La microfotografia con il microscopio biologico

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Rispondi
Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2441
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mer 23 mar, 2016 10:03

Dimensione del cristallo?
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 23 mar, 2016 10:30

Campo inquadrato su sensore 4/3 Olympus con Luminar 16 mm. e con anello di prolunga n°3 :
sensore-Olympus-Luminar-16mm..jpg
Se aggiungo l'anello di prolunga n°2 inquadro 0,8 mm. e cosi via.

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2441
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mer 23 mar, 2016 10:42

Siamo quindi sul millimetro e mezzo, confermi?
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 23 mar, 2016 10:59

Quello è il campo inquadrato con l'anello n°3, se aggiungo un altro anello arrivo pressapoco a 0,8- 1mm. di campo inquadrato con sensore 4/3; siccome il Luminar 16 mm. ha una risoluzione molto levata, allora aumentando la lunghezza degli anelli puoi inquadrare anche 0,5 mm.a tutto campo; non so se ho reso l'idea!
Per quanto riguarda la domanda precedente di Luca; per i campioni un po piu grandi, uso il platorello sottostante quello principale con opportuno anello di spessore che cambio secondo le dimensioni.
microscopio-5.jpg

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 23 mar, 2016 11:06

Questo è un particolare dalla foto originale precedente:
cuprite-2,.,-loc.Baratti-,-Piombino,-Livorno-Province,-Tuscany,-Italy.jpg

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2441
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mer 23 mar, 2016 11:21

Forse non mi sono spiegato.. intendevo: "qual è il campo inquadrato nella foto" o meglio, quanto è grande il cristallo?
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 23 mar, 2016 11:27

Basta passare il mouse sulla foto, c'é scritto FOV 0,8 mm., forse non si vede con l'Iphone.Comunque sia, tutto il discorso è per far capire che con questo sistema ti puoi sbizzarrire con gli ingrandimenti "spinti" :wink:

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2441
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mer 23 mar, 2016 11:31

Come non detto.. prima passando col mouse non mi dava nessuna didascalia, altrimenti non avrei chiesto... :)
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 23 mar, 2016 11:38

La risoluzione dipende anche dalla fotocamera, un altro esempio con Nikon D3200, FOV 0,9 mm. :
download/file.php?id=49533&mode=view

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » gio 24 mar, 2016 19:58

Sugli obiettivi per microscopio biologico, un interessante articolo :http://www.webalice.it/fabiana.polese/s ... o%204x.htm
Non tutti gli obiettivi per microscopio biologico sono adatti alla fotografia.

Avatar utente
Slag
Messaggi: 593
Iscritto il: sab 16 gen, 2016 16:05

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Slag » gio 24 mar, 2016 20:30

Buona sera,

Porca miseria!! :lol:
Che belle foto! Comunque visto tutte le modifiche che hai fatto, bisogna concludere che per arrivare a fare queste foto bisogna avere delle ottime conoscenze nelle ottiche e poter fabbricare degli adattatori che devono essere specifici per ogni microscopio o istallazione differente? Ho concluso bene?
Non é che compri un biologico e clicchi e le foto sono top... :D
Colleziono minerali scorie metallurgiche cambio pezzi interessanti.
Colleziono minerali monti Livornesi, cambio pezzi interessanti e/o novità.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » ven 25 mar, 2016 8:42

Modifiche? ho fatto un adattatore al tornio perchè ho la possibilità di farlo; diversamente mi sarei arrangiato lo stessso con qualche altro raccordo.Sul biologico, ripeto, mi è capitata l'occasione per caso e non ci stavo proprio pensando a fare microfoto con questo strumento.I biologici, piu o meno, sono tutti uguali; se proprio non si ha a disposizione il terzo tubo, si possono fare le foto direttamente dall'oculare tramite un semplice cavalletto fotografico; l'oculare è fisso , si muove solo il platorello portacampione.L'importante è un buon obiettivo fotografico, quelli di uso normale non sono adatti.

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3133
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Luca Baralis » ven 25 mar, 2016 9:29

Ma alla fine, una volta che prendo un microscopio biologico, lo attrezzo con un obbiettivo fotografico di qualità e con un adattatore per il corpo macchina / obbiettivo... ho costruito un sistema del tutto analogo a un insieme obbiettivo-soffietto-macchina o al sistema afocale da cui si era partiti, fatti salvi eventuali carenze / riflessioni interne.
Se è così l'unico vero vantaggio sarebbe il trovare una struttura di sostegno già quasi pronta. O sbaglio?
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6119
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » ven 25 mar, 2016 20:02

Un microscopio è uno strumento ottico per osservare; se poi si ha la possibilita di utilizzarlo per la fotografia ancora meglio.Con obiettivi a forte ingrandimento e a distanza di lavoro ravvicinata è meglio posizionare il cristallo osservandolo dagli oculari, e poi aggiustare la messa a fuoco per la fotocamera sul terzo tubo. C'è poi anche da dire che la meccanica di questi microscopi è di una precisione di messa a fuoco senza alcun minimo spostamento.............comunque sia gli esempi postati parlano da soli.

Marco Pistolesi
Messaggi: 1025
Iscritto il: lun 19 mar, 2007 22:14
Località: Piombino-Li-

Re: la microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Marco Pistolesi » gio 07 apr, 2016 10:17

Di Domenico Dario ha scritto:Una cuprite di Baratti fotografata in mattinata con obiettivo Luminar 16 mm. e fotocamera da 10 Mp. Olympus E450:
cuprite-2,-FOV-0.8-mm.,-loc.Baratti-,-Piombino,-Livorno-Province,-Tuscany,-Italy.jpg

bella davvero siala cuprite sia la foto
Io sono persuaso che lo studio dell'Istoria Naturale ben regolato, non è un balocco d'oziosi ingegni, come alcuno vi pensa; ma può influire moltissimo nei vantaggi d'una società...........
Giovanni Targioni Tozzetti (1776)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 6 ospiti