La microfotografia con il microscopio

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Rispondi
Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5922
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da Di Domenico Dario » gio 19 gen, 2017 10:32

Con una foto del tuo microscopio si puo vedere se si trova il modo di adattarlo.

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2920
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da Luca Baralis » gio 19 gen, 2017 21:45

L'ho rimontato da poco! Dall'esterno non si vede un gran ché, giusto la punta dell'iceberg. Comunque una foto veloce conl telefono e qui.
IMG00190-20170119-2100.jpg
Il tubo nero si prolunga all'interno, sotto il collare avvitato alla testa, e al termine sostiene un prisma che serve a deviare la luce dall'oculare destro al terzo tubo quando si aziona un apposito comando.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1275
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da andrea oppicelli » ven 20 gen, 2017 7:49

Buongiorno.
Scusate se mi intrometto, ma anche io possiedo lo stesso identico microscopio e faretti di Luca :)
Aggiungo che il terzo tubo è ancora svitabile come si vede nelle foto
image.jpeg
image.jpeg
I faretti dell' Ikea li ho schermati prima con del plexiglas satinato, ma poi, seguendo i consigli di Dario, ho messo un doppio disco di carta da forno inserito all'interno di un tappo di bottiglia che si adattava ai faretti, come si vede nella foto.
Attendiamo consigli.
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6439
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da Massimo Russo » ven 20 gen, 2017 7:54

Perché non fai una foto del faretto schermato? Grazie

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1275
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da andrea oppicelli » ven 20 gen, 2017 8:04

Massimo Russo ha scritto:
ven 20 gen, 2017 7:54
Perché non fai una foto del faretto schermato? Grazie

Massimo
Detto e fatto.
Con una comune bottiglia di plastica del latte ed un pezzo di camera d' aria di una bicicletta
Allegati
image.jpeg
image.jpeg
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5922
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da Di Domenico Dario » ven 20 gen, 2017 8:35

Bella idea Andrea :wink:
Luca, mi sembra che per adattare il duplicatore non ci sia nessun problema.Devi farti tornire un supporto da infilare nel tubo con un anello di inversione per ottiche Canon e trovare la distanza di messa a fuoco con il duplicatore inserito sul corpo della fotocamera.

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2920
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da Luca Baralis » ven 20 gen, 2017 12:39

Boh, appena posso guardo meglio, ma il terzo tubo mi sembrava proprio un monoblocco. Che effettivamente è strano da un punto di vista costruttivo.

Bella idea per i faretti! Hai tolto il vetrino originale (che poi è di plastica) ho lo hai lasciato ?
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1275
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da andrea oppicelli » ven 20 gen, 2017 13:51

Il vetrino l'ho lasciato.
Ho tagliato il collo di una bottiglia di plastica del latte in base al diametro del faretto eccedendo un po', ho scavato il tappo di plastica lasciando un piccolo margine, sul fondo ho messo un dischetto di plastica e su di esso un dischetto di carta da forno, poi ho aggiunto un pezzo di camera d'aria di una bicicletta per inserirlo o toglierlo dai faretti con facilità.
Ti metto in prima e seconda fila dal basso la foto dei 5 pezzi necessari. Anche se è un oggetto semplice funziona egregiamente.
Allegati
image.jpeg
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2920
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da Luca Baralis » ven 20 gen, 2017 14:09

Controllato: ha ragione Andrea! Era chiuso molto stretto e non si vedeva la giunzione, ma si svita.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
beppe finello
Messaggi: 439
Iscritto il: lun 12 set, 2005 23:01
Località: Torino

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da beppe finello » dom 22 gen, 2017 20:41

Caro Andrea complimenti per l'ingegno con cui hai assemblato i vari componenti di recupero, tuttavia vorrei far presente che i cerchietti piazzati davanti alle lampade, probabilmente sono scarsamente efficaci come diffusori, al limite riducono di 1/3 di diaframma l'illuminazione e niente di più; la schermatura con la carta da forno, per essere efficace, andrebbe fatta con un rotolino (o due concentrici) di carta disposto intorno al campione; in questo modo otterrai una diffusione simile a quella delle soft box utilizzate per le riprese still life. Sfruttando la riflessione sulla superficie della carta, oltre a diffondere e smorzare i raggi diretti, riuscirai ad illuminare porzioni del campione in ombra non raggiungibili direttamente dai raggi provenienti dalla lampada. Provaci e vedrai la differenza.
Ciao

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1275
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da andrea oppicelli » lun 23 gen, 2017 7:58

Grazie Beppe per il consiglio.
Devo dirti che a tal proposito avevo approntato con una lunga fila di luci a led questa lampada per illuminazione corredata di un ring anteriore fatto con la carta da forno.
Poi per illuminare il pezzo dall' alto uso il faretto Ikea schermato.
Penso possa andar bene per i campioni da fotografare, che dici?
Allegati
image.jpeg
image.jpeg
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2214
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: La microfotografia con il microscopio

Messaggio da Maurizio_T » lun 23 gen, 2017 8:15

andrea oppicelli ha scritto: Penso possa andar bene per i campioni da fotografare, che dici?

Andrea, questo sistema funziona egregiamente per illuminare uniformemente il campione, tuttavia non potendo gestire la direzionalità della luce non è adatto per creare quegli effetti di ombre/luci necessari per evidenziare bene l'habitus e le facce dei cristalli restituendo l'effetto tridimensionalità che tutti cerchiamo, infine è di difficile applicazione nel caso di cristalli profondamente infrattati nelle geodine.

Il sistema che ti ha consigliato Beppe con faretti separati, e quindi gestibili singolarmente sia come direzione sia acceso o spento, più un diffusore circolare è il migliore.
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti