Primi passi nel multifocus processing

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6303
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 27 ott, 2009 11:39

Ok Roberto,comprì.
Ho notato come alcune immagini siano come "lucidate" cioé le facce dei cristalli sono lucide e riflettenti,ma c'é una tecnica per farlo o é qualcos'altro?

Avatar utente
Roberto Bracco
Messaggi: 2175
Iscritto il: lun 18 apr, 2005 10:42
Località: Savona

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Roberto Bracco » mar 27 ott, 2009 12:29

C'è una tecnica sì, ed è una delle cose più difficili: far capire che un quarzo o un anatasio sono lucidi e brillanti ma senza riflessi sparati, insomma vediti questa foto del Maestro
http://www.mindat.org/photo-259727.html
che spiega meglio di mille parole.
Buttare la quantità di luce giusta in modo che le facce del cristallo restino lucenti ma senza perdere il nero, ed equilibrare l'esposizione tra il cristallo (nero!) e lo sfondo (bianco!) è il limite tra artigianato e arte.
In pratica si gioca con luci ben posizionate, schermi diffusori, tanto tantissimo spazio tra obiettivo e campione per poter girare il sasso in tutti modi... e schiena robusta a stare delle mezzore piegati lì addosso... io dopo certe sedute di foto sono più stanco che a martellare sei ore!
Una difficoltà aggiuntiva se si lavora in multifocus è che niente come i riflessi manda in crisi quei tipi di programmi...
Roberto Bracco - AMI Liguria

Perché seguire il calcio, quando accanto c'è lo scandio e poco più in là il vanadio?

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6303
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Di Domenico Dario » mar 27 ott, 2009 13:26

Si l'avevo capito,ma il fatto che le facce sembrino lucide mi sembra un pò dovuto al multifocusing,mi sbaglio?

Avatar utente
enrifoto
Messaggi: 1239
Iscritto il: ven 09 giu, 2006 17:37
Località: Treviolo, via Roma, 95 - 24048 (BG)

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da enrifoto » mar 27 ott, 2009 23:58

Bracco e Cancrinite, sapete quante volte ho girato e rigirato il micro sotto l'obbiettivo,
spostanto in tutti i modi le tre fibre ottiche, anche usando una fibra ottica con una plastica
polarizzante, di certo il programma multifocus non c'entra.-
E poi sempre tanta pazienza e voglia di far bene.-
Ciao a tutte e due e buona notte.-
http://www.mindat.org/user-13835.html#2

Presta l'orecchio a tutti, la tua voce a qualcuno,
senti le idee di tutti, ma pensa a modo tuo.

Avatar utente
roccelllans
Messaggi: 2320
Iscritto il: gio 19 apr, 2007 23:56
Località: BERGAMO
Contatta:

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da roccelllans » mer 28 ott, 2009 7:22

enrifoto ha scritto:Bracco e Cancrinite, sapete quante volte ho girato e rigirato il micro sotto l'obbiettivo,
spostanto in tutti i modi le tre fibre ottiche, anche usando una fibra ottica con una plastica
polarizzante, di certo il programma multifocus non c'entra.-
E poi sempre tanta pazienza e voglia di far bene.-
.-
:) :)

Avatar utente
Roberto Bracco
Messaggi: 2175
Iscritto il: lun 18 apr, 2005 10:42
Località: Savona

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Roberto Bracco » mer 28 ott, 2009 9:08

Cancrinite ha scritto:Si l'avevo capito,ma il fatto che le facce sembrino lucide mi sembra un pò dovuto al multifocusing,mi sbaglio?
Se intendi come artefatto lo escluderei, la "lucidatura" come ribadisce Enrico è solo il risultato di un accurato uso della luce.
Luci fantasma possono verificarsi ad esempio se fotografi un cristallo contro uno sfondo nero, un buco della matrice ec: se usi troppa escursione di fuoco il sistema cerca "qualcosa di buono" anche nei fotogrammi più lontani dal fuoco e crea dei vistosi aloni. Insomma il multifocus può fare miracoli ma va sempre usato conoscendone i limiti.
Roberto Bracco - AMI Liguria

Perché seguire il calcio, quando accanto c'è lo scandio e poco più in là il vanadio?

Avatar utente
Marco Barsanti
Messaggi: 770
Iscritto il: lun 05 lug, 2004 9:57
Località: Toscana, Borgo a Mozzano (LU)

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Marco Barsanti » dom 22 nov, 2009 11:31

Ciao, vi posto un link che a me sembra iteressante

http://www.wildwater.tv/Macroscope.html
Per vivere bene, le cose da non chiedersi mai sono due: come vengono fatte le salsicce e come vengono fatte le leggi (proverbio inglese)

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2837
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Luca Baralis » mar 22 giu, 2010 19:44

Questo sono passi un po' più avanzati direi.
Da una segnalazione dell'autore su Mindat: http://mineralogicalrecord.com/pdfs/MUL ... RTICLE.pdf

Interessantev articolo sul multifocus processing e sulla costruzione di un aggeggio elettronico per il posizionamento progressivo del campione. In inglese.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2837
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Luca Baralis » ven 16 gen, 2015 11:27

Visto che ne stiamo parlando in altripost, riporto a galla questa discussione, con un rinvio ad un elenco aggiornato di vari programmi per il multifocus processing ovvero la stacking di foto.

viewtopic.php?f=6&t=11541
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 80
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da gigionaz » mar 21 mar, 2017 16:42

sto facendo i primi passi con la tecnica dello stacking (foto con endoscopio economico e montaggio con l'ottimo, a mio modo di vedere, e gratuito software Picolay.
In effetti risultati apprezzabili li ottengo con ingrandimenti limitati, per ora, ma credo ci siano spazi per miglioramenti (illuminazione e struttura di supporto)
questo è un esempio soddisfacente
https://www.mindat.org/photo-811038.html

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2837
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Luca Baralis » mar 21 mar, 2017 17:37

Non male come definizione considerato l'hardware di ripresa, anche se il soggetto non è piccolissimo.
I colori sono fedeli ? mi sembra di vedere un netto viraggio al viola.
Con sistemi simili ho notato che il bilanciamento automatico del bianco può andare a pallino se si mischiano fonti di luce diverse (tipo i LED dell'endoscopio, più alogene o LED esterni con differente temperatura di colore.
Nei miei esperimenti il problema grosso è stato proprio dovuto alla struttura di supporto affetta da giochi troppo ampi per riuscire a riprendere degli stack utilizzabili.
Picolay mi sembra più semplice di combinez (anche questo gratuito), e di conseguenza penso possa dare migliori risultati almeno all'inizio. Forse combinez in mano ad un utilizzatore più esperto può rendere meglio.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 80
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da gigionaz » mar 21 mar, 2017 19:18

i colori sono abbastanza fedeli. Magari un po' spinto il contrasto. Come illuminazione ho usato un bulbo alogeno con temperatura di colore calda e due specchi concavi, con un filtro diffusore attorno al pezzo. Non mescolo lampade con colori diversi. Semmai ho un po' sbagliato le correzioni in post.
Picolay ha un algoritmo di allineamento delle immagini che mi sembra efficiente.
La cosa un po' complessa è il numero elevato di 'fette' di messa a fuoco necessarie per ingrandimenti spinti. A volte si deve muovere di un nulla la rotellina dell'aggeggio.
Comunque è un bello sperimentare

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1140
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da andrea oppicelli » mar 21 mar, 2017 19:43

gigionaz ha scritto:
mar 21 mar, 2017 16:42
sto facendo i primi passi con la tecnica dello stacking (foto con endoscopio economico e montaggio con l'ottimo, a mio modo di vedere, e gratuito software Picolay.
In effetti risultati apprezzabili li ottengo con ingrandimenti limitati, per ora, ma credo ci siano spazi per miglioramenti (illuminazione e struttura di supporto)
questo è un esempio soddisfacente
https://www.mindat.org/photo-811038.html
Bene! Non male come inizio e bel campione. Anche io faccio, da qualche mese, esperimenti fotografici con attrezzi economici
Che endoscopio hai usato ?
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 80
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da gigionaz » mar 21 mar, 2017 22:38

questo (ho avuto notizia qui su ami) MS100 Digital USB Microscope Camera
https://www.teslong.com/index.php?route ... duct_id=73
30€ su amazon

Però, anche se il supporto è sufficientemente stabile con bassi ingrandimenti, per quelli un po' spinti mi sa che devo pensare a qualcosa. Tipo blocco doppio, anche molto vicino alla lente.
Sono primi passi
Ti saluto

PS: con una sola lampada la correzione sul bianco del software in dotazione è già sufficiente. Il passaggio in un programma di ritocco fotografico (io uso Gimp) spesso non cambia nulla

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6303
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: Primi passi nel multifocus processing

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 22 mar, 2017 9:12

Ho scaricato e testato il programma.......complicato, lento da morire,risultati pessimi.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti