FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Rispondi
Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6710
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 07 apr, 2021 10:22

Se li compri alla Mitutoyo Italia o da Edmunds li paghi un botto nuovi; quelli che trovi su Ebay sono usati e magari pure difettosi, difficile trovarli in perfetto stato.
Il 4x apocromatico della Amscope é alla fluorite e costa parecchio; gli altri come il mio sono solo plan e acromatici.

HEDE FREDERIC
Messaggi: 393
Iscritto il: dom 12 giu, 2016 10:13

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da HEDE FREDERIC » mer 07 apr, 2021 11:23


Avatar utente
ChinellatoPhoto
Messaggi: 2989
Iscritto il: lun 16 gen, 2012 14:58
Località: Venezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da ChinellatoPhoto » mer 07 apr, 2021 11:24

presi in giappone ancora con sigillo. beh i nikon sono peggio ancora come prezzi
Mindat Gallery http://www.mindat.org/user-5018.html#2_0_0_0_0_0_

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 470
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da gigionaz » mer 07 apr, 2021 11:34

Di Domenico Dario ha scritto:
mer 07 apr, 2021 10:03
https://www.amscope.com/4x-infinity- ... lens.html
Costa poco?
Ho il Plan 4x e l'ho diaframmato e va molto .
Mi dici come hai fatto?
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6710
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 07 apr, 2021 17:30

Semplicissimo....sviti il coperchietto nero sulla parte filettata, inserisci una rondella con un foro da 6 mm. di diametro e del diametro dell'ultima lente, riavviti il coperchietto e il gioco é fatto.

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 470
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da gigionaz » mer 07 apr, 2021 19:53

Di Domenico Dario ha scritto:
mer 07 apr, 2021 17:30
Semplicissimo....sviti il coperchietto nero sulla parte filettata, inserisci una rondella con un foro da 6 mm. di diametro e del diametro dell'ultima lente, riavviti il coperchietto e il gioco é fatto.

Grazie Dario. in attesa della tua risposta mi ci ero provato. Ma col diametro del foro ci sono andato un po' alla 'come viene viene'. Sarei curioso di provare cosa muta al mutare del diametro dei fori. Di ottica ne so niente
Ciao!
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 470
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da gigionaz » gio 08 apr, 2021 21:38

Smithsonite e Goethite del Laurion

https://www.mindat.org/photo-1135430.html

Sto provando a dotare di diaframma fisso i miei obiettivi. Coi 'cinesi' il migliramento è notevole. Con i cinesi brandizzati Amscope mi sembra minore, ma comunque è una strada interessante. Grazie Dario.

Amscope 4x achro planar soffietto montato verticale a muro, movimenti micrometrici a mano (rigorosamente), step 8um, 3 led cri = 95, skydome plastica bianca, Helicon Focus B,8,4, Gimp (ampliamento automatico contrasto, colore, luminosità). Il fuori fuoco è voluto ed è reso con stack parziale. Ah! Canon 2000D senza scatto ritardato, 24Mpixel. scatto 100iso 1/20 sec.

Buona serata a tutti!
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 470
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da gigionaz » ven 09 apr, 2021 16:22

Una prova delle ottiche con diaframma fisso consigliato da Dario. L'obiettivo è Cinese molto economico (mi sembra di averlo pagato 12-14 €) e mai usato perchè riuscivo a ottenerci solo immagini confuse, piene di nebbia. A questo ingrandimento (il massimo, estensione del soffietto a circa160mm) non mi immaginavo una simile resa. Qui sotto la coppia di immagini: la seconda come uscita dallo scatto, la prima un po' tagliata e post-processata in Gimp. Forse potevo lasciarla un po' più chiara.

Canon 2000D, 24 mpixel, obiettivo cinese senza marca 10x planar-achromatic, diaframma fisso a la' Dariò (occhio 6mm) , estensione soffietto circa 160 mm, slitta micrometrica a mano, step 1um, 103 immagini, Helicon B, 8, 4, Gimp (estensione colore, contrasto HSV, luminosità).

Credo che il cristallo sia di Anglesite, genericamente del Laurion.
Buona giornata
Allegati
anglesite uk laurion.jpg
Post processato in Gimp
anglesite uk laurion orig.jpg
Originale
Ultima modifica di gigionaz il ven 09 apr, 2021 16:28, modificato 1 volta in totale.
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Avatar utente
ChinellatoPhoto
Messaggi: 2989
Iscritto il: lun 16 gen, 2012 14:58
Località: Venezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da ChinellatoPhoto » ven 09 apr, 2021 16:27

gigionaz ha scritto:
ven 09 apr, 2021 16:22
slitta micrometrica a mano,
già questo basta per muovere l'immagine e fare micromosso, che con un luminar ancora ancora ti puoi salvare, fino al 40mm, ma con un Apo è un disastro
Mindat Gallery http://www.mindat.org/user-5018.html#2_0_0_0_0_0_

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 470
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da gigionaz » ven 09 apr, 2021 17:56

ChinellatoPhoto ha scritto:
ven 09 apr, 2021 16:27
gigionaz ha scritto:
ven 09 apr, 2021 16:22
slitta micrometrica a mano,
già questo basta per muovere l'immagine e fare micromosso, che con un luminar ancora ancora ti puoi salvare, fino al 40mm, ma con un Apo è un disastro
Infatti passerò a motorizzarmi. 15€ a mano ha i suoi limiti. ;)
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.


Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 470
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da gigionaz » sab 10 apr, 2021 0:39

ChinellatoPhoto ha scritto:
ven 09 apr, 2021 16:27
gigionaz ha scritto:
ven 09 apr, 2021 16:22
slitta micrometrica a mano,
già questo basta per muovere l'immagine e fare micromosso, che con un luminar ancora ancora ti puoi salvare, fino al 40mm, ma con un Apo è un disastro
Ci ho ripensato un po' su. Muovere la slitta a mano non ha nulla a che vedere col micromosso. Se ho capito cosa intendi tu con la parola. A logica, il micromosso su un risultato che esce da un elaborazione di stack è completamente diverso dal mosso, o micromosso, che si vede su uno scatto singolo.

Il mosso, o micromosso, su uno scatto singolo è dovuto al movimento che avviene nel tempo dell'esposizione.
Su uno stack l'effetto che si pensa essere micromosso è diverso. A meno che l'impianto non vibri brutalmente durante il tempo di esposizione, magari per lo specchio, o una vite malferma dopo che le dita si sono staccate.
I programmi di stacking sono tutti lavori di allineamento dei pixels. E' una cosa che sanno fare abbastanza bene e compensano un certo grado di disallineamento.
Peggio è per loro, ad es, una fonte di luce incostante che fa cambiare non la posizione ma il valore dei pixel, confondendoli fino al messaggio di avvertimeno che appare.

Poi, naturalmente, meno ti muovi dentro l'inquadratura meglio è. E' per questo che stack di DOF poco profondi sono più facili da far venire bene che quelli con centinaia di immagini.
Dico delle sciocchezze?

PS: Frederic, belle le wulfeniti!
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Avatar utente
ChinellatoPhoto
Messaggi: 2989
Iscritto il: lun 16 gen, 2012 14:58
Località: Venezia
Contatta:

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da ChinellatoPhoto » sab 10 apr, 2021 7:27

gigionaz ha scritto:
sab 10 apr, 2021 0:39
ChinellatoPhoto ha scritto:
ven 09 apr, 2021 16:27
gigionaz ha scritto:
ven 09 apr, 2021 16:22
slitta micrometrica a mano,
già questo basta per muovere l'immagine e fare micromosso, che con un luminar ancora ancora ti puoi salvare, fino al 40mm, ma con un Apo è un disastro
Ci ho ripensato un po' su. Muovere la slitta a mano non ha nulla a che vedere col micromosso. Se ho capito cosa intendi tu con la parola. A logica, il micromosso su un risultato che esce da un elaborazione di stack è completamente diverso dal mosso, o micromosso, che si vede su uno scatto singolo.

Il mosso, o micromosso, su uno scatto singolo è dovuto al movimento che avviene nel tempo dell'esposizione.
Su uno stack l'effetto che si pensa essere micromosso è diverso. A meno che l'impianto non vibri brutalmente durante il tempo di esposizione, magari per lo specchio, o una vite malferma dopo che le dita si sono staccate.
I programmi di stacking sono tutti lavori di allineamento dei pixels. E' una cosa che sanno fare abbastanza bene e compensano un certo grado di disallineamento.
Peggio è per loro, ad es, una fonte di luce incostante che fa cambiare non la posizione ma il valore dei pixel, confondendoli fino al messaggio di avvertimeno che appare.

basta solo toccare la macchina per creare un mosso, anche se si fa con la delicatezza più estrema, quando si scatta non solo non è da toccare la macchina o la slitta, ma anche proprio da non stare nell'area della macchina dato che basta anche solo un movimento brusco per far vibrare tutto. Io nell'altra casa vedevo le vibrazioni dei camion in strada dal live view, quindi figuriamoci spostare la slitta ogni volta a mano. Il programma di stack sistemerà un po' la cosa, ma non la eliminerà mai. Alias si compra una slitta computerizzata da 1000 euro e si evita tutto questo
Mindat Gallery http://www.mindat.org/user-5018.html#2_0_0_0_0_0_

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

HEDE FREDERIC
Messaggi: 393
Iscritto il: dom 12 giu, 2016 10:13

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da HEDE FREDERIC » sab 10 apr, 2021 8:31

Ci sono diverse sfocature. Il primo, quello che sto combattendo, è quello dell'ottica. Se non sappiamo come usare le ottiche o se sono intrinsecamente cattive, allora c'è un po 'di sfocatura. Quindi devi fare la cosa giusta ... E questo non lo spiegherò qui. Quindi anche quando le ottiche sono perfette, ci sarà ancora qualche sfocatura, è quella della diffrazione. Dobbiamo quindi spingere l'ottica a questo sfocato definitivo e il più basso possibile con le giuste aperture e le giuste lenti. Dopo sulle pile, c'è una sfocatura legata all'imprecisione dell'allineamento. Stando così le cose perché l'ottica sia valida, anche l'allineamento deve essere valido ... Quindi i due problemi sono collegati.

Sénégalite fov 1.38 mm
https://www.geoforum.fr/uploads/monthly ... a19a99.jpg

HEDE FREDERIC
Messaggi: 393
Iscritto il: dom 12 giu, 2016 10:13

Re: FOTO DI MINERALI (PARTE 5)

Messaggio da HEDE FREDERIC » sab 10 apr, 2021 10:02

Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti