Lampade da miniera

idee, suggerimenti, proposte, correzioni, confidenze, album dei ricordi, proposte per scambi, ecc., ecc
Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 7226
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Massimo Russo » gio 30 gen, 2014 17:55

Veramente interessante

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2793
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

Re: Lampade da miniera

Messaggio da bortolozzi giorgio » gio 30 gen, 2014 21:19

Riproduzione fedele di un artigiano del ferro battuto di Treviso, di cognome Ervas.

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Simone Ferrante » mar 04 feb, 2014 20:02

La Mercier è un tipo comunissimo di lampada costruita in Francia a Nancy inizialmente per le locali miniere di ferro da una famiglia di origini ebraiche (il logo della stella a 6 punte era il loro marchio di fabbrica).Lampade robuste,realizzate per durare avevano una durata di circa 8 ore.Sui loro telai altre aziende si dedicarono alla realizzazione di lampade simili sia totalmente in ottone,che in ghisa-ottone o addirittura in alluminio (a seconda del periodo).Ad esempio durante le guerre l'ottone veniva requisito e si fabbricavano solo in ghisa,peraltro anche di scarsa qualità.
Valore di mercato per una in ottime condizioni e funzionante: 30 €


L'altra Aquilas invece è a chiusura tramite vite di pressione.Modello anni 40-50,spesso è sfondato e la lampada non vale più niente.Con il CRC o con l acido la ruggine va via e la lampada si apre,ma c'è il rischio che dentro sia completamente marcia..erano lamiere molto sottili.Modello anch'esso molto molto comune realizzato in lamierino calandrato.Valore sui 30-35 in ottime condizioni.
Questo è uno dei modelli ripresi sui telai della Mercier realizzati su commissione per la Breda
Allegati
breda4.jpg
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Avatar utente
Flavio G. Taricco
Messaggi: 1982
Iscritto il: mar 22 feb, 2011 16:01
Località: Venaria Reale (TO)

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Flavio G. Taricco » mer 05 feb, 2014 7:56

Grazie delle chiarissime delucidazioni Simone!

Diciamo pure che non ho fatto l'affare della vita.. :? :D Infatti poco più del costo che hai espresso l'ho pagato per lampade non sicuramente perfette.. e tutt'altro che funzionanti! :(

Sono comunque contento di ciò che ho portato a casa, perché le ho acquistate (se pur sulla fiducia) in quanto utilizzate da minatori delle miniere di Brosso.
Sperando di non essere stato un po' troppo credulone anche su questo argomento.. :blackeye:
Flavio G. Taricco
http://www.mindat.org/user-23710.html
Borders? I have never seen one. But I have heard they exist in the minds of some people.
Frontiere? Non ne ho mai vista una. Ma ho sentito che esistono nella mente di alcune persone.
Thor Heyerdahl

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Simone Ferrante » mer 05 feb, 2014 12:34

Non so Flavio se sono funzionanti o meno,ma almeno la Mercier è un carroarmato,dunque prima di renderla inutilizzabile ce ne vuole !! L'Aquilas la apri e la ispezioni,se non è sfondata è idonea a lavorare.
Ti faccio vedere una rarissima lampada in alluminio realizzata appositamente per le miniere di Traversella,col logo Fiat a rilievo...
Allegati
traversella 3.jpg
traversella 2.jpg
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Avatar utente
Flavio G. Taricco
Messaggi: 1982
Iscritto il: mar 22 feb, 2011 16:01
Località: Venaria Reale (TO)

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Flavio G. Taricco » mer 05 feb, 2014 13:04

Splendida!!!!

L'unico appunto, se posso permettermi.. Io non le luciderei così tanto.. perdendo così i naturali colori del tempo.


PS. Proverò ad aprirle, anche se la vedo dura!
Flavio G. Taricco
http://www.mindat.org/user-23710.html
Borders? I have never seen one. But I have heard they exist in the minds of some people.
Frontiere? Non ne ho mai vista una. Ma ho sentito che esistono nella mente di alcune persone.
Thor Heyerdahl

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 7226
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Massimo Russo » mer 05 feb, 2014 14:54

Mai lucidare le cose antiche ... Perdono tutto il loro fascino e valore. Vedetevi al riguardo la trasmissione "Affari di famiglia" su Cielo.

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

chicco83
Messaggi: 297
Iscritto il: ven 29 ott, 2010 10:18

Re: Lampade da miniera

Messaggio da chicco83 » mer 05 feb, 2014 18:40

Massimo Russo ha scritto:Mai lucidare le cose antiche ... Perdono tutto il loro fascino e valore. Vedetevi al riguardo la trasmissione "Affari di famiglia" su Cielo.

Massimo
Ciao Massimo, non vale per tutte le cose antiche, soprattutto armi, o monete, quelli di affari di famiglia trovano difetti a tutto pur di abbassare il prezzo :D :D
Personalmente penso che le lampade di Simone siano bellissime cosi lucidate, soprattutto se le si vuole esporre in vetrina, poi è vero, i gusti son gusti, quindi qualcuno le preferisce con i segni del tempo :)

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Simone Ferrante » mer 05 feb, 2014 19:13

Massimo che dirti..tienile o cercale pure con la patina se ti piacciono o se pensi che possa aumentare il loro valore (a torto).Quando le trovi nuove contattami pure,mi sacrifico e le prendo tutte io :D :D :D
In genere non seguo programmi televisivi che danno considerazioni distorte circa il valore di mercato degli oggetti e sul collezionismo in generale.Figuriamoci cosa possono dire programmi artefatti come quelli...dove con 10 € trovano il Sacro Graal,l'Arca dell'Alleanza e la prima copia della Bibbia...Programmi da populino buoni per farsi 4 sketch.
Se possibile cerco sempre di acquistare oggetti con condizioni pari al nuovo e senza integrazioni che ne riducono il valore drasticamente.
Quando poi vai a rivendere una lampada pari al nuovo e una usata o restaurata (come per le auto d'epoca) vedi la differenza..
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Avatar utente
Flavio G. Taricco
Messaggi: 1982
Iscritto il: mar 22 feb, 2011 16:01
Località: Venaria Reale (TO)

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Flavio G. Taricco » mer 05 feb, 2014 19:28

In effetti io non parlavo di valore economico quanto di fascino dell'oggetto.

Economicamente so che parecchie cose riportate al nuovo ci perdono.. mentre per altre cose vale l'esatto contrario, non so su quali parametri effettivi o se si tratti semplicemente di gusto collezionistico..

Per quanto riguarda "Affari di famiglia" non penso che diano prezzi troppo discosti dalla realtà.. ma ricordiamo che si tratta di realtà statunitense e per di più di Las Vegas.. ed oltretutto è un negozio di pegni...

Prezzi senza alcun senso li ho solo riscontrati nel programma "Cacciatori di gemme".. quando, per un (banale) ottaedro di fluorite di un centimetro (o poco più) mettono in ballo valori al dettaglio di centinaia di dollari!!! Idem per un quarzo fantasmato.. o altre amenità simili..
Flavio G. Taricco
http://www.mindat.org/user-23710.html
Borders? I have never seen one. But I have heard they exist in the minds of some people.
Frontiere? Non ne ho mai vista una. Ma ho sentito che esistono nella mente di alcune persone.
Thor Heyerdahl

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Simone Ferrante » mer 05 feb, 2014 19:52

Tutti gli oggetti in metallo con la patina valgono meno che riportati a nuovo..vale anche per le monete antiche,statue,armi ecc ecc..i metodi per riportarle a lucido sono molteplici e non tutti invasivi.
Il programma di cui parli parla di un mercato statunitense e non un mercato globale,per di più incentrato su las Vegas...dove tutto ciò che è arte o collezionismo costa 2-3 volte di più che nel resto degli States.
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Marco Pistolesi
Messaggi: 1036
Iscritto il: lun 19 mar, 2007 22:14
Località: Piombino-Li-

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Marco Pistolesi » gio 06 feb, 2014 0:18

Simone Ferrante ha scritto:Tutti gli oggetti in metallo con la patina valgono meno che riportati a nuovo..vale anche per le monete antiche,statue,armi ecc ecc..i metodi per riportarle a lucido sono molteplici e non tutti invasivi.
Il programma di cui parli parla di un mercato statunitense e non un mercato globale,per di più incentrato su las Vegas...dove tutto ciò che è arte o collezionismo costa 2-3 volte di più che nel resto degli States.
no, assolutamente no, per quanto riguarda argenteria, monete d' argento e similari , lucidarle togliergli la patina scura che l' argento prende con il tempo in alcuni casi riduce il valore di più del 60-70% addirittura i numismatici non le prendono neppure in considerazione se non ha prezzi stracciati. Per conferma potete interpellare un qualsiasi numismatico . Aggiungo anche che per le monete antiche in bronzo in alcuni casi togliergli la bella patina verde equivale a gettarle. La patina verde nel 99% dei casi riempie e sminuisce l' effetto poroso, rugoso dovuto all'azione di alcuni terreni che con la loro acidità corrodono le monete in bronzo e oricalco. La bella patina ne conferisce invece un aspetto piacevole e liscio sia del dritto che del rovescio. Non confondiamo il restauro con la pulizia, sono due cose diverse. Per quanto riguarda le lampade vecchie anche io le preferisco con la loro patina.. ma questo dipende dal gusto pErsonale anche se pulirle non significa lucidarle ma togliere lo sporco Lucido, scuro ecc, dipende dai gusti ma se si parla di valore basta vedere un qualsiasi catalogo d' asta dove la patina si paga eccome
Io sono persuaso che lo studio dell'Istoria Naturale ben regolato, non è un balocco d'oziosi ingegni, come alcuno vi pensa; ma può influire moltissimo nei vantaggi d'una società...........
Giovanni Targioni Tozzetti (1776)

Avatar utente
Giorgio
Messaggi: 1246
Iscritto il: gio 21 lug, 2005 22:31
Località: Sesto Calende (VA)
Contatta:

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Giorgio » gio 06 feb, 2014 7:35

Io sono comunque d'accordo con il cercare di riportare allo stato originario una lampada e soprattutto nel caso dell'otton... ma si è mai visto una banda musicale con gli "ottoni" opachi e pieni di ditate??? Poi l eventuali ammaccature è giusto che restino al loro posto, non mi sembra il caso di scomodare un carrozziere ma dai una lampada arrugginita o ossidata è come un minerale ancora pieno di fango, poi, nel caso dell'ottone bastano un po' di smanacciate con le mani sudaticce :? e vedrete come torna ad essere opaca...
Scherzi a parte, questo è, il minatore o il geometra che la utilizzava la teneva certamente in condizioni ottimali di utilizzo e non certo arrugginita o con buchi o residui di carburo...
Le pietre sono maestre mute: esse rendono muto l'osservatore, e il meglio che da esse si apprende non si può comunicare. J.W.Goethe

Marco Pistolesi
Messaggi: 1036
Iscritto il: lun 19 mar, 2007 22:14
Località: Piombino-Li-

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Marco Pistolesi » gio 06 feb, 2014 12:07

Giorgio ha scritto:Io sono comunque d'accordo con il cercare di riportare allo stato originario una lampada e soprattutto nel caso dell'otton... ma si è mai visto una banda musicale con gli "ottoni" opachi e pieni di ditate??? Poi l eventuali ammaccature è giusto che restino al loro posto, non mi sembra il caso di scomodare un carrozziere ma dai una lampada arrugginita o ossidata è come un minerale ancora pieno di fango, poi, nel caso dell'ottone bastano un po' di smanacciate con le mani sudaticce :? e vedrete come torna ad essere opaca...
Scherzi a parte, questo è, il minatore o il geometra che la utilizzava la teneva certamente in condizioni ottimali di utilizzo e non certo arrugginita o con buchi o residui di carburo...

. Ripeto per quanto riguarda lampade e cose di modernariato o di vintage va bene, può andare bene, dipende dal gusto personale e se con l' oggetto ci lavoro, come nel caso dello strumento musicale , è normale che lo tengo pulito d efficiente ma, se si parla di argento e specialmente di monete o oggetti antichi, la patina aumenta il valore e non di poco ..sia che siano di argento che di Bronzo. Io ho dei vecchi oggetti in rame e mai mi sognerei di lucidarli. Li tengo puliti. Molto dipende dall' uso e destinazione che se ne vuol fare e soprattutto dal gusto personale. Minerale pieno di fango; io gli tolgo il fango , ma se ha delle patine particolari le lascio anche perchè spesso togliere patine in molti casi significa e ha significato rovinare molti campioni oggi non più recuperabili
Io sono persuaso che lo studio dell'Istoria Naturale ben regolato, non è un balocco d'oziosi ingegni, come alcuno vi pensa; ma può influire moltissimo nei vantaggi d'una società...........
Giovanni Targioni Tozzetti (1776)

Avatar utente
Simone Ferrante
Messaggi: 281
Iscritto il: mar 20 gen, 2009 15:40
Località: Firenze

Re: Lampade da miniera

Messaggio da Simone Ferrante » gio 06 feb, 2014 12:34

Sorvoliamo sul fatto delle monete e dele argenterie,che finiamo inevitabilmente per andare fuori topic e permettimI di contraddirti.
Marco per avere un metro di misura obbiettivo innanzitutto non dovresti interpellare un numismatico,il quale ha un metro di misura personale sul valore degli articoli e siccome di sovente è un commerciante che rivende gli oggetti,egli si basa spesso sul gradimento dettato dalla richiesta.Quello che vale per una perso non è quello che vale nelle realtà. Dovresti semmai consultare qualsiasi catalogo numismatico,che non è influenzato da metodi di giudizio personali ma è obbiettivo nel dare valori e vedrai esposto il costo di una moneta in argento fior di conio splendente e di una perfetta non danneggiata ma con le patine di ossido.

Sono i cataloghi numismatici a parlare,non è il mio parere..Per l'argenteria è lo stesso.Lo stesso servizio ossidato vale meno dello stesso servizio tirato a lucido.Sono gli esperti delle case d'aste a parlare,che anche in questo caso che si rifanno ai cataloghi specializzati e non io..

Per le lampade i gusti son gusti e ciascuno le sceglie come meglio preferisce in base ai propri canoni estetici.Pulire l'ottone,la ghisa o l'alluminio per riportarle a nuovo con i prodotto che c'è in commercio è vceramente un attimo..ma d'accordo col parere di Giorgio,se una lampada ha subito ammaccature lascerei perdere e la terrei così come è.Ma anche in questo caso confronta 2 lampade sul mercato internazionale (e non quello della domenica dove il commerciante espone il prezzo che ritiene più opportuno) e vedrai le stesse lampade,una perfetta uscita di fabbrica e l'altra con la patina di antico che la ricopre che differenza di prezzo raggiungono.
Ultima modifica di Simone Ferrante il gio 06 feb, 2014 15:33, modificato 1 volta in totale.
Mindat gallery: http://www.mindat.org/user-13837.html

Parla in modo sensato a uno stupido e questi ti chiamerà stupido. EURIPIDE (485 - 406 a.C.)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti