Pulire i minerali

idee, suggerimenti, proposte, correzioni, confidenze, album dei ricordi, proposte per scambi, ecc., ecc
Rispondi
Avatar utente
SarahElba
Messaggi: 1644
Iscritto il: mer 08 mar, 2006 16:44
Località: COMO
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da SarahElba » sab 18 apr, 2015 13:28

E' stato pur vero anche quello Liliano :D

Luca non tutti i minerali sono uguali ma per esempio galena, magnetite, e simili, e soprattutto pirite ed ematite si puliscono con soluzioni acide varie, e anche molto bene... Addirittura ti dico che con fosforico e con fluoridrico rendono il loro massimo ma ovviamente, a parte che anche io ho qualche piccolo segreto del mestiere, inutile ribadire che acidi come questi sono PERICOLOSISSIMI (difatti non li trovi certo in farmacia o al supermarket) e consiglio di EVITARE assolutamente di procurarseli da soli e provare ad usarli, se non SOTTO LA STRETTA OSSERVAZIONE DI UNA PERSONA ESPERTA , o meglio ancora, lasciarli usare a questi.
"NON CHI COMINCIA
MA QUEL CHE PERSEVERA"

Sarah

Avatar utente
Mirco
Messaggi: 1779
Iscritto il: lun 24 mar, 2008 19:37
Località: Magnago (MI)

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Mirco » sab 18 apr, 2015 15:21

Andrea Canal ha scritto:... Mi è capitato infatti di trovare in commercio miscele di ipoclorito di sodio e di sali di ammonio quaternario. Quindi mi raccomando prima dell'utilizzo controlla bene quanto riportato nell'etichetta o nella scheda di sicurezza del prodotto...
In effetti avevano sia la versione "soluzione acquosa di sali di ammonio quaternario" che la "soluzione acquosa di ipoclorito di sodio con sali di ammonio quaternario"... ho preso la prima perchè mia moglie non sopporta l'odore della candeggina, questa è praticamente inodore.
Mirco

"Molte volte le persone ci sembrano grandi solo perchè le guardiamo stando in ginocchio"

Avatar utente
claudiok1961
Messaggi: 686
Iscritto il: lun 24 lug, 2006 15:09
Località: via Vamba Luigi Bertelli, 16. - 50135 Firenze (FI)
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da claudiok1961 » gio 23 apr, 2015 15:03

Ciao a tutti
Premetto che sono ben conscio della pericolosità del fluodrico e conosco le precauzioni con cui va usato.
Ho avuto recentemente un campioncino (circa 3x3 cm) di oro nativo incluso nella quarzite, non trattato in alcun modo. Vorrei tentare di evidenziare (poco perchè mi sembrano abbastanza sottili) gli aggregati dendritici di oro.
Mi potete dare qualche dritta di massima sulla procedura ? Mi spiego meglio:
- con quale velocità (ovviamente molto approssimativa) viene sciolta la quarzite ? (tipo 1 mm al giorno) giusto per non doverlo controllare ogni 5 minuti e allo stesso tempo non trovare più matrice dopo una nottata oppure dopo una settimana che non lo controllo...
- dopo l'acidatura è necessario un attento lavoro meccanico per eliminare eventuali residui gelatinosi/pulverulenti/croste ?
- arrivato al livello di acidatura (col fluoridrico) desiderato, è consigliabile qualche altro trattamento chimico di pulizia ?
- infine, tanto per non avere sorprese, nè tantomeno residui tossici, è consigliabile qualche trattamento finale per "spegnere" eventuali residui (ad esempio nelle microfratture) di fluoridrico ?

Avatar utente
Roberto Bracco
Messaggi: 2170
Iscritto il: lun 18 apr, 2005 10:42
Località: Savona

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Roberto Bracco » gio 23 apr, 2015 19:11

claudiok1961 ha scritto: - infine, tanto per non avere sorprese, nè tantomeno residui tossici, è consigliabile qualche trattamento finale per "spegnere" eventuali residui (ad esempio nelle microfratture) di fluoridrico ?
Non ho esperienza di estrazione di oro dal quarzo con l'acido ma per quest'ultimo punto vale la regola sacra di tutti gli acidi: PRIMA dell'acidatura asciuga con cura, a caldo se non patisce, il campione, POI tienilo immerso in acqua in modo che le porosità profonde restino bagnate, INFINE procedi all'acidatura vera e propria senza asciugare il pezzo.
Una goccia d'acido che si intrufola nelle porosità di un campione secco ti regalerà danni e danni per il futuro e ti accompagnerà per sempre...
Roberto Bracco - AMI Liguria

Perché seguire il calcio, quando accanto c'è lo scandio e poco più in là il vanadio?

Avatar utente
claudiok1961
Messaggi: 686
Iscritto il: lun 24 lug, 2006 15:09
Località: via Vamba Luigi Bertelli, 16. - 50135 Firenze (FI)
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da claudiok1961 » lun 27 apr, 2015 17:02

Grazie Roberto ! Seguirò il tuo consiglio

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2920
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Luca Baralis » lun 27 apr, 2015 18:26

Claudio, era un pezzo che non ti si leggeva!
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
claudiok1961
Messaggi: 686
Iscritto il: lun 24 lug, 2006 15:09
Località: via Vamba Luigi Bertelli, 16. - 50135 Firenze (FI)
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da claudiok1961 » lun 04 mag, 2015 10:53

Hai ragione Luca :) Sono un po' latitante, e anche la mazzuola sta facendo le ragnatele !

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1277
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Pulire i minerali

Messaggio da andrea oppicelli » mer 06 mag, 2015 12:33

Anche l acqua può far danni ! Il pezzo che vi mostro l ebbi avuto in regalo moltissimi anni fa quando ancora ragazzino andavo alle elementari. Mi fu donato da un vicino di casa e date le sue origini credo che provenga dalla Sardegna....ma da dove mistero . Peraltro su questo non ho mai approfondito. Veniamo al dunque. Il pezzo molto grande di dimensioni 25 x 20 cm e' sempre stato solo lavato con acqua e pennello al fine di rimuovere la polvere del tempo. I cristallini come ovvio hanno perso lucentezza . Nel tempo si sono create delle fessure... Adesso inserisco le foto
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1277
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Pulire i minerali

Messaggio da andrea oppicelli » mer 06 mag, 2015 12:39

Il pezzo intero
Allegati
image.jpg
image.jpg (43.35 KiB) Visto 1154 volte
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1277
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Pulire i minerali

Messaggio da andrea oppicelli » mer 06 mag, 2015 12:40

Le fissurazioni avvenute lentamente nel tempo
Allegati
image.jpg
image.jpg (39.55 KiB) Visto 1154 volte
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1277
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Pulire i minerali

Messaggio da andrea oppicelli » mer 06 mag, 2015 12:43

Il danno recente che svela la matrice interna, non visibile perché ricoperta totalmente nel pezzo dai cristallini e contenente probabilmente pirite ossidatasi.
Allegati
image.jpg
image.jpg (37.9 KiB) Visto 1154 volte
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6441
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Massimo Russo » mer 06 mag, 2015 12:46

Credo si tratti della "rognosa" marcasite

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
andrea oppicelli
Messaggi: 1277
Iscritto il: sab 26 gen, 2013 7:23
Località: Genova

Re: Pulire i minerali

Messaggio da andrea oppicelli » gio 07 mag, 2015 22:33

andrea oppicelli ha scritto:Il danno recente che svela la matrice interna, non visibile perché ricoperta totalmente nel pezzo dai cristallini e contenente probabilmente pirite ossidatasi.
Ad un primo esame al microscopio ed annusando il pezzo che si è staccato ho osservato una matrice a ganga calcopiritosa con un forte odore solforoso. Bagnando ulteriormente il pezzo potrebbe originarsi qualche acido corrosivo tipo il solforico ?
Se riesco a fare qualche foto decente la posterò
Est modus in rebus (Orazio)

Ho imparato che tutti quanti vogliono vivere sulla cima della montagna, senza capire che la vera felicità sta nel modo di salire quel pendio ( Gabriel Garcia Marquez)

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 2920
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Luca Baralis » ven 08 mag, 2015 9:49

andrea oppicelli ha scritto:Bagnando ulteriormente il pezzo potrebbe originarsi qualche acido corrosivo tipo il solforico ?
Si, la degenerazione della pyrite da proprio luogo ad acidi di questo tipo. Bagnare il pezzo può accelerare il processo, ma una volta innescato è comunque difficile che si riesca a fermarlo. Può essere alimentato anche solo dall'umidità atmosferica, o semplicemente perchè il campione è "instabile". La marcassite, come qualcuno ha già accennato, è particolarmente rognosa.
Proprio con un campione di marcassite ad arnione, ormai condannato, avevo tentato di fermare o rallentare il processo con un bagno in una soluzione di bicarbonato sodico, seguito da un radicale asciugatura: senza risultato (anzi forse peggiorando le cose)!
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
claudiok1961
Messaggi: 686
Iscritto il: lun 24 lug, 2006 15:09
Località: via Vamba Luigi Bertelli, 16. - 50135 Firenze (FI)
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da claudiok1961 » mar 12 mag, 2015 16:34

Eccomi di nuovo a "rompere" con gli acidi :)

Ho avuto una fluorite di Zogno molto carina. La matrice (quarzosa) non è però bella bianca ma per così dire "rugginosa" (almeno così mi sembra).
Un trattamento con l'ossalico, per l'esperienza che avete con la matrice delle fluoriti di Zogno, può essere utile ? In caso, il calore della "bollitura" può danneggiare la fluorite ? Prometto che scaldo la soluzione piano piano e il campione lo lascio raffreddare bene prima di toglierlo ma... qualcuno ha già provato ?

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti