Minerali dell'Umbria

notizie, informazioni relative ad un'intera regione
Rispondi
Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Minerali dell'Umbria

Messaggio da Federico » gio 31 ago, 2006 11:55

Gentili utenti del FORUM AMI
Sto facendo una ricerca bibliografica di tutti i minerali presenti e segnalati nella regione Umbria.
So benissimo che come regione siamo un po'... poveri dal punto di vista mineralogico, però siccome faccio parte del GUMP stiamo facendo una ricatalogazione dei minerali della nostra regione, dato che la precedente è molto vecchia.

Un saluto e un grazie anticipato delle notizie che mi darete.

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6406
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Messaggio da Massimo Russo » gio 31 ago, 2006 12:04

Anche se San Venanzo geologicamente appartiene al Lazio, amministrativamente è vostra; non dimenticartelo. Un po' come da noi il vulcano di Roccamonfina che è tutto situato in provincia di Caserta, ma che geologicamente anche questo è laziale.

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » gio 31 ago, 2006 12:10

Sicuramente sarà la località che mi darà più soddisfazioni.
Ma oltre a San Venanzo c'è anche Colle Fabbri e Polino (dura la ricerca!)


Comunque il nostro intento come GUMP è quello di segnalare ufficialmente anche i minerali che precedentemente non lo erano. Sò di molti minerali segnalati informalmente a San Venanzo, ma che nei testi scientifici non ve n'è traccia.

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6406
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Messaggio da Massimo Russo » gio 31 ago, 2006 12:12

Ottimo, questo è il compito dei Gruppi Mineralogici e vedo che siete sulla strada giusta. Aggiornaci.

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » gio 31 ago, 2006 12:18

Ovviamente siamo solo all'inizio e me ne occupo soltanto io, dato che il gruppo è prevalentemente paleontologico, ma tra conferenza di Pescara, gli ultimi due esami per la specializzazione e l'attività nelle scuole penso che sarà dura concludere il lavoro entro l'anno.
Comunque intanto quando ho un po' di tempo libero parto con l'iniziativa.

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23479
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 31 ago, 2006 12:19

Oltre a quanto segnalato per Pian di Celle e Colle Fabbri nel seguente topic: http://forum.amiminerals.org/viewtopic. ... ght=umbria
sappi che l'AMIco Giorgio Bortolozzi insieme al Prof. F. Stoppa e al Dott. V.V. Sharygin ha effettuato interessanti ritrovamenti nelle zone umbre.

Esse saranno oggetto di una prossima (2007 o 2008?) pubblicazione. In essa appariranno molte specie nuove per le località visitate.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » gio 31 ago, 2006 12:32

Interessante. Il fatto è che quel poco che abbiamo è poco divulgato.

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » gio 31 ago, 2006 12:34

Marco E. Ciriotti ha scritto:Oltre a quanto segnalato per Pian di Celle e Colle Fabbri nel seguente topic: http://forum.amiminerals.org/viewtopic. ... ght=umbria
sappi che l'AMIco Giorgio Bortolozzi insieme al Prof. F. Stoppa e al Dott. V.V. Sharygin ha effettuato interessanti ritrovamenti nelle zone umbre.

Esse saranno oggetto di una prossima (2007 o 2008?) pubblicazione. In essa appariranno molte specie nuove per le località visitate.
PS: pubblicazione inviata oggi.

Cordiali saluti.

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23479
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 31 ago, 2006 12:37

Non si può lamentare che le zone umbre sono poco divulgate. Su di esse la bibliografia esistente è alquanto vasta e anche relativamente ben aggiornata.

Molte altre interessanti zone italiane sono di gran lunga assai più carenti.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6406
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Messaggio da Massimo Russo » gio 31 ago, 2006 12:41

Federico non è semplice fare uno screening completo di una regione o di una località mineralogica. Ci vogliono anni e anni di ricerca sia sul campo e sia principalmente su testi, riviste, giornali, ecc. Per fare il libro sul Somma-Vesuvio ci sono voluti cinque anni di duro lavoro, ma alle spalle ce ne erano più di venti anni di raccolta materiale. Anche per quanto riguarda il prossimo sulla mineralogia del Piemonte credo che Marco ti potrà dire che lì gli anni forse sono oltre i venti. Una mineralogia regionale è estremamente più impegnativa. Per la tua regione sei fortunato (o se vuoi sfortunato) per quanto riguarda la situazione mineralogica. Certo se il pignoletto Presidente ti passa immediatamente delle dritte e anche dei riferimenti bibliografici, allora è tutto più semplice. Buona fortuna e buon lavoro.

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 23479
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 31 ago, 2006 12:45

Federico non ha certo bisogno del mio aiuto per avere e consultare le referenze sui minerali umbri...
All'università può fare le ricerche opportune, consultare tutti i database bibliografici del caso e scaricare (gratuitamente) i testi per la consultazione.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » gio 31 ago, 2006 12:57

Certamente da un lato sono fortunato ma dall'altro sfortunato come hai detto te Massimo.
Infatti credo che sarà un lungo lavoro che con gli impegni attuali si allungherà ancora di più.
Per fortuna che ancora frequentando l'università ho accesso alla biblioteca, che devo dire è veramente fornita bene.
Spero di avere l'elenco, nel senso di avere solamente l'elenco delle specie minerali quasi definitivo con la quasi totalità dei lavori entro fine anno.
Vi ringrazio molto per i consigli e so benissimo ciò che mi aspetta (visto quello che mi avete detto).
Vi terrò aggiornati su tutto. Man mano che l'elenco di minerali e località si allunga (oltre a quello delle pubblicazioni si intende).

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2481
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

minerali dell'Umbria: Colle Fabbri

Messaggio da bortolozzi giorgio » gio 31 ago, 2006 18:44

Marco E. Ciriotti ha scritto:Oltre a quanto segnalato per Pian di Celle e Colle Fabbri nel seguente topic: http://forum.amiminerals.org/viewtopic. ... ght=umbria
sappi che l'AMIco Giorgio Bortolozzi insieme al Prof. F. Stoppa e al Dott. V.V. Sharygin ha effettuato interessanti ritrovamenti nelle zone umbre.

Esse saranno oggetto di una prossima (2007 o 2008?) pubblicazione. In essa appariranno molte specie nuove per le località visitate.
Confermo quanto sopra. Il Prof. Stoppa da qualche anno è ordinario a Chieti e sono stato là ai primi di agosto per incontrarmi con Sharygin (che veniva da Novosibirsk) per isolare i cristalli da analizzare in Siberia. Ho trovato forse qualche ulteriore specie, oltre a quelle già descritte, ed è intenzione di Stoppa procedere quanto prima alla pubblicazione del relativo articolo (con foto al microscopio ottico).

franco
Messaggi: 1668
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Messaggio da franco » mer 28 feb, 2007 21:08

Mi appoggio a questo topic per non crearne di nuovi. Rompendo un sassetto di Pian di Celle, San Venanzo, Terni, si è aperta una piccola geode ricca di cristallini cubici da mm 0,6 in giù di spigolo, di colore bianco-ghiaccio, semitrasparenti. La durezza è bassa, sul 4. Presentano una vivace fluorescenza in bianco alle sole OC. In stretta associazione è presente la calcite, che presenta un bianco diverso e forme cristalline scalenoedriche. Potrebbe essere fluorite, ma è stata mai trovata lì? E poi la fluorescenza è strana. Qualcuno, conoscitore della località ha qualche altra ipotesi? Grazie in anticipo.

Avatar utente
bortolozzi giorgio
Messaggi: 2481
Iscritto il: ven 22 apr, 2005 22:40
Località: Treviso

San Venanzo

Messaggio da bortolozzi giorgio » mer 28 feb, 2007 23:18

franco ha scritto:Mi appoggio a questo topic per non crearne di nuovi. Rompendo un sassetto di Pian di Celle, San Venanzo, Terni, si è aperta una piccola geode ricca di cristallini cubici da mm 0,6 in giù di spigolo, di colore bianco-ghiaccio, semitrasparenti. La durezza è bassa, sul 4. Presentano una vivace fluorescenza in bianco alle sole OC. In stretta associazione è presente la calcite, che presenta un bianco diverso e forme cristalline scalenoedriche. Potrebbe essere fluorite, ma è stata mai trovata lì? E poi la fluorescenza è strana. Qualcuno, conoscitore della località ha qualche altra ipotesi? Grazie in anticipo.

La fluorite non è mai stata descritta. Di specie che possono presentarsi cubiche a San Venanzo c'è la äkermanite/gehlenite, che di solito ha un aspetto opaco ed è di colore ambrato. La sua forma cubica, almeno in questa località, credo sia molto rara, ma potrebbe non essere lei.
La paragenesi potrebbe fornire qualche altra ipotesi, dato che di solito a San Venanzo ci sono numerose specie associate tra loro.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti