Otturatore fotografico

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Rispondi
Avatar utente
Piero Brizio
Messaggi: 389
Iscritto il: dom 18 feb, 2007 21:10
Località: Torino

Otturatore fotografico

Messaggio da Piero Brizio » ven 02 mar, 2007 13:08

Ciao,

andando e tornando da scuola ho pensato di coinvolgere voi (specialmente BigBracco, BigMalfatto, BigTosato e tanti altri Big) nella soluzione di un problema che mi assilla da un po':
l'OTTURATORE nelle macchine reflex digitali.

Inizio: Dicesi otturatore il dispositivo che limita - nel tempo - l'acquisizione della luce da parte del materiale sensibile. Ne esistono di tre tipi: centrale, focale e shutter.
Il centrale, piazzato nel centro ottico dell'obiettivo era riservato alle compatte dei tempi "pellicolari" e si apriva e chiudeva a iride (tipo diaframma).
Il focale, comunemente conosciuto come "tendina" era piazzato all'interno del corpo macchina, il più possibile vicino al materiale sensibile, e scorreva in verticale, orizzontale od obliquo esponendo il materiale, per i tempi più corti di 1/60 o 1/125 di secondo (tempo di sincro flash), a fette tramite una "fessura" più o meno larga che passava davanti al materiale (al momento della ricarica la tendina tornava al suo posto).
Lo shutter è un otturatore elettronico, inventato per le telecamere e usato tuttora per camcorder, dv, ecc. che "campiona" per un certo tempo, credo sia più giusto dire una certa quantità di luce per registrare il frame (l'immagine) che poi proiettata una di seguito all'altra (25 al secondo) ci danno il senso del movimento televisivo.

Orbene. Qualcuno di voi ha trovato su qualche sito, forum, blog o quant'altro notizie circa il tipo di otturatore impiegato nelle reflex digitali.
Io ho paura che la tendina che indicano come presente serva solo di protezione al sensore (anche solo per evitare che prenda luce al momento del cambio dell'ottica) [Hasselblad insegna: la tendina serviva solo a proteggere la pellicola al cambio dell'ottica mentre l'esposizione la dava l'otturatore centrale presente in tutte le ottiche].
In più l'OLY in live-preview modalità B usa la luce del sensore per mostrarci l'immagine sul monitorino di controllo: ergo il sensore non è protetto dalla tendina e l'Olympus invita a non considerare sbalzi luminosi sul monitorino al forte variare della luminosità esterna.

Allora: tendina o shutter?

Aiutatemi.

Ciao.
Piero

-------------------------

Piero Brizio
Torino

Cercare. Cercherò... Cercar bisogna!

Avatar utente
paolo grosso
Messaggi: 734
Iscritto il: ven 28 ott, 2005 21:22
Località: via San Rocco,38-10080 San Benigno C.se -To
Contatta:

Messaggio da paolo grosso » ven 02 mar, 2007 13:18

Ti ho mandato un mp guarda, ti può essere utile.

Avatar utente
paolo grosso
Messaggi: 734
Iscritto il: ven 28 ott, 2005 21:22
Località: via San Rocco,38-10080 San Benigno C.se -To
Contatta:

Messaggio da paolo grosso » ven 02 mar, 2007 21:37

Ho provato a girare la tua domanda su un altro forum e questa è stata la risposta:
"Forse si fa riferimento al fatto che, tra le diverse tecnologie di sensori, esistono anche alcuni CCD che NON hanno necessariamente bisogno di un otturatore, poiché sono in grado di interrompere da sé il flusso di carica elettrica generato dai fotodiodi, una volta che la luce raccolta è sufficiente.
Come vedi però all'atto pratico le scelte dei costruttori sono andate in direzione opposta..."

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti