Coronavirus

idee, suggerimenti, proposte, correzioni, confidenze, album dei ricordi, proposte per scambi, ecc., ecc
Rispondi
Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2858
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » sab 21 mar, 2020 15:40

Ho trovato un paio di articoli che chiariscono ulteriormente i comportamenti per chi abita in condominio. Si parla anche dell'ascensore, che nelle case moderne ha la porta che si apre automaticamente, mentre nelle case più vecchie le porte vanno aperte e chiuse a mano e, comunque, rimane un luogo non arieggiato.
https://www.corriere.it/salute/malattie ... afb1.shtml
https://www.ilsole24ore.com/art/coronav ... ta-ADMoXLE

Ultime notizie: in Cina hanno trovato un rimedio contro il contagio da ascensore. https://www.corriere.it/tecnologia/20_m ... 59c6.shtml

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 7319
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Coronavirus

Messaggio da Massimo Russo » sab 21 mar, 2020 16:02

Io uso un sistema più economico pigio il pulsante con il gomito o mi faccio i 4 piani a piedi

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

mineralenzo
Messaggi: 2477
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Coronavirus

Messaggio da mineralenzo » sab 21 mar, 2020 16:15

Sono però casi estremi quelli dell'ascensore ma dato che lo stesso è un "ambiente" quasi sempre chiuso il pericolo aumenta un poco. I pulsanti non rappresentano un problema Se come dice Massimo, si usa il gomito (un po difficile tuttavia) o più semplicemente un guanto, che di questi tempi è forse più importante della mascherina perché protegge le mani da possibili contagi con oggetti potenzialmente infetti quali denaro (banconote e monete), appunto pulsanti (non solo quelli degli ascensori sia condominiali sia pubblici ma anche quelli dei bancomat, pulsanti dei semafori, spesso sottovalutati ma utilizzati da tutti centinaia di volte al giorno, pulsanti e sostegni degli autobus, e per finire occhio alle maniglie dei portoni condominiali, i quali per aprire il portone devono essere toccati da tutti, compresi postini e altri visitatori). Quindi non è difficile evitare questi problemi basta un semplic3 guanto.
Enzo

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2858
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » sab 21 mar, 2020 17:30

Massimo Russo ha scritto:
sab 21 mar, 2020 16:02
Io uso un sistema più economico pigio il pulsante con il gomito o mi faccio i 4 piani a piedi

Massimo
-----------------
Non tutto il male viene per nuocere, come sempre. Se l'infezione durerà a lungo, alla fine sarai in perfetta forma fisica. :D
Scherzi a parte, questa emergenza salverà molte vite di giovani durante il week end e magari ci sarà anche qualche femminicidio in meno, oltre al fatto che furti e rapine hanno avuto un tracollo mostruoso. Magari ci sarà anche chi riuscirà a disintossicarsi per mancanza di pusher nei giardini pubblici o nei parchi, chiusi a chiunque giorno e notte. :cheers:

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 541
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » sab 21 mar, 2020 19:58

Qui in Puglia le cose iniziano a mettersi male. Aumentano velocemente i casi di contagio "a macchia di leopardo" e si ripetono episodi incresciosi persino peggiori di quello che aveva già portato alla chiusura dell'ospedale di Copertino (LE). Ciò che è successo nei giorni scorsi all'ospedale di Castellaneta (TA) è qualcosa di letteralmente inqualificabile. Un dirigente medico, da perfetto pazzo irresponsabile, è andato tranquillamente al lavoro con la febbre addosso (e con il coronavirus preso in un recente viaggio a Milano), passando per il pronto soccorso e deambulando per vari reparti come se niente fosse. Risultato: 16 tra medici e infermieri (con ben 3 primari di reparto!!!) infettati e conseguente caos logistico e operativo (reparti da chiudere, pazienti da trasferire ed un esercito di medici e infermieri da mettere in quarantena). Roba da galera, anzi, da fucilazione...
Ma quel che preoccupa maggiormente è l'effetto "ondata di rientro", ovvero il contagio randomizzato prodotto dall'orda di dementi che sono rientrati in massa dal nord Italia. Il contagio "a macchia di leopardo" è in gran parte legato alla presenza di questi decerebrati che, confinati in quarantena fiduciaria a domicilio, stanno infettando coniugi, genitori, nonni, parenti e conviventi vari. Una prima analisi statistica sui ricoveri da COVID-19 già registrati presso il Policlinico di Bari, conferma impietosamente il fenomeno: molti degli ultimi ricoveri sono familiari di gente rientrata dal nord Italia.
Io mi chiedo: se ti muore un genitore o un nonno per COVID-19 preso soltanto a causa della tua stoltezza, con quale coraggio domani riuscirai a guardarti allo specchio?
A Lecce, il direttore di anestesia di una nota clinica privata è risulato affetto da COVID-19: suo figlio era recentemente rientrato da Milano. E non è l'unico caso...
In tutto ciò si sta verificando un'affannosa corsa contro il tempo per l'allestimento di ospedali dedicati al COVID-19, nella speranza di poter disporre di un po' di posti letto in più prima che arrivi l'ondata di piena del contagio, soprattutto considerando che gli ospedali della provincia di Lecce "sopravvissuti" alle varie riforme sanitarie degli ultimi tre lustri erano già saturi ancora prima che scoppiasse l'epidemia. Tra DPI che non si trovano e ospedali chiusi per cazzate di qualche pazzo irresponsabile, il personale sanitario del Salento si prepara al martirio come un naufrago che, sulla spiaggia di un atollo sperduto del Pacifico, vede da lontano arrivare lo tsunami. Nel mentre, visto che le forniture di mascherine destinate all'Italia vengono bloccate e requisite da vari governi o statisti carogna, un nutrito sottobosco di artigiani locali e di piccole aziende tessili hanno riconvertito la propria attività per produrre mascherine e dare così una mano concreta al sistema sanitario e alla popolazione locale, vulnerabile ed esposta come non mai.
Seguiranno ulteriori bollettini di aggiornamento. Un saluto dal Vs. "corrispondente di guerra" nel Salento.
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2858
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » sab 21 mar, 2020 20:30

C'è chi vede la faccenda con occhi diversi e sicuramente su molti punti mi sento d'accordo con lui. Allego l'intervista al famoso nanopatologo Montanari su You tube e quella scritta, per chi non ha voglia di sentirla:
https://www.youtube.com/watch?v=tC84wON ... =emb_title

https://www.affaritaliani.it/cronache/c ... 60556.html

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2858
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » dom 22 mar, 2020 15:35

Non è facile a volte stabilire la causa di morte di un individuo, visto che spesso ci sono varie cause concomitanti, ma almeno i tedeschi ci provano con maggiore serietà rispetto all'Italia. https://www.atleticalive.it/coronavirus ... -germania/

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6591
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: Coronavirus

Messaggio da Di Domenico Dario » dom 22 mar, 2020 18:39

Giorgio oggi é stata un bella giornata e siccome sotto casa ho la fortuna di avere una bella cava di alunite del 500 ci sono andato, senza incontrare nessuno tranne due somari e due cavali, e mi sono fatto una bella spaccata di sassi. Ora, tutto é andato bene, non mi sono fatto male, mi sono fatto una bella sudata e mi sono portato a casa una busta di sassi da vedere al micro. Ripeto, non ho incontrato un cristiano perché a sassi chi vuoi che ti incontri ? ben diverso il discorso che fai tu di andare a correre perché la stragrande maggioranza delle persone, non dico te, lo fa insieme agli altri, nelle strade, nei parchi, in mezzo alla strada in città, e quindi soggetta a contatto umano. Tu vuoi in tutti modi convincerci che fare sport fa bene ? fai quello che ti piace fare a tuo rischio e pericolo però ; non é che a me mi devi stare a convincere che fare sport fa bene; anche spaccare sassi fa bene ma dobbiamo fare i conti con questo mostriciattolo e te che abiti al nord, a maggior ragione, devi fare attenzione.

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2858
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » dom 22 mar, 2020 20:04

Forse non hai ancora capito che basta stare a meno di due metri da chiunque e non c'è alcun pericolo e correndo - tanto più se da solo e magari in bicicletta - non esiste modo di contagiarsi o di contagiare alcuno. Tutto il resto è ignoranza e isterismo.

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2858
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » lun 23 mar, 2020 14:54

Purtroppo non vi è ancora accordo fra i vari "esperti", anche se a posteriori è forse più facile fare affermazionui su errori precedenti:
https://www.fanpage.it/attualita/corona ... mila-casi/

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 541
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » lun 23 mar, 2020 20:40

bortolozzi giorgio ha scritto:
lun 23 mar, 2020 14:54
Purtroppo non vi è ancora accordo fra i vari "esperti", anche se a posteriori è forse più facile fare affermazionui su errori precedenti:
https://www.fanpage.it/attualita/corona ... mila-casi/
Ciò di cui si parla nell'articolo è assolutamente condivisibile, ma occorre sempre considerare che, tra il dire e il fare, c'è di mezzo il mare. Tante cose si sarebbero poture fare, ma non tutte erano realmente fattibili con i mezzi a disposizione del SSN. Nessuno mette in dubbio che l'emergenza epidemiologica italiana sia stata gestita male e facendo una sfilza di errori, anche gravi. Ma bisogna anche fare i conti con i mezzi su cui può contare un SSN depotenziato da almeno tre lustri di riforme e tagli fatti "ad minchiam", soprattutto per rispondere ai ricatti dell'UE e compiacere i suoi burocrati integralisti. I politici possono fare errori perché non sono esperti infettivologi, ma anche questi ultimi, va detto, non hanno certo brillato in fatto di concordia e unanime e corretta valutazione del fenomeno. La stessa OMS si è contraddetta più volte, ad esempio sui tamponi, dicendo prima di farli a tutti, poi di farli solo ai sintomatici e poi di nuovo a tutti. Un bel vaffa di tutto cuore sarebbe anche giustificato.
A mio modesto parere, le responsabilità più gravi della situazione in atto in Lombardia sono ascrivibili ai vertici dell'ISS. Sono loro ad aver stilato e diramato i protocolli e le procedure (totalmente inadeguate) a cui i vari ospedali dovevano attenersi in materia di prevenzione e sorveglianza epidemiologica. Ritenni assolutamente ignobili e meschine le dichiarazioni del nostro fichissimo Presidente del Consiglio, quando scaricò la colpa dell'epidemia del Lodigiano sui medici dell'ospedale di Codogno, i quali, secondo lui, non si erano attenuti ai protocolli. Come si è dimostrato in seguito, quelli dell'ospedale di Codogno si erano attenuti perfettamente ai protocolli, al punto che il cosiddetto "paziente 1" fu individuato solo perché un medico si assunse in prima persona la responsabilità di fare il tampone al paziente (l'ASL competente per territorio, interpellata sull'argomento, gli rispose: secondo noi non è necessario, ma se ritieni opportuno puoi farlo, purché te ne assumi la responsabilità).
Secondo me l'errore e la responsabilità più grave (in capo all'ISS) è stata quella di non aver investigato sull'anomala incidenza di "polmoniti atipiche" verificatesi in vari ospedali della Lombardia fin dal mese di gennaio. Il fatto in questione era stato reso noto persino da vari organi di informazione, ma nessuno gli ha dato importanza, tantomeno i vertici delle istituzioni sanitarie, che pure erano perfettamente al corrente che in Cina stavano morendo migliaia di persone per polmoniti virali. Ora, com'è noto, le polmoniti atipiche sono quelle che non rispondono agli antibiotici, in quanto di origine non batterica. Le polmoniti classiche (dovute a sovrinfezioni batteriche in soggetti vulnerabili) non sono generalmente contagiose, il che vuol dire che i pazienti che ne sono affetti possono essere ricoverati in reparti in cui non si applicano particolari misure di contenimento e prevenzione. Quelle atipiche sono invece pericolose e, se sono di origine virale, possono essere altamente contagiose, motivo per cui i pazienti dovrebbero essere gestiti con tutt'altre precauzioni e ricoverati solo nel reparto infettivi. Ora io dico, una polmonite atipica ogni tanto può capitare, ma tanti casi in un territorio circoscritto e sapendo ciò che stava succedendo in Cina, ma è possibile che nessuno abbia disposto un approfondimento sui fatti che si stavano verificando in Lombardia? Può sembrare riduttivo, ma non lo è: le strutture sanitarie al collasso e la strage quotidiana a cui si assiste in Lombardia si devono solo ed esclusivamente al fatto che qualche burocrate di m#rd@ non si è preoccupato di disporre un accertamento diagnostico su di una numerosa serie di polmoniti atipiche che si erano verificate in vari ospedali della Lombardia, tra cui quelli di Codogno e Alzano Lombardo.
Se adesso in Lombardia le persone muoiono come le mosche si deve al fatto che l'epidemia non è nata con il cosiddetto paziente 1 ma era scoppiata più di un mese prima senza che nessuno se ne accorgesse, nonostante dei campanelli d'allarme che, per degli esperti del settore epidemiologico, avrebbero dovuto suonare come le sirene dei bombardamenti in tempo di guerra.
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

mineralenzo
Messaggi: 2477
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Coronavirus

Messaggio da mineralenzo » mar 24 mar, 2020 17:54

Qui la situazione è peggiorata. Ci sono alcuni paesi in zona rossa per effetto di nuovi contagi e ci sono problemi anche per l'afflusso di automobili che entrano in Sicilia.. una situazione da monitorare con molta attenzione.
Enzo

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 541
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » mar 24 mar, 2020 19:46

mineralenzo ha scritto:
mar 24 mar, 2020 17:54
Qui la situazione è peggiorata. Ci sono alcuni paesi in zona rossa per effetto di nuovi contagi e ci sono problemi anche per l'afflusso di automobili che entrano in Sicilia.. una situazione da monitorare con molta attenzione.
E' l'effetto dell'ondata di rientri dal nord, un flusso che ancora nessuno riesce a fermare. In Puglia ha già prodotto un elevato numero di contagi "a macchia di leopardo". Crescono di ora in ora. Maledetti pazzi e ancor più maledetto chi non li ha fermati...
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

salvatore
Messaggi: 1386
Iscritto il: lun 07 feb, 2011 14:12
Località: Montesilvano PE

Re: Coronavirus

Messaggio da salvatore » mar 24 mar, 2020 20:52

" Maledetti pazzi e ancor più maledetto chi non li ha fermati..."



Tanti sono scesi quando NON C'ERANO LIMITAZIONI AGLI SPOSTAMENTI .

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 541
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » mer 25 mar, 2020 10:24

salvatore ha scritto:
mar 24 mar, 2020 20:52
" Maledetti pazzi e ancor più maledetto chi non li ha fermati..."

Tanti sono scesi quando NON C'ERANO LIMITAZIONI AGLI SPOSTAMENTI .
Sì. Ma soltanto in Puglia oltre 30.000 sono scesi DOPO che era stato disposto il blocco, ovvero ad epidemia già esplosa. E molti di quelli con la febbre e i sintomi addosso. Hanno contagiato altre persone sui pulmann e sui treni ed ora contagiano i familiari. Va bene che le epidemie scatenano gli istinti peggiori della gente, che non riesce più a ragionare con il cervello, ma che ca##o, girano comunque le scatole quando pensi che certi comportamenti costeranno la vita a molte persone e provocheranno danni non indifferenti a molte comunità. Un conto se fai un errore inconsapevolmente, ben diverso quando te ne fotti...
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti