Coronavirus

idee, suggerimenti, proposte, correzioni, confidenze, album dei ricordi, proposte per scambi, ecc., ecc
Rispondi
Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 488
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » gio 26 mar, 2020 19:50

bortolozzi giorgio ha scritto:
gio 26 mar, 2020 17:34
...Bisognerebbe prima togliere il numero medio dei morti annuali e poi vedere quanti in più ci sono....
E' esattamente quello che hanno fatto gli autori dell'articolo che ho linkato. Come si legge nell'articolo, in molti Comuni della Lombardia i morti di COVID sono circa 6 volte il numero ufficiale dichiarato dalla Protezione Civile. Il tasso di letalità reale è di circa il 2-3%, ma in Italia in generale e in Lombardia in particolare risulta più alto solo perché i contagiati reali sono almeno 10 volte più numerosi di quelli ufficiali. Se in Italia l'epidemia si diffonde a tappeto, anche con un tasso di mortalità dell'1%, i morti sarebbero comunque dell'ordine di centinaia di migliaia. Inoltre, laddove il SSN va in tilt, il tasso di letalità aumenta perché molte persone non possono essere curate in maniera adeguata o non possono essere curate per niente e spesso muoiono a casa. E' quello che sta succedendo in Lombardia.
Molti pazienti, anche giovani e senza patologie pregresse passano dalla febbre con tosse all'insufficienza respiratoria grave nell'arco di pochi giorni con frequenti aggravamenti improvvisi da un giorno all'altro. I ritardi generati dal periodo di incubazione variabile e dal decorso iniziale della malattia stanno rendendo instabili e altalenanti i dati epidemiologici di questi giorni, fermo restando che il problema serio è legato alla platea vastissima dei contagiati. Allo stato, i numeri della regione lombarda sono ancora così rilevanti, preponderanti e soverchianti, da condizionare l'andamento della curva epidemiologica dell'intero territorio nazionale.
Ultima modifica di DonLucre il gio 26 mar, 2020 22:05, modificato 1 volta in totale.
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 488
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » gio 26 mar, 2020 21:56

Vabbè, proviamo a sdrammatizzare un po'. In mezzo al dramma ci sono anche delle situazioni farsesche che hanno un "De Luca" in comune. Oltre alle dichiarazioni folkloristiche del governatore della Campania (Vincenzo De Luca), spopolano soprattutto le iniziative del sindaco di Messina (Cateno De Luca). Il video del drone con la voce del sindaco che prende a male parole i cittadini che se ne vanno a zonzo incuranti dei divieti sta diventando (è proprio il caso di dirlo) "virale":

https://www.youtube.com/watch?v=jS--mHcHYyI
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

mineralenzo
Messaggi: 2412
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Coronavirus

Messaggio da mineralenzo » ven 27 mar, 2020 16:28

Be, quella del sindaco di Messina sarà anche strana ed insolita ma resta il fatto che troppe persone sono scese in Sicilia in questi ultimi tempi...
Ma torniamo agli aggiornamenti... che oggi non sono riuscito a trovare su internet. Però continuano le chiusure i i coprifuoco qui in città.
Da segnalare che alcune persone hanno minacciato sui social di prendersi quanto più possibile nei supermercati, e infatti ieri è successo proprio questo in un grosso supermercato di Palermo dove alcuni clienti hanno fedremo l'evolveatto la spesa e quindi sono usciti (o hanno tentato di farlo) senza pagare la merce comprata sono intervenute anche le forse dell'ordine! Il tutto poi si è risolto ma le minacce restano, sembra che la causa siano i soldi finiti.
Saluti a tutti
Enzo

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 488
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » ven 27 mar, 2020 18:27

Finalmente un articolo ben fatto e argomentato e che spiega la situazione in modo chiaro, plausibile e comprensibile a tutti:

https://www.corriere.it/salute/malattie ... 9f6b.shtml

L'articolo conferma anche alcuni concetti che avevo espresso nei miei post precedenti, affermando che la platea di contagiati reali è numericamente molto superiore al dato ufficiale. L'autore stima che, a livello nazionale, il numero di contagi reali sia 10 volte quello ufficiale e questo fa rientrare anche il tasso di letalità del COVID-19 all'interno di valori più credibili. Viene spiegato bene anche in che modo le politiche di esecuzione dei tamponi abbiano influenzato le statistiche e i dati ufficiali. Grazie ad esempi calzanti e grafica esplicativa, riesce a far comprendere la differenza tra "letalità apparente" e "letalità plausibile", quest'ultima molto importante per valutare la reale estensione del contagio tra la popolazione. Mi sento di fare i complimenti all'autore per l'eccellente e chiara esposizione, utile a fare un po' di chiarezza tra i dati apparentemente contraddittori di questi giorni, che stanno mandando in confusione molta gente, anche per la contestuale nefasta diffusione di una marea di bufale e fake news.
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2814
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » lun 30 mar, 2020 15:23

Un segnale di reale speranza ci viene da questo articolo: https://www.atleticalive.it/la-data-pre ... r-regione/
Quello che invece manca per quasi tutte le province, tranne che per quella di Bologna, è un costante aggornamento della situazione da tutti i punti di vista, il che può servire forse a dimostrare anche quali sono i comuni più "virtuosi" finora e il rischio per chi abita nelle varie aree o per chi ci si deve recare per motivi vari. Mi conforta sapere, per esempio, che a Marzabotto, dove abita una mia figlia, finora hanno avuto solo un contagiato e nessun morto. Interessante anche sapere quanti maschi e quante femmine in percentuale e vedo che il dato è abbastanza uguale per entrambi.
https://www.bolognatoday.it/cronaca/cor ... marzo.html
Anche il Trentino, che dovrebbe essere la regione in cui cesserà per prima l'epidemia, ci tiene aggiornati ogni giorno sui casi positivi, comune per comune.
https://www.ladige.it/news/cronaca/2020 ... ltimi-dati.
Se qualcuno trova altri dati come questi nella sua regione potrebbe comunicarceli.

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 488
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » mar 31 mar, 2020 12:55

In un momento in cui i numeri del contagio lasciano intravedere timidi segnali di riduzione dell'espansione epidemica, l'attenzione si focalizza principalmente sugli studi di valutazione degli scenari evolutivi e su quelli che cercano di ricostruire la reale diffusione del contagio tra la popolazione.

Un recente rapporto del prestigioso Empirial College di Londra:
https://www.corriere.it/cronache/20_mar ... b205.shtml
stima che i contagiati da coronavirus su territorio italiano siano dell'ordine di circa 6 milioni.

Un'altro studio italiano condotto da esperti di statistica epidemiologica parla di una potenziale platea di contagiati dell'ordine di 11 milioni:
https://www.corriere.it/cronache/20_mar ... HvXCpRV9tA
mentre ovunque negli ambienti scientifici si ammette ormai che il numero di contagiati reali sia superiore "di almeno un ordine di grandezza" rispetto ai dati ufficiali.

Certo il livello di diffusione del virus varia da regione e regione. In Lombardia e zone limitrofe la diffusione è stata capillare, al punto che esiste il rischio che il virus diventi endemico. In altri territori la diffusione è meno marcata, ma esistono situazioni che destano comunque preoccupazione, per motivi che hanno ben poco a che vedere con il virus. Ad esempio, in una regione come la Puglia esistono realtà molto diverse. Nelle province di Bari e Foggia il numero dei contagiati e la progressione dei contagi è allarmante. In tali zone esistono focolai pericolosi, oltre ad una forte incidenza di contagi di interi nuclei familiari provocati dagli improvvidi rientri dal nord Italia. La provincia di Lecce desta preoccupazione a sua volta, ma per motivi completamente diversi. Nel Salento leccese i focolai sono localizzati principalmente in una casa di riposo (nel Comune di Soleto) e, soprattutto, nelle strutture ospedaliere. Sono bastate alcune diecine di casi di COVID-19 per mandare in crisi l'intero sistema sanitario della provincia di Lecce, progressivamente smantellato da "piani di riordino" che, negli ultimi 15 anni, si sono limitati unicamente a chiudere ospedali e a ridurre drasticamente posti letto e personale sanitario in forza alle strutture pubbliche. In provincia di Lecce i focolai più preoccupanti sono localizzati negli ospedali (Copertino prima, poi anche Lecce e Gallipoli), dove il personale sanitario continua a infettarsi senza tregua per mancanza cronica di DPI e per il fatto che persino i tamponi scarseggiano. Infatti, i test diagnistici vengono fatti con il contagocce e servono diversi giorni per avere il responso. Nel frattempo si assiste ad una continua chiusura di reparti o di interi ospedali. Roba da terzo mondo.
A peggiorare il tutto la burocrazia, che in Puglia è il vero mostro tentacolare che paralizza qualsiasi iniziativa. Esistono sul territorio varie aziende tessili disponibili ad avviare fin da subito la produzione di mascherine sanitarie. La notizia era di diverse settimane fa, ma la produzione non è ancora iniziata. Perché? Semplice, perché le Autorità competenti in materia non riescono a mettersi d'accordo sui requisiti necessari ad ottenere la certificazione di qualità dei dispositivi. Sono vicende paradossali e grottesche, dai connotati quasi kafkiani, ma che stanno facendo montare nella gente una rabbia furibonda...
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 2048
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Coronavirus

Messaggio da Mirco » mar 31 mar, 2020 14:56

Un mio cliente abbastanza avvezzo ad analisi aziendali e statistiche su vasti campioni di persone mi diceva ieri che ci sono posti dove la guerra civile del "tutti contro chi comanda" sarà un miracolo se si riesce a evitare... la burocrazia, la dabbenaggine dei governanti (e lui è filogovernativo) e la ferrugginosità della macchina organizzativa pubblica stanno veramente portando la gente allo stremo con sempre più profondi sentimenti di rivalsa sui responsabili. Il problema vero sarà quando qualcuno identificherà come colpevole la persona sbagliata e farà qualche stupidata come se ne sono sentite per altre situazioni, Pamela Mastropietro docet...
Mirco

"Molte volte le persone ci sembrano grandi solo perchè le guardiamo stando in ginocchio"

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2814
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » mar 31 mar, 2020 15:00

Non so se sul Forum ci sia qualcuno della Calabria che ci legge, ma il quadro della Sanità locale presentato ieri sera su Report è fuori di ogni possibile realtà immaginabile, per incompetenza e ruberia a tutti i livelli.
Questa notizia l'ho letta poco fa:
Sequestrati 900 falsi kit per la diagnosi
Venivano venduti on line ad ignari cittadini che pensavano di aver trovato in rete la possibilità di effettuare da soli i test per il virus. Novecento falsi kit per diagnosticare il Coronavirus, privi di autorizzazione e certificazione delle autorità sanitarie, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza in un centro di analisi biochimiche di Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria. Le Fiamme gialle sono riuscite a intervenire prima che partisse la spedizione del materiale. Il Centro di analisi è stato individuato nell'ambito dei controlli scattati in tutta Italia per individuare chi approfitta dell'emergenza per truffare sia i cittadini sia le stesse amministrazioni. I kit scoperti non avevano né la validazione delle autorità sanitarie nazionali né la certificazione Ce: alcuni erano già stati pagati dai cittadini con un bonifico. Vendere a "cittadini ignari ed impauriti dispositivi per i quali non è provata in alcun modo l'efficacia - dice la Gdf - pone in serio pericolo la salute e l'incolumità pubblica", considerato che "l'eventuale responso di negatività del test, avrebbe potuto consegnare 'patentì di estraneità al contagio a soggetti" che, invece, "avrebbero potuto contribuire alla diffusione del virus". Al titolare del Laboratorio di analisi una sanzione amministrativa da 21.400 a 128.400 euro.
Ultima modifica di bortolozzi giorgio il mar 31 mar, 2020 15:39, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 2048
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Coronavirus

Messaggio da Mirco » mar 31 mar, 2020 15:14

In luoghi dove omertà e connivenza sono là normalità (in tutta Italia, non solo al sud) certe situazioni assurde diventano la normalità.
Mi colpiscono tanto i servizi di Brumotti a Striscia la notizia dove la gente comune se la prende con chi fa arrestare gli spacciatori... lì o sei amico degli amici o sei preda... è la mentalità della giungla, morte tua vita mia.

salvatore
Messaggi: 1338
Iscritto il: lun 07 feb, 2011 14:12
Località: Montesilvano PE

Re: Coronavirus

Messaggio da salvatore » mar 31 mar, 2020 16:16

" Al titolare del Laboratorio di analisi una sanzione amministrativa da 21.400 a 128.400 euro."


Le stronzate all'italiana,Sanzione amministrativa !?!?!?!?.......in galera deve andare.

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 488
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » mar 31 mar, 2020 18:01

bortolozzi giorgio ha scritto:
mar 31 mar, 2020 15:00
Non so se sul Forum ci sia qualcuno della Calabria che ci legge, ma il quadro della Sanità locale presentato ieri sera su Report è fuori di ogni possibile realtà immaginabile, per incompetenza e ruberia a tutti i livelli.
Questa notizia l'ho letta poco fa:
Sequestrati 900 falsi kit per la diagnosi
Venivano venduti on line ad ignari cittadini che pensavano di aver trovato in rete la possibilità di effettuare da soli i test per il virus. Novecento falsi kit per diagnosticare il Coronavirus, privi di autorizzazione e certificazione delle autorità sanitarie, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza in un centro di analisi biochimiche di Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria. Le Fiamme gialle sono riuscite a intervenire prima che partisse la spedizione del materiale. Il Centro di analisi è stato individuato nell'ambito dei controlli scattati in tutta Italia per individuare chi approfitta dell'emergenza per truffare sia i cittadini sia le stesse amministrazioni. I kit scoperti non avevano né la validazione delle autorità sanitarie nazionali né la certificazione Ce: alcuni erano già stati pagati dai cittadini con un bonifico. Vendere a "cittadini ignari ed impauriti dispositivi per i quali non è provata in alcun modo l'efficacia - dice la Gdf - pone in serio pericolo la salute e l'incolumità pubblica", considerato che "l'eventuale responso di negatività del test, avrebbe potuto consegnare 'patentì di estraneità al contagio a soggetti" che, invece, "avrebbero potuto contribuire alla diffusione del virus". Al titolare del Laboratorio di analisi una sanzione amministrativa da 21.400 a 128.400 euro.
La Calabria è probabilmente una delle poche zone d'Italia in cui la sanità pubblica è più disastrata persino di quella del Salento. Tuttavia, il problema delle frodi e delle truffe ispirate dal coronavirus è un problema che non ha confini, ne regionali ne nazionali. Purtroppo, esiste una vasta platea di gentaglia che si è già organizzata per lucrare sugli effetti della pandemia. Esempi? Una miriade. Oltre all'episodio dei test fasulli venduti in Calabria, vogliamo parlare dei disinfettanti (altrettanto fasulli) prodotti e venduti sottobanco in varie regioni italiane? E l'amuchina e le mascherine vendute online a prezzi folli? E la camorra che presta soldi a strozzo a coloro che sono rimasti senza reddito (per chiusura attività o perdita del lavoro) per poi averli in pugno dopo, spogliarli di ogni bene e "arruolarli" volenti o nolenti? E i manifesti (fasulli) con intestazione "Ministero dell'Interno" affissi con l'invito a lasciare le abitazioni per un'ispezione delle autorità sanitarie (in modo da potersi introdurre indisturbati negli appartamenti e rubare tutto ciò che si può arraffare)? E i cosiddetti "broker" che aiutano le ASL a reperire le mascherine sul mercato globale, che vendono la stessa partita di mascherine a tre o quattro soggetti diversi e poi spariscono con i soldi degli anticipi? Stendiamo un velo pietoso, che è meglio. Come avevo detto in un mio post precedente, le epidemie scatenano sempre i peggiori istinti della gente...
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 488
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » mar 31 mar, 2020 19:01

Per chi può essere interessato, segnalo la seguente pagina web:
https://lab24.ilsole24ore.com/coronavirus/
E' la migliore che ho trovato tra quelle dedicate alla situazione epidemica italiana. Il sito, aggiornato costantemente, è ricco di dati, statistiche, grafici e tabelle ed è collegato ad un database che consente di visualizzare su richiesta la situazione e l'evoluzione temporale del contagio fino a livello provinciale.
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 488
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Coronavirus

Messaggio da DonLucre » mer 01 apr, 2020 12:03

Poco tempo fa, in questo mio post:
viewtopic.php?f=7&t=16138&start=45#p259619
avevo espresso la mia opinione riguardo le responsabilità del disastro epidemico italiano e di quello della Lombardia in particolare, evidenziando le colpe dei vertici del SSN dell'ISS, per non aver disposto alcuna verifica sui numerosi casi di polmoniti anomale registrate negli ospedali lombardi fin da gennaio. Orbene, alla fine anche la Gabanelli ci ha messo il muso in questa vicenda e, come suo solito, è andata a fondo del problema, scavando nella ferita fino ad arrivare all'osso:
https://www.corriere.it/dataroom-milena ... 5-va.shtml
Avendo accesso a dati che io non conoscevo, la Gabanelli è giunta alle mie stesse conclusioni. In particolare, ho trovato raggelante il seguente passaggio dell'articolo:

"Potevamo muoverci prima
I primi casi di polmonite anomala in Italia vengono segnalati già a fine dicembre, quando dalla Cina arriva la segnalazione all’Oms. Il 30 dicembre a Piacenza c’è un picco di 40 polmoniti in una settimana. Il 7 gennaio a Milano si segnalano più polmoniti della media: da 50 a 80 in più al giorno al San Paolo e 70 al giorno in più al Niguarda. Anche a Como l’11 gennaio gli ospedali cittadini segnalano il sovraffollamento per casi di polmonite. Settimane in cui il virus ha circolato liberamente, soprattutto negli ospedali. Non solo non è scattato il piano antipandemia governativo del 2016, ma addirittura il Ministero della Salute il 5 gennaio scriveva in una circolare che l’Oms «non raccomanda alcuna misura specifica per i viaggiatori» e «raccomanda di evitare qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina in base alle informazioni attualmente disponibili». Un via libera alla Covid-19."

Raggelante è la constatazione che nel nord Italia l'epidemia di Covid-19 è iniziata a fine dicembre, non a gennaio (come pensavo io) e che nessuno, ma proprio nessuno, a livello di massime istituzioni sanitarie e ministeriali abbia pensato a fare un verifica su quei casi di polmoniti anomale.

Poi ovviamente la Gabanelli produce anche un interessante approfondimento sul progressivo depotenziamento della sanità pubblica disposto dai vari governi degli ultimi 20 anni. Ma questa era cosa tristemente risaputa...
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3486
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Coronavirus

Messaggio da Luca Baralis » mer 01 apr, 2020 12:32

A "orecchio" in quel periodo anche in Piemonte qualche caso di polmonite "sospetta".
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2814
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Coronavirus

Messaggio da bortolozzi giorgio » mer 01 apr, 2020 15:10

"anche la Gabanelli ci ha messo il muso in questa vicenda"

Ovviamente non si tratta della Gabanelli, che da tempo non è in RAI 3, ma di Ranucci, che ha preso il suo posto.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti