La microfotografia con il microscopio biologico

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Rispondi
Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 22 mar, 2016 9:04

Oggi introduco un nuovo argomento relativo alla fotografia dei microminerali con il microscopio biologico.Dai risultati ottenuti con questa tecnica di ripresa devo dire che sono molto soddisfatto di avere acquistato un microscopio trinoculare biologico con il quale, oltre ad osservare i micro , posso fotografarli comodamente con appropriati obiettivi fotografici.

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6378
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Massimo Russo » mar 22 mar, 2016 9:55

Mettici al corrente Dario

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2187
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Maurizio_T » mar 22 mar, 2016 10:20

:cheers:
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 22 mar, 2016 10:57

Ho voluto dividere l'argomento della "fotografia al microscopio biologico" da la "fotografia con il microscopio" perchè il biologico è un microscopio poco usato nell'osservazione dei micro minerali ed è anche trascurato sotto l'aspetto della fotografia. Se si va a vedere sul Web quanti sono quelli che fanno uso del biologico per la fotografia dei minerali , ci si rende conto che sono davvero pochi e perchè? Ecco da qui voglio farvi capire che invece lo strumento è eccezionale, nel vero senso della parola, per fotografare, ed molto pratico per cercare i micro e posizionarli per fotografarli.
microscopio-2.jpg

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2187
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Maurizio_T » mar 22 mar, 2016 11:08

Dario, ma qual'è la differenza sostanziale di schema ottico tra un biologico e un microscopio come l'Olympus che hai usato fino a non molto tempo fa? E come questa differenza si traduce in un netto miglioramento delle immagini che abbiamo visto a favore del biologico?
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6378
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Massimo Russo » mar 22 mar, 2016 11:30

Gli obbiettivi sono ad alto ingrandimento come fai con cristalli superiori al millimetro?

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6378
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Massimo Russo » mar 22 mar, 2016 11:32

... e qual'è l'escursione massima del piattino per pisizionare i campioni?

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 22 mar, 2016 11:32

Qualcuno storcerebbe il naso nel vedere questa immagine di uno SZX9 Olympus con il gruppo ottico dello zoom aperto e in bella vista; e invece è una normale procedura di pulizia delle ottiche, per'altro semplicissima da fare, smontando le due scocche laterali che proteggono lo strumento dalla polvere.In questa foto si vede il blocco zoom con il doppio sistema galileiano acromatico senza l'obiettivo primario; nel biologico tutto questo non c'è e la variazione dei vari ingrandimenti è affidata ai singoli obiettivi posti nel revolver.
microscopio-3.jpg

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 22 mar, 2016 11:41

Massimo Russo ha scritto:
Gli obbiettivi sono ad alto ingrandimento come fai con cristalli superiori al millimetro? ... e qual'è l'escursione massima del piattino per pisizionare i campioni?
Gli obiettivi te li scegli tu!
Parleremo in seguito di questo argomento che è il piu interessante.
Per quanto riguarda l'escursione del piatto porta campioni, che è quello che si muove con la cremagliera, dipende dal modello di microscopio ed è condizionata dalla lunghezza dell'obiettivo; poi ti dico le misure del mio.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 22 mar, 2016 11:51

Maurizio_T ha scritto:
E come questa differenza si traduce in un netto miglioramento delle immagini che abbiamo visto a favore del biologico?
Le immagini dipendono dall'obiettivo primario nel biologico; mentre dipendono dall'obiettivo primario e dal gruppo ottico dello zoom per il tradizionale; nel biologico il terzo tubo è anche centrato sull'asse ottico dell'obiettivo.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 22 mar, 2016 12:30

Un esempio di immagine al microscopio biologico, cosi come è con sensore ApS-C, ripresa con un semplice obiettivo a tre lenti preso da uno scanner e adattato al tornio su un vecchio obiettivo Officine Galileo con il gruppo ottico sostituito.
Campo 3,5 mm.:
magnetiti-FOV-3,5-mm.,-loc.-colle-Quartuccio,-Viterbo,-Lazio..jpg

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2879
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Luca Baralis » mar 22 mar, 2016 12:49

Di Domenico Dario ha scritto: Per quanto riguarda l'escursione del piatto porta campioni, che è quello che si muove con la cremagliera, dipende dal modello di microscopio ed è condizionata dalla lunghezza dell'obiettivo.
In effetti questo mi sembra l'aspetto più critico, che limita la scelta di un eventuale microscopio biologico.
Per i minerali, anche micro, abbiamo bisogno di spazio, che con obbiettivi particolari potrebbe ulterirmente crescere!
Inoltre il piatto porta-preparato mobile potrebbe non garantire una adeguata solidità, almeno nei microscopi economici (che forse non sarebbero comunque adatti perchè probabilmente dotati di un solo tubo di osservazione).
Ultimo dubbio: il microscopio biologico è tipicamente ottimizzato per l'osservazione di preparati piani e sottili. Questo non crea problemi nell'uso mineralogico? La sostituzione degli obbiettivi permette di correggere (se necessario) questo fattore?
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 22 mar, 2016 13:16

Luca Baralis ha scritto:
Inoltre il piatto porta-preparato mobile potrebbe non garantire una adeguata solidità
non solo è SOLIDO ma i movimenti micrometrici sono estremamente precisi nello spostamento del piatto sui tre assi.
Per quanto riguarda lo spazio, con questo microscopio non c'è problema con i micro nelle scatolette, perchè c'è un platorello, sottostante quello principale, con cremagliera indipendente e coassiale a quella principale.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 23 mar, 2016 9:29

Ho realizzato al tornio il supporto con attacco a baionetta Olympus sul quale ho inserito un anello di prolunga; il supporto è inserito sul tubo del deviatore a cuboprisma, libero di ruotare su un anello di gomma dura che serve per smorzare eventuali vibrazioni della fotocamera nella fase di scatto.La rotazione del supporto della fotocamera è frenato da un anello interno sempre in gomma, e consente di facilitare il montaggio della fotocamera oltre a posizionare al meglio sullo schermo il soggetto, da fotografare.
microscopio-4.jpg

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 5860
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 23 mar, 2016 9:49

Una cuprite di Baratti fotografata in mattinata con obiettivo Luminar 16 mm. e fotocamera da 10 Mp. Olympus E450:
cuprite-2,-FOV-0.8-mm.,-loc.Baratti-,-Piombino,-Livorno-Province,-Tuscany,-Italy.jpg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti