I minerali dei Monzoni (prov. TN)

notizie, informazioni relative ad un'intera regione
Rispondi
daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » gio 17 feb, 2011 23:17

Assieme o come conseguenza dell' attività vulcanica triassica in Val di Fassa abbiamo avuto un fenomeno di intrusione di rocce monzonitiche, dioritiche, gabbri ecc. che hanno dato vita a tutta una serie di rocce di metamorfismo da contatto. Questo fenomeno ha portato alla formazione, ovviamente non nella forma odierna, del gruppo di montagne che oggi si chiamano Monzoni e si trovano a sud di Pozza. La loro ricchezza di minerali, molte volte di dimensioni micro, è assai nota negli ambienti mineralogici regionali ed anche oltre. D' altra parte se a partire dagli inizi dell' Ottocento schiere di studiosi e collezionisti si sono riversate su questi luoghi, finora manca uno studio approfondito sia della geologia sia della mineralogia della zona. E questo fatto non posso cambiarlo nemmeno io, poichè non ne ho le facoltà e le premesse scientifiche necessarie. Posso invece presentare in una, spero piacevole, passeggiata fotografica una parte (quella che con i miei mezzi riesco a fotografare) dei minerali finora rinvenuti, anche se non tutti identificati con certezza. Per oggi inizio con un paio di foto che avevo già postato in un altro topic, dal quale le ho tolte, poichè non mi sembravano al posto giusto. E poi aggiungo alcune immagini nuove, niente di speciale, ma possono dar inizio ad una panoramica che spero di riuscire ad allargare col passare del tempo.

Saluti

Daniel
Allegati
Vesuviana, Malinvern Nord.jpg
Vesuviana, Malinvern/Monzoni/Val di Fassa, prov. Tn, dim. x max. 1,5 mm; coll. e foto D. Lorenz
Axinite-Alochet.jpg
Probabile axinite, Alochet/Monzoni/Val di Fassa, prov. TN, alt. x 2 mm; coll. e foto D. Lorenz
Titanite, diopside, labradorite-Alochet.jpg
Titanite, diopside, labradorite, Alochet/Monzoni/Val di Fassa, prov. TN, diam. cavità 2 cm; coll. e foto D. Lorenz
Ultima modifica di daniel lorenz il ven 18 feb, 2011 19:44, modificato 1 volta in totale.

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » gio 17 feb, 2011 23:21

Ecco alcune delle immagini nuove.
Allegati
Gruppo delle orneblende, Alochet.jpg
Gruppo delle orneblende, Alochet/Monzoni/Val di Fassa, prov. Tn, diam. aggr. 2,5 cm; coll. e foto D. Lorenz
Epidoto, Alochet.jpg
Epidoto, Alochet/Monzoni/Val di Fassa, prov. Tn, lungh. x 5 mm; coll. e foto D. Lorenz

Avatar utente
Andrea Canal
Messaggi: 1018
Iscritto il: lun 13 ott, 2008 10:13
Località: via del gazzato 25/a Mestre Venezia

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da Andrea Canal » gio 17 feb, 2011 23:46

Ciao Daniel

immagino che il campione della terza fotografia (titanite, diopside e labradorite) provenga dal toal dell'Alochet.
Io ho trovato dei cristalli identici, con la stessa cristallizazione ed associazione acidando dei blocchi di monzonite rinvenuti nel gretto del torrente che scende dal toal dell'Alochet circa un centinaiuo di metri più a valle del giacimento dell'uralite.

Mi sorge però un dubbio: tutti i collezionisti che conosco hanno sempre considerato i cristalli verdi come epidoto e non come diopsite (anche tu nel campione della quinta foto fai vedere un cristallo di epidoto dell'Alochet) sono state per caso fatte delle analisi specifiche su tali campioni?
La labradorite sarebbero i cristalli bianchi ? anche in questo caso sai dirmi se sono state fatte delle analisi.

Andrea
"Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza"

Dante: inferno canto XXVI

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » gio 17 feb, 2011 23:59

Ciao Andrea,

per quanto riguarda il cristallo di diopside non mi risulta che siano state fatte delle analisi. Il posto dove li ho trovati io è lo stesso che descrivi anche tu. Nelle cavità, non in quella della foto, molte volte ci sono sia cristalli di epidoto sia di diopside. Vedendoli dal vivo e non guardandoli sulla mia foto, si vedono bene le differenze: colore, forma della terminazione, striature, lucentezza e talvolta la terminazione, nei diopsidi, che finisce in una miriade di aghetti sottilissimi quasi incolori.
Per la labradorite, che sono i cristalli bianchi, a parte il fatto che il nome mi sembra sia stato dichiarato obsoleto dai chimicocrati dell' IMA in preda alla furia anabattista, riporto soltanto quello che comunemente, anche mineralogi e libri riportano per il minerale in discussione.
Spero di essere stato d' aiuto anche se non sono in grado di toglierti ogni dubbio.

Saluti

Daniel

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6301
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da TOSATO FABIO » ven 18 feb, 2011 0:07

Axinite?
analisi?
Finalmente un topic sui Monzoni con belle immagini.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » ven 18 feb, 2011 0:34

Ciao Fabio,

come ho accennato nella premessa non ci sono quasi dati sicuri supportati da analisi affidabili.
Nel caso della axinite però i cristalli, che si trovano raramente sono quasi sempre associati a cristalli di titanite color miele típico della zona. Abito e colore corrispondono alla axinite ed è poco probabile che su campioni con decine di cristalli di titanite color miele e vari toni di giallo uno sia viola e per di più perfettamente trasparente mentre le titaniti per quanto lucenti non sono mai trasparenti. Lo so, sono solo deduzioni e ragionamenti, ma per il momento non abbiamo a disposizione altro.

Saluti

Daniel

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6301
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da TOSATO FABIO » ven 18 feb, 2011 7:53

Grazie Daniel.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Avatar utente
Roberto Bracco
Messaggi: 2199
Iscritto il: lun 18 apr, 2005 10:42
Località: Savona

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da Roberto Bracco » ven 18 feb, 2011 8:03

daniel lorenz ha scritto: Per la labradorite, che sono i cristalli bianchi, a parte il fatto che il nome mi sembra sia stato dichiarato obsoleto dai chimicocrati dell' IMA in preda alla furia anabattista, riporto soltanto quello che comunemente, anche mineralogi e libri riportano per il minerale in discussione.
Nessun rogo, tranquillo... la questione è stata ampiamente dibattua su mindat un paio d'anni fa.
Molto semplicemente i plagioclasi sono una serie continua tra albite e anortite, che sono le due valide specie minerali. Ogni 20% di anortite che aggiungo nell'albite i termini intermedi prendono i nomi: oligoclasio, andesina, labradorite e bytownite che sono utilissimi indicatori geologici e si riconoscono al microscopio petrografico senza bisogno di analisi "moderne".
A livello chimico-strutturale la serie è continua e non c'è motivo per i mineralogisti di accettare questi nomi come valide specie. Ma i geologi sono perfettamente autorizzati a usarli.
Tutto qui!
Roberto Bracco - AMI Liguria

Perché seguire il calcio, quando accanto c'è lo scandio e poco più in là il vanadio?

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » ven 18 feb, 2011 8:18

Ciao Roberto,

la situazione che ormai porta ad una sempre più esatta ridefinizione mi è nota e pure le cause che la rendono possibile e necessaria. È solo che da archeologo e storico ogni tanto mi viene un poco di nostalgia vedendo che molti nomi cresciuti con la storia della scoperta dei minerali spariscono e con loro anche parte della storicità mineralogica e dell' evoluzione della nomenclatura. Ma adesso basta, poichè qui si parla di minerali dei Monzoni e non delle mie patetiche reminiscenze storicizzanti.

Saluti

Daniel

Avatar utente
Roberto Bracco
Messaggi: 2199
Iscritto il: lun 18 apr, 2005 10:42
Località: Savona

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da Roberto Bracco » ven 18 feb, 2011 8:29

Lo so, quando vado a fare analisi al SEM di Torino si attraversa un corridoio-museo zeppo di strumenti di lucido ottone, i goniometri avevano un profumo diverso dai diffrattometri a CCD... ma se si vuole parlare lo stesso linguaggio delle scelte bisogna farle.
Altro discorso è il furore nomenclatural-suffissativo sul cui altare è stata sacrificata, facciamo un nome, la sigismundite: lì sono perfettamente d'accordo nel gridare allo scandalo!
Roberto Bracco - AMI Liguria

Perché seguire il calcio, quando accanto c'è lo scandio e poco più in là il vanadio?

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » ven 18 feb, 2011 11:27

Concordo in tutto con te.

Saluti

Daniel

Avatar utente
Fulvio
Messaggi: 2719
Iscritto il: ven 30 ott, 2009 17:14
Località: Bresso (Mi)

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da Fulvio » ven 18 feb, 2011 12:31

daniel lorenz ha scritto:Ciao Andrea,

dai chimicocrati dell' IMA in preda alla furia anabattista, Daniel
Bella definizione :D Grande Daniel!
Fulvio
Socio IVM
------------------------------------------------------------------------------
La musica e i gatti sono un ottimo rifugio dalle miserie della vita.
Albert Schweitzer

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » ven 18 feb, 2011 18:57

Per oggi solo qualche granatuncolo. Quello del Ruf de i Tariciogn è pure rotto dietro, ma comunque da un' idea della qualità che possono raggiungere anche i granati dei Monzoni.

Saluti

Daniel
Allegati
Grossularia, Ruf de i Tariciogn,.jpg
Grossularia, Ruf de i Tariciogn/Monzoni/Val di Fassa, prov. Tn; spigolo x max 6 mm; coll. e foto D. Lorenz
Grossularia, Malinvern Nord.jpg
Grossularia, Malinvern/Monzoni/Val di Fassa, prov. TN; diam. x 1,1cm; coll. e foto D. Lorenz

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » sab 19 feb, 2011 21:57

Buona sera a tutti,

intanto metto un classico dei Monzoni, la "fassaite" - diopside-Al. Il campione della foto è di un ritrovamento della seconda metà dell' Ottocento. La seconda foto invece riporta una paragenesi abbastanza comune per la zona tra il passo ed il lago delle Selle. Per la "fassaite" non lo so, ma il campione con l' ematite e la grossularia è stato acidato come del resto gran parte dei campioni provenienti dai Monzoni. Infatti gran parte dei minerali sono ben protetti da uno spesso strato di calcite. In compenso i cristalli di norma sono intatti e molte volte anche freschi, se non sono alterati per via di un' incipiente o già completata pseudomorfizzazione. Ma questo è un altro tema al quale tornerò più avanti.

Saluti

Daniel
Allegati
Ematite, grossularia, Lech de le Sele.jpg
Ematite, grossularia, quarzo, Lech de le Sele/Monzoni/Val di Fassa, prov. TN, base foto 3 cm; coll. e foto D. Lorenz

daniel lorenz
Messaggi: 767
Iscritto il: sab 27 mar, 2010 22:16
Località: Bolzano

Re: I minerali dei Monzoni (prov. TN)

Messaggio da daniel lorenz » sab 19 feb, 2011 22:03

Mi ero dimenticato di ridurre la foto alle dimensioni corrette... ecco comunque la "fassaite".
Allegati
Fassaite, Toal de la Foa.jpg
"Fassaite"-diopside-Al, Toal de la Foa/Monzoni/Val di Fassa, prov. Tn; alt. x 2,5 cm; coll. e foto D. Lorenz

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite