Resistenza dell'alabastro

idee, suggerimenti, proposte, correzioni, confidenze, album dei ricordi, proposte per scambi, ecc., ecc
Rispondi
Fanny+112
Messaggi: 2
Iscritto il: lun 17 lug, 2017 11:23

Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Fanny+112 » lun 17 lug, 2017 12:41

Buongiorno. Vorrei chiedere un aiuto agli esperti.
Sono una scrittrice di gialli e questo spiega la stranezza della mia domanda.
Cosa succede a un oggetto di alabastro (dimensioni circa 6x6 cm, spessore circa 1 cm) se colpito da una pallottola sparata dalla distanza di circa 5 metri? Nello specifico, una pallottola per la caccia al cinghiale? L'alabastro va in frantumi? Si buca? Resiste? può modificare la traiettoria della pallottola? Grazie a chi vorrà rispondermi. Fanny

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 5809
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da TOSATO FABIO » lun 17 lug, 2017 12:54

secondo me spacca la lastra e forse viene deviata la traiettoria
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Fanny+112
Messaggi: 2
Iscritto il: lun 17 lug, 2017 11:23

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Fanny+112 » lun 17 lug, 2017 13:04

TOSATO FABIO ha scritto:
lun 17 lug, 2017 12:54
secondo me spacca la lastra e forse viene deviata la traiettoria
Grazie Fabio

salvatore
Messaggi: 808
Iscritto il: lun 07 feb, 2011 14:12
Località: Montesilvano PE

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da salvatore » lun 17 lug, 2017 13:17

Mhhhhhhhhhhhh......................un pezzetto colpito da 5m..............è chiaro che si "sfrantuma" la deviazione dipende dall'angolo col quale viene colpito,comunque vista la poca massa la deviazione sarà minima.

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1256
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da andrea oppicelli » lun 17 lug, 2017 13:53

la distanza è proprio poca; il pezzo di alabastro è infisso o è mobile? Può fare la differenza!
Che tipo di palla e di fucile si tratta ?
Comunque dato che non me ne capisco proprio niente, guarda qui:
https://www.cacciapassione.com/caccia-p ... e-insieme/

P.s. Se sei una scrittrice facci sapere del lavoro ultimato :)
e nome o pseudonimo, tanto per non rimanere una sconosciuta o indiziata :lol:
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Maurizio_T
Messaggi: 2199
Iscritto il: mer 17 dic, 2008 14:46

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Maurizio_T » lun 17 lug, 2017 15:10

Un pezzo 6x6x1 di alabastro viene disintegrato da una palla da cinghiale sparata a 5 metri, e dubito pure che riesca a deviarne la traiettoria, basta guardare la foto per capire di che proiettile stiamo parlando.
Allegati
Palla.jpg
Palla.jpg (6.07 KiB) Visto 502 volte
"Quelli che s’innamoran di pratica senza scienzia son come ‘l nocchier ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo)

Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2290
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Torino
Contatta:

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Pasquale Antonazzo » lun 17 lug, 2017 17:13

L'alabastro, come tutti i materiali ceramici non ha una buona resistenza alla flessione, che è la sollecitazione maggiormente coinvolta in questo caso. Questo è dovuto al fatto che gli atomi nei materiali ceramici sono connessi tra di loro per mezzo di legami forti e direzionali, a differenza dei materiali metallici che sono connessi tra di loro per mezzo di legami metallici. Oltre a questo bisogna anche considerare che i materiali ceramici difficilmente sono costituiti da un monocristallo, di conseguenza i vari cristalli o i vari grani sono dei punti a maggiore energia che di conseguenza tendono per primi a separarsi. Per questo motivo un materiale metallico potrebbe resistere all'impatto di un proiettile ma sempre in dipendenza dell'energia posseduta dal proiettile, che ovviamente dipende sia dalla massa del proiettile che dalle sue dimensioni e quindi il peso. In conclusione si può dire che più materiale è tenace ( dove per tenace si intende un materiale che riesce a dissipare molta energia nella sua frattura) e più riuscirebbe a resistere all'impatto di un proiettile, la tenacità poi può essere legata alla resistenza alla trazione di un materiale.
Se vuoi un consiglio per meglio capire questa faccenda cerca su internet "pendolo di charpy", è uno strumento ideato per valutare la resistenza degli assali ferroviari all'impatto dei sassi della massicciata.

Comunque a parte la digressione tecnica una lastra di alabastro viene senza dubbio mandata in frantumi dal una pallottola del genere, la sua traiettoria probabilmente verrà deviata perché legata alla dissipazione dell'energia durante l'urto (ma potrebbe semplicemente subire una riduzione della velocità)
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
liliano
Messaggi: 396
Iscritto il: ven 02 ago, 2013 23:03

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da liliano » mar 18 lug, 2017 10:57

Ciao Fanny+ 112.
Secondo me si verificano tutte le tue ipotesi.
Certo che e`un bel rompicapo :banghead: :banghead: :banghead: ...
Ma perche sparare ad una lastra di alabastro. :roll: :rol...... :lol: :lol: :lol: .......
_____________________________________________________________
chi ti fà sorridere ti allunga la vita senza saperlo...........

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2909
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Luca Baralis » mar 18 lug, 2017 21:11

Dato che di fatto nessuno di noi ha mai sparato ad un oggetto di alabastro, straparlo un po' anch'io. Intanto alabastro e' un termine poco mineralogico: quello di Volterra in definitiva e' gesso o anidride, ma potrebbe anche essere calcareo, ovvero calcite. in entrambe i casi e' un materiale abbastanza compatto, ma senza una eccezionale resistenza meccanica alla flessione e nemmeno all'urto, compresi gli effetti termici su scala locale che ne derivano.
Ora un oggetto di alabastro di quelle dimensioni dovrebbe avere una massa di circa 100 grammi: direi che colpito da un proiettile del tipo descritto si disintegra spargendo frammenti un po' ovunque.
Gli effetti sulla quantita' di moto o se volete sulla velocita' (in modulo) del proiettile potrebbero essere poco sensibili, mentre gli effetti sulla traiettoria potrebbero essere a mio avviso piu' evidenti, ma difficilmente prevedibili.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10179
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Luciano Vaccari » mer 23 ago, 2017 14:30

Da un arma del genere e con un proiettile simile c'è poco da ipotizzare; se non si vuole andare nel fino ma ci si accontenta degli effetti visibili l'oggetto verrà disintegrato nella parte colpita e andrà comunque in frantumi...Il proiettile subirà una minima deviazione (pensate che basta l'aria a far variare traiettoria, ovviamente su distanze maggiori)...Se invece chi spara ha poca mira e non sta attento al rinculo l'oggetto rimarrà intatto e il cecchino avrà una spalla livida :D :D :D
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Tiberio Bardi
Messaggi: 1487
Iscritto il: gio 04 gen, 2007 10:25
Località: Via Delle Poggiole 409 - Quarrata (PT)

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Tiberio Bardi » mer 23 ago, 2017 16:41

I proiettili da cinghiale sono fatti da un pallettone di piombo indurito con antimonio, quindi l'oggetto di alabastro si frantuma e il pallettone che colpisce l'oggetto si deforma, forse leggermente, vista la poca distanza, deviando la traiettoria, anche se in misura leggera, deviando è possibile che colpisca una persona ma essendo deformato e rallentato non è detto che riesca ad ucciderlo. Tenete presente che un proiettile simile se non colpisce il cinghiale alla testa non riesce ad ucciderlo.
Tiberio Bardi
Presidente AMPP Associazione Mineralogica Prato-Pistoia

Avatar utente
Gianfranco
Messaggi: 259
Iscritto il: ven 23 gen, 2009 20:44
Località: IMPERIA
Contatta:

Re: Resistenza dell'alabastro

Messaggio da Gianfranco » mer 23 ago, 2017 18:46

Per la mia esperienza personale ( in passato ero appassionato di tiro) posso dirti che un proiettile sparato da "soli" 5 metri su una lastrina di alabastro dello spessore di "soli" 1 cm (proiettile da cinghiale) manderà in frantumi l'alabastro, non devierà e colpirà con tutta la sua potenza chi doveva colpire.
Potremmo poi disquisire se il proiettile parte da un fucile calibro 12, da una carabina, il diametro del proiettile e la sua lunghezza ecc. ecc.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti