Venditori occasionali (cosiddetti hobbisti) - Regolamento Regione Piemonte

database, nuove specie, discrediti,
ridefinizioni, classificazioni, ecc.
Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10684
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Venditori occasionali (cosiddetti hobbisti) - Regolamento Regione Piemonte

Messaggio da Luciano Vaccari » lun 02 set, 2019 8:09

Temo che vi stiate complicando la vita...

I vari mercatini di quartiere negli ultimi anni sono esplosi esponenzialmente e non è difficile intuire che possano muovere certi flussi di denaro che non viene dichiarato. Questo non è giusto per chi invece onestamente dichiara ( o è costretto a farlo ) tutto.

Anche in regione da noi si è dato una stretta a questa moda nascente del mercatino ma, da quello che vedo, è stata una manovra burocratica, della serie :" attenti furbetti, vi osserviamo, a noi nulla sfugge".

Da qui a metterla in pratica, a far i controlli e a capirci qualcosa la strada è lunghissima e molto in salita.

Paradossalmente in qualunque mostra di minerali, anche se solo scambio, un pinco pallino in divisa potrebbe pensare di fare un controllo e contestare un determinato pezzo o un collezionista....La sua posizione di pubblico ufficiale lo metterebbe in condizione di procurare fastidi, che finirebbero in un nulla di fatto, ma che darebbero comunque da tribolare. Ora, se esiste una normativa, per quanto possa sembrare ridicolo, potrebbe essere più facile dimostrare di essere nei parametri richiesti (guadagni irrisori e limitati, attività molto sporadica)

Non siate sempre in allarme rosso, si vive male e con l'ansia. Informati sì, è doveroso, ma viviamo in tranquillità il nostro hobby, specie se non abbiamo nulla da nascondere.
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 1943
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Venditori occasionali (cosiddetti hobbisti) - Regolamento Regione Piemonte

Messaggio da Mirco » lun 02 set, 2019 21:59

...quindi tu dici che facciamo prima a munirci di quel famigerato tesserino e dimostrare che effettivamente siamo nei parametri indicati invece che stare a fare la guerra contro i mulini a vento... posizione interessante e condivisibile, in effetti una spesa di 16 euro per togliersi un mucchietto di fastidi può valere la pena.
Mirco

"Molte volte le persone ci sembrano grandi solo perchè le guardiamo stando in ginocchio"

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10684
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Venditori occasionali (cosiddetti hobbisti) - Regolamento Regione Piemonte

Messaggio da Luciano Vaccari » mar 03 set, 2019 14:43

Mettiamola così :

siccome mi è capitato più volte di notare una carenza di personale veramente idoneo ad eseguire controlli (ai quali non sono contrario, tutt'altro, visto le cose assurde che a volte qualcuno fa a danno di tutta la comunità) capita che spesso basti dimostrare che si è in regola con quello che la legge chiede più che con quello che in realtà si fa...Questo, se ci pensiamo, è ingiusto, ma di solito funziona così. Quindi se hai il tesserino vuol dire che rispetti le regole (indipendentemente da come ti comporti). Personalmente sono contro a questo binomio sbagliato ma in uso.

E' un poco come per la patente di guida.. Per guidare devi averla? No, basta saper guidare l'automobile.....Ti serve per poter circolare perchè attesta non la tua abilità e il fatto che tu viaggi sicuro, bensì che hai fatto il corso e qualcuno ti ha definito idoneo alla guida. Se si guardasse alla sostanza ci sarebbero molte automobili in meno per la strada; gli incoscienti e i folli aumentano di numero ogni giorno e costoro vengono "beccati" solo in caso di sinistro, quando oramai la frittata è fatta.

Quindi , se ci riflettiamo su, di principio non è giusto che alcune persone possano vendere senza dover pagare le tasse su eventuali utili. La legge prevedeva un tacito assenso/silenzio riguardo a questi usi laddove vi fossero limitazioni naturali (sporadicità/occasionalità, introiti bassi o irrisori)..Negli ultimi anni la cosa ha preso piede e sono oramai migliaia le persone che "fanno" mercatini" al punto che si è cominciato a calcolare, a livello nazionale, un possibile gettito non da poco. Di conseguenza sono sorte delle limitazioni, delle barriere, una sorta di misura da non superare per non essere considerati professionisti a tutti gli effetti. Fatta la legge trovato l'inganno . Tesserini, iscrizioni varie e simili hanno sì obbligato molte persone a farsi carico di certe burocrazie, seppur semplici, ma di fatto non hanno corretto molto il tiro. Il mercato del "mercatino" qualunque sia il genere, va ancora forte e non c'è da stupirsi se prima o poi qualcuno ci metterà le mani in modo più concreto.
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

socrate
Messaggi: 88
Iscritto il: mer 14 mag, 2008 21:48

Re: Venditori occasionali (cosiddetti hobbisti) - Regolamento Regione Piemonte

Messaggio da socrate » mar 03 set, 2019 21:04

Mirco ha scritto:
lun 02 set, 2019 21:59
...quindi tu dici che facciamo prima a munirci di quel famigerato tesserino e dimostrare che effettivamente siamo nei parametri indicati invece che stare a fare la guerra contro i mulini a vento... posizione interessante e condivisibile, in effetti una spesa di 16 euro per togliersi un mucchietto di fastidi può valere la pena.
A parte il fatto che le marche da bollo sono 2, 1 per la domanda e 1 sul tesserino, la maggior parte delle persone non sa che quando si decide di presentarsi ad una manifestazione bisogna consegnare al comune dove si svolge un'intento di partecipazione con allegata una lista dei pezzi che si intende mettere sul tavolo con segnati i prezzi, i quali, naturalmente, devono corrispondere a quelli che obbligatoriamente vanno messi sul tavolo.
Poi vanno comunicate al comune le vendite effettuate per far si che lo stesso possa trasmetterle alla regione dove è stato istituito apposito registro
archivio. Con il tesserino puoi effettuare al massimo 18 mostre annue, i prezzi non possono superare i 150 euro al pezzo, per una vendita totale di 4800 euro l'anno. Vedete voi.
Socrate

socrate
Messaggi: 88
Iscritto il: mer 14 mag, 2008 21:48

Re: Venditori occasionali (cosiddetti hobbisti) - Regolamento Regione Piemonte

Messaggio da socrate » mar 03 set, 2019 21:05

Mi sono dimenticato che la lista dei pezzi va consegnata anche quella con marca da bollo.
Socrate

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 1943
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Venditori occasionali (cosiddetti hobbisti) - Regolamento Regione Piemonte

Messaggio da Mirco » mar 03 set, 2019 21:27

Figli di pochi ma onesti (??) genitori...
Mirco

"Molte volte le persone ci sembrano grandi solo perchè le guardiamo stando in ginocchio"

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti