Fotografia dei micro minerali, ma con quattro soldi

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2920
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Fotografia dei micro minerali, ma con quattro soldi

Messaggio da Luca Baralis » ven 28 apr, 2017 9:50

Maurizio_T ha scritto:
ven 28 apr, 2017 9:45
Luca, le foto si scattano al buio completo, ci devono essere solo le luci di scena, quindi luci ambientali spente/oscurate e, di giorno, serrande abbassate, se non fai così le differenti temperature di colore vengono recepite dal sensore e si possono creare sbilanciamenti.
Me ne sono accorto! Solo pensavo che certi accorgimenti fossero necessari per foto "di livello", non per riprese veloci "di servizio". Invece ...
Però anche spegnendo le luci, il problema rimane quando diventa utile avere illuminazione laterale radente o diversamente angolata, o quando il soggetto risponde male allo spettro dei led built-in.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 77
Iscritto il: dom 25 mar, 2012 11:05
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Fotografia dei micro minerali, ma con quattro soldi

Messaggio da Enotria » dom 30 apr, 2017 1:06

Vediamo ora come utilizzare la luce polarizzata con questo strumentino.

Di nuovo utilizziamo il nostro bicchiere capovolto e gli mandiamo dentro la luce attraverso il foro laterale.
Naturalmente, dopo mille rimbalzi la luce uscirà dal foro in alto.
E qui si trova subito un filtro polarizzatore di tipo fotografico, meglio se uno di quelli più vecchi, lineari.
Sopra al polarizzatore metteremo quindi il nostro campione da visualizzare.

Poi, dopo aver tolto la protezione in plastica trasparente, metteremo una ulteriore lamina polarizzante in funzione di analizzatore.
Occhio che questa lamina è attraversata dalla luce che forma l''immagine, perciò deve essere di buona qualità.
Set_Polarizzazione.JPG
Per utilizzare la luce polarizzata ruotiamo il polarizzatore (quello di sotto) finché non vediamo che il campo visualizzato è diventato tutto nero.
Se a questo punto noi mettiamo il vetrino con il campione, già vediamo gli effetti della polarizzazione.
Un ottimo materiale di prova è il comune zucchero da cucina: sciolto in acqua, una goccia fatta asciugare sul vetrino rivela la struttura dei cristalli che si sono formati.
Zucchero.jpg
Se si vuole ottenere dei colori più vivaci si può inserire una lamina compensatrice fra il polarizzatore ed il vetrino porta oggetto.


:roll:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 77
Iscritto il: dom 25 mar, 2012 11:05
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Fotografia dei micro minerali, ma con quattro soldi

Messaggio da Enotria » dom 14 mag, 2017 9:53

.


Nello studio dei vostri minerali, potrebbe essere interessante l'utilizzo della tecnica Time Lapse abbinata alla luce polarizzata.

In questo breve esempio la formazione accelerata di cristalli di zucchero: 2 ore reali ridotte a soli 3 secondi di filmato


https://www.dropbox.com/s/ib8kie5l1hffm ... e.wmv?dl=0



:roll:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6437
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Fotografia dei micro minerali, ma con quattro soldi

Messaggio da Massimo Russo » dom 14 mag, 2017 10:44

Forte

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti