Reflex

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Rispondi
Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Reflex

Messaggio da Federico » sab 01 set, 2007 13:22

Salve a tutti. Sto pensando di cambiare reflex digitale.
Dato che l'uso maggiore è il macro e i paesaggi volevo chiedere agli utenti pareri sulle tre macchine che ho puntato.
Nikon 40x
Canon eos 400d
ed eventualemte con una spesa "lievemente" SUPERIORE Nikon d80.

Ciao e grazie in anticipo per le risposte.

Avatar utente
Giorgio
Messaggi: 1246
Iscritto il: gio 21 lug, 2005 22:31
Località: Sesto Calende (VA)
Contatta:

Messaggio da Giorgio » sab 01 set, 2007 15:09

Da nikonista (per pregresse ottiche in mio posesso) punterei alla D80, con la "vecchia" D70 mi trovo egregiamente, a volte sono tentato dal cambio ma poi mi rendo conto che per le mie esigenze e finchè mai sufficiente quella che ho. Con il giretto a Budapest mi sono reso conto della "drammatica" mancanza di un grandangolo come si deve, per il resto ha fatto tutto egregiamente il 28-70 in dotazione.
Le pietre sono maestre mute: esse rendono muto l'osservatore, e il meglio che da esse si apprende non si può comunicare. J.W.Goethe

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » sab 01 set, 2007 15:31

Grazie delle informazioni. Giorgio a proposito come è andata in Ungheria?

Avatar utente
Giorgio
Messaggi: 1246
Iscritto il: gio 21 lug, 2005 22:31
Località: Sesto Calende (VA)
Contatta:

Messaggio da Giorgio » sab 01 set, 2007 15:49

Partiti con 16 gradi e carichi di maglioni... arrivati con 35 gradi all'ombra!!!
Bellissima la città, un po' meno la mostra:
pochissimi minerali (qui la bigiotteria e i ciarpami vari sono presenti a profusione), soprattutto rumeni (con il solito materiale... morire trovare una vivianite o una scheelite dalla Romania!) alcuni cechi, diversi espositori ungheresi con mineralucci locali (quasi sempre solo calcitine o quarzetti, alcune geodi in vulcaniti ma con solo cristallini di calcite-calcedonio o quarzetti). Bella e particolare la novità mineralogica ungherese con dell'ametista a piccolissimi cristalli di un graziosissimo colore lavanda, proprio inusuale. Conosciuto e reincontrato Andràs dalle belle ilvaiti russe che aveva anche un ottimo cristallo di cuprite della classica località di Rudabànna.
Bellissimo il contesto dove si è svolta la mostra: il museo dellla ferrovia storica, con splendidi locomotori a vapore sferraglianti e fumanti... davvero molto interessante questo aspetto.
Le pietre sono maestre mute: esse rendono muto l'osservatore, e il meglio che da esse si apprende non si può comunicare. J.W.Goethe

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » mar 18 set, 2007 14:50

Alla fine ho optato per la Canon 400d.
Vedendo diversi forum del settore e soprattutto il rapporto qualità prezzo ho optato per questa scelta.

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » mar 18 set, 2007 14:52

Giorgio ha scritto:Partiti con 16 gradi e carichi di maglioni... arrivati con 35 gradi all'ombra!!!
Bellissima la città, un po' meno la mostra:
pochissimi minerali (qui la bigiotteria e i ciarpami vari sono presenti a profusione), soprattutto rumeni (con il solito materiale... morire trovare una vivianite o una scheelite dalla Romania!) alcuni cechi, diversi espositori ungheresi con mineralucci locali (quasi sempre solo calcitine o quarzetti, alcune geodi in vulcaniti ma con solo cristallini di calcite-calcedonio o quarzetti). Bella e particolare la novità mineralogica ungherese con dell'ametista a piccolissimi cristalli di un graziosissimo colore lavanda, proprio inusuale. Conosciuto e reincontrato Andràs dalle belle ilvaiti russe che aveva anche un ottimo cristallo di cuprite della classica località di Rudabànna.
Bellissimo il contesto dove si è svolta la mostra: il museo dellla ferrovia storica, con splendidi locomotori a vapore sferraglianti e fumanti... davvero molto interessante questo aspetto.



Una domanda tecnica. Per l'Ungheria è necessario il passaporto o la semplice carta d'identità?

Avatar utente
Giorgio
Messaggi: 1246
Iscritto il: gio 21 lug, 2005 22:31
Località: Sesto Calende (VA)
Contatta:

Messaggio da Giorgio » mer 19 set, 2007 0:02

Carta di identità! Almeno per quello siamo in Europa! Anche i prezzi non sono poi tanto diversi, ricorda di non cambiare denaro al mercato nero (tipo sulla via Vaci Utca) ma nelle banche, sono aperte anche il pomeriggio fino alle 18! Assaggiati il Tokaj, quello dolce, buon gulash e buona palacsinta!!!
Le pietre sono maestre mute: esse rendono muto l'osservatore, e il meglio che da esse si apprende non si può comunicare. J.W.Goethe

Avatar utente
roccelllans
Messaggi: 1936
Iscritto il: gio 19 apr, 2007 23:56
Località: BERGAMO
Contatta:

Messaggio da roccelllans » mer 19 set, 2007 8:00

Passa anche dalla gelateria della principessa Sissi in centro. :D :D :D :D :D :D
Dolci superlativi. :P :P :P

C'è pure il buttafuori all'ingresso. :D :D :D :D :D :D

Fabio

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » mer 19 set, 2007 15:54

Giorgio ha scritto:Carta di identità! Almeno per quello siamo in Europa! Anche i prezzi non sono poi tanto diversi, ricorda di non cambiare denaro al mercato nero (tipo sulla via Vaci Utca) ma nelle banche, sono aperte anche il pomeriggio fino alle 18! Assaggiati il Tokaj, quello dolce, buon gulash e buona palacsinta!!!
Chiedevo per Claudio (Presidente GUMP) che sta organizzando il giro all'est per il prossimo anno. Infatti a Pescara ti vorrà parlare proprio di questo.

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6090
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » sab 10 mag, 2008 17:01

Per gli amanti dello storico marchio PENTAX è uscita la nuova reflex digitale PENTAX K20D.
Risoluzione 14,6 mp su sensore Samsung 23,4x15,6 mm (moltiplicazione della focale 1,5x rispetto al 24x36 mm).
Innesto ottica baionetta pentax KAF2 -KAF-KM.
La rivista Fotografare indica che il rumore si manifesta ad iniziare da 800 ISO (gamma sensibilità 100-6400 ISO).
Tra i pregi: compattezza, un'ottima gestione del colore, stabilizzazione, tropicalizzazione con molti O-ring, tasto RAW dedicato, flash incorporato con funzione avanzate.
Costo € 1.300 con ottica base 18-55 mm.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti