La microfotografia con obiettivi da ingranditore

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2615
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mar 03 gen, 2017 15:36

Ma a questo punto non sarebbe più comodo usare un traslatore micrometrico come quello che uso io?
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
rsandro
Messaggi: 171
Iscritto il: mar 14 dic, 2004 10:06
Località: Roma

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da rsandro » mar 03 gen, 2017 16:15

Pasquale Antonazzo ha scritto:Ma a questo punto non sarebbe più comodo usare un traslatore micrometrico come quello che uso io?
Sinceramente avevo preso in considerazione anche la tua scelta, ma poi avevo visto che le slitte micrometriche potevano costare anche più di 300 euro e mi sono orientato per quello che vedi in foto.
Comunque non escludo che la tua soluzione un giorno la metterò in pratica.

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2615
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mar 03 gen, 2017 16:34

Quella che ho comprato io costa sui 60 euro, certo i tempi di spedizione sono quelli che suono ma devo dire che mi trovo molto bene..
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2831
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Luca Baralis » mar 03 gen, 2017 19:19

Più che altro, penso che sia inutile disporre di un misuratore micrometrico, preciso quanto vuoi, se poi non si ha un misurando altrettanto preciso e graduabile.
Il problema è soprattutto nella realizzazione del traslatore.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2324
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Maurizio_T » mar 03 gen, 2017 21:18

Concordo con Pasquale che una slitta micrometrica in asse Z è la scelta migliore, se ne trovano su E-Bay a prezzi abbordabili. Se vi può interessare ripropongo una modifica che ho apportato ad una slitta aggiungendoci un comparatore che rende molto più agevole la lettura degli spostamenti.
Allegati
Focheggiatore_001.JPG
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Angelo Brambilla
Messaggi: 36
Iscritto il: gio 29 gen, 2015 21:31
Località: Concorezzo (MB)

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Angelo Brambilla » mar 03 gen, 2017 22:27

Sto usando anch'io il traslatore micrometrico "cinese" suggerito da Pasquale e devo convenire che è stata un'ottima scelta.

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2615
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mar 03 gen, 2017 23:42

Mi fa enormemente piacere questo!
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
rsandro
Messaggi: 171
Iscritto il: mar 14 dic, 2004 10:06
Località: Roma

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da rsandro » mar 03 gen, 2017 23:47

Cari tutti, mi avete quasi convinto.....ma dico quasi, perché dalla foto del marchingegno del Maestro Enrico vedo una situazione meccanica molto simile alla mia.
Tra l'altro lo stativo che vi ho mostrato, dove metto il campione da fotografare era lo stativo di un vecchio microscopio stereo. Chiaramente non puo' avere la precisione di una slitta micrometrica ecco perché pensavo di accoppiarci un comparatore che mi indicasse con un po' piu' di precisione i micro movimenti, nei limiti consentiti dall'accoppiamento cremagliera-vite senza fine.

Per il momento grazie di cuore a tutti ed un complimento a Maurizio per la realizzazione meccanica della slitta con lettore a camparatore !!!

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10669
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Luciano Vaccari » mer 04 gen, 2017 12:00

Tutto straordinario quello che scrivete ma....posso fare l'avvocato del diavolo?

Sono davvero necessari tutti questi meccanismi e accorgimenti per fare foto ai micro? Ovviamente non mi riferisco a chi ambisce di diritto a risultati come quelli del maestro o di Matteo o altri ma....davvero non si possono fare buone foto senza il comparatore? Passi la slitta micrometrica....

Perdonate la cattiveria, ma Natale è passato e ho smesso di essere buono :D :D :D :D
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2615
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mer 04 gen, 2017 14:06

Certo Luciano, non sono necessari ma se li hai ti semplificano la vita perché puoi tenere conto del numero di foto che hai scattato..
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10669
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Luciano Vaccari » mer 04 gen, 2017 15:59

Ecco è qui che non mi ritrovo...Tutto questo ambaradan non mi semplifica la vita, semmai mi semplifica il grande lavoro da fare per ottenere certi apprezzabili risultati.

La vita me la semplifica una compattina appoggiata sul micorscopio, un click e via, almeno fino a quando è possibile ;)
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2615
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Pasquale Antonazzo » mer 04 gen, 2017 16:51

La compattina appoggiata all'oculare del microscopio può andar bene se vuoi fotografare dei cristalli che si sviluppano maggiormente lungo un piano (esempio cristalli tabulari ecc ecc) ma se vuoi fotografare dei cristalli o gruppi di essi tipo raggiati o che si sviluppano in buona parte sul piano verticale non hai tutta questa libertà, da questo deriva la mia decisione di allestire un set composto come vi ho spiegato..
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
enrifoto
Messaggi: 1239
Iscritto il: ven 09 giu, 2006 17:37
Località: Treviolo, via Roma, 95 - 24048 (BG)

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da enrifoto » mer 04 gen, 2017 19:00

Luciano Vaccari ha scritto:Tutto straordinario quello che scrivete ma....posso fare l'avvocato del diavolo?

Sono davvero necessari tutti questi meccanismi e accorgimenti per fare foto ai micro? Ovviamente non mi riferisco a chi ambisce di diritto a risultati come quelli del maestro o di Matteo o altri ma....davvero non si possono fare buone foto senza il comparatore? Passi la slitta micrometrica....

Perdonate la cattiveria, ma Natale è passato e ho smesso di essere buono :D :D :D :D
Caro Luciano, mi spiego il perché ho sempre usato il comparatore, (da 11 anni a questa parte),
con l'avvento del digitale.
1° posiziono il micro sotto l'obiettivo,
2° a diaframma aperto metto a fuoco la parte alta del/dei cristalli,
3° sempre a diaframma aperto scendo sin dove voglio mettere a fuoco,
4° la distanza risultante la divido in tanti scatti secondo l'obiettivo usato,
5° ritorno alla parte alta del micro e stringo il diaframma, normalmente F/5,6-8,
6° e poi giù con gli scatti, preciso che più corte sono le distanze, l'insieme viene meglio.
Luciano, e chi leggerà quanto sopra, non è una lezione assolutamente, solamente
per impiegare un po' di tempo intanto che aspetto la moglie per la cena.
Ancora buon anno a tutti gli AMIci.
Enrico.
http://www.mindat.org/user-13835.html#2

Presta l'orecchio a tutti, la tua voce a qualcuno,
senti le idee di tutti, ma pensa a modo tuo.

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6525
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Massimo Russo » mer 04 gen, 2017 20:54

Enrico sei unico e inimitabile

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10669
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: La microfotografia con obiettivi da ingranditore

Messaggio da Luciano Vaccari » gio 05 gen, 2017 8:31

Enrico che dire, sei grande!!

Queste cose le ho imparate a furia di leggere e le ritengo eccellenti. Il mio messaggio amichevolmente provocatorio voleva, in modo scherzoso, far sapere alla comunità che si può fotografare in mille modi, molti dei quali comporteranno un accontentarsi, ma se può andare bene perchè scervellarsi oltre.

Pasquale ha dato una risposta il cui significato è...dipende da ciò che vuoi fare...e personalmente, se da una parte la condivido, dall'altra mi piace ricordare a chi ci legge che non è obbligatorio fare chissà che cosa.

L'importante è iniziare,poi il resto viene da sè, piano piano.Pasquale è uno dei tanti esempi.

Io avevo iniziato, poi per tempo e altri impegni ho smesso, ma mi tengo sempre aggiornato leggendovi; prima o poi inizierò nuovamente....spero :wink:

Quello che noto con piacere è che, seppur lentamente, ogni tanto un nuovo amico si affaccia ai topic con immagini che migliorano di giorno in giorno. Se anche ci vuole del tempo, questo topic e altri simili sembra che stiano dando i loro frutti. Questo penso sia più che positivo...

Avanti così ragazzi...
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite