messaggio da sergio mascia » lun 23 gen, 2006 21:14

Per una descrizione più definita dei minerali segnalati a Tiny-Arenas (dove iniziasse e finisse uno o l’ altro giacimento, a meno di possedere carte dettagliate dei siti, è, o meglio era, praticamente impossibile data la natura dei luoghi), ecco la lista in mio possesso, integrata da qualche nota finale:

- andradite
- anglesite
- antimonio
- antimonite
- argento
- arsenico
- arsenopirite
- auricalcite
- azzurrite
- barite
- beudantite
- bindheimite
- bismite
- bismuto
- bornite
- bournonite
- brochantite
- calcantite
- calcite
- calcocite
- calcopirite
- caledonite
- caolinite
- cerussite
- clorite group
- connellite
- covellite
- crisocolla
- cuprite
- dufrenite
- edyphane
- ematite
- emimorfite
- epidoto
- fosgenite
- freibergite
- fluorite
- galena
- gesso
- goethite
- grossularia
- idrozincite
- jamesonite
- jarosite/plumbojarosite
- lanarkite
- langite
- leadhillite
- linarite
- litargirio
- magnetite
- malachite
- mimetite
- muscovite
- nontronite
- pirite
- piromorfite
- pirrotina
- plancheite
- plattnerite
- quarzo
- rame
- rosasite
- sfalerite
- smithsonite
- spangolite
- tetraedrite
- titanite
- tremolite
- uvarovite
- vesuviana
- wollastonite
- zircone
- zolfo

La suddetta lista è tratta da: Iglesiente – Arburese Miniere e Minerali (P. Stara, R. Rizzo, G.A. Tanca) – 1996.

Possiamo aggiungere alla lista, avendoli ritrovati personalmente: farmacosiderite e, grazie(?) agli ultimi colpi di ruspa che hanno messo in luce un filone fino al momento obliterato, la carminite (in associazione a favolosi cristalli di mimetite e, incredibile associazione, argento nativo arborescente).

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 13 ospiti