Pulire i minerali

idee, suggerimenti, proposte, correzioni, confidenze, album dei ricordi, proposte per scambi, ecc., ecc
Rispondi
Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10760
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Luciano Vaccari » ven 06 set, 2013 7:42

Infatti, ma mi ci pulisco esclusivamente denti e gengive :D :D

Confermo, battute a parte, l'efficacia dell'acqua ossigenata per togliere l'argilla e il terriccio dalle piccole fessure o geodi....
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Andrea Canal
Messaggi: 995
Iscritto il: lun 13 ott, 2008 10:13
Località: via del gazzato 25/a Mestre Venezia

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Andrea Canal » mar 10 set, 2013 9:41

Leggo solamente ora la richiesta di delucidazioni in merito all’utilizzo dell’acqua ossigenata per la rimozione delle incrostazioni di argilla e di terriccio.
Già altri amici hanno evidenziato la sua pericolosità, sia nei confronti della cute che degli occhi, quindi non mi dilungo oltre (ribadisco comunque sempre occhiali e guanti).

Colgo l’occasione per chiarire alcuni aspetti in merito all’utilizzo di questo agente chimico.
L’acqua ossigenata è un fortissimo agente ossidante. L’ossidazione (sottrazione di elettroni) è un fenomeno che interessa tutti gli elementi della tavola periodica (in realtà con alcune rare eccezioni) sia che presentino caratteristiche metalliche che non metalliche.

L’ossidazione di un elemento comporta inevitabilmente anche la sua trasformazione. Nel caso dei minerali l’ossidazione di uno degli elementi di un composto comporta inevitabilmente la sua trasformazione .
Se ad esempio abbiamo della malachite, dove il rame è presente come Cu+ , atteniamo la sua ossidazione a Cu2+ , con conseguente distruzione dei cristalli; analogamente se abbiamo alcuni solfuri, dove lo zolfo è presente come S2- , otteniamo la formazione dello ione solfato dove lo zolfo è S6+ , e di conseguenza il minerale iniziale è stato trasformato in un nuovo composto.

Nella pulizia dei minerali l’acqua ossigenata svolge, assieme all’azione ossidativa, che comporta la trasformazione di alcuni minerali per ossidazione di alcuni degli elementi che li compongono (rottura di alcuni legami e rigonfiamento in particolare delle argille), anche un’azione meccanica. L’acqua ossigenata H2O2 si decompone infatti liberando ossigeno ( 2H2O2 ? 2H2O + O2). Le bollicine di ossigeno che si formano svolgono un’azione meccanica rimuovendo dal pezzo i materiali incoerenti presenti, compresi quelli ottenuti per trasformazione chimica, analogamente a quanto farebbero degli ultrasuoni.

Esiste poi un’ulteriore azione che è quella termica in quanto queste reazioni comportano la liberazione di energia ed il campione, e la soluzione, pertanto si riscaldano.
Prima di utilizzare l’acqua ossigenata bisognerebbe pertanto accertarsi che nel pezzo non risultino essere presenti minerali che vogliamo mantenere, ma che possono essere oggetto di ossidazione, e dobbiamo anche tener presente che l’ossidazione del ferro e del manganese, contenuti nelle argille, potrebbe portare alla formazione di patine di ossidi sopra ai cristalli, in particolare a quelli che presentano una discreta porosità. Consiglio pertanto di eseguire, prima di procedere alla pulizia del pezzo che ci interessa, la pulizia di campioncini privi di importanza.
Spero di essere stato in qualche modo di aiuto.

Andrea
"Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza"

Dante: inferno canto XXVI

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3459
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Luca Baralis » mar 10 set, 2013 16:32

Si potrebbe ancora aggiungere che l'acqua ossigenata è altresì un buon reagente per rimuovere materiale organico: muschi, licheni, ecc.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Andrea Canal
Messaggi: 995
Iscritto il: lun 13 ott, 2008 10:13
Località: via del gazzato 25/a Mestre Venezia

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Andrea Canal » mer 11 set, 2013 9:58

Luca Baralis ha scritto:Si potrebbe ancora aggiungere che l'acqua ossigenata è altresì un buon reagente per rimuovere materiale organico: muschi, licheni, ecc.
Hai perfettamente ragione Luca.
Nei confronti di composti organici, come ad esempio la cellulosa che costituisce gran parte dei vegetali, l'acqua ossigenata opera una fortissima azione ossidativa. Tale azione consente di distruggere quantitativamente tutto il materiale vegetale. Tale azione è paragonabile ad una combustione (reazione sempre di tipo ossidativo) dove tutto il carbonio viene trasformato in CO2.

Andrea
"Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza"

Dante: inferno canto XXVI

Avatar utente
paolo.gasparetto
Messaggi: 388
Iscritto il: mer 20 ago, 2008 21:53

Re: Pulire i minerali

Messaggio da paolo.gasparetto » mer 11 set, 2013 10:41

Credo che gli ossidi di ferro fungano anche da catalizzatore della reazione provocando una reazione fortissima con calore fortissimo e liberazione di quantità di ossigeno ingenti. Mi è capitato che il cristallizatore lo ho dovuto spostare con guanti spessi perchè scottava e la stanza si era riempita di ossigeno (questo forse è pericoloso).
Perchè la reazione diventa così violenta?
Pgasp

Avatar utente
Andrea Canal
Messaggi: 995
Iscritto il: lun 13 ott, 2008 10:13
Località: via del gazzato 25/a Mestre Venezia

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Andrea Canal » mer 11 set, 2013 11:35

paolo.gasparetto ha scritto:Credo che gli ossidi di ferro fungano anche da catalizzatore della reazione provocando una reazione fortissima con calore fortissimo e liberazione di quantità di ossigeno ingenti. Mi è capitato che il cristallizatore lo ho dovuto spostare con guanti spessi perchè scottava e la stanza si era riempita di ossigeno (questo forse è pericoloso).
Perchè la reazione diventa così violenta?
Pgasp
Osservazioni esatte Paolo.
Come avevo già precedentemente scritto l'acqua ossigenata si decompone sviluppando dell'ossigeno. La decomposizione dell'acqua ossigenata può essere accellerata in caso di presenza di ioni metallici ed in particolare del ferro.
La reazione di decomposizione è di tipo esotermico, libera cioè dell'energia il cui effetto è quello di aumentare la temperatura del sistema.

Se la decomposizione avviene in tempi lunghi l'energia liberata non comporta un grande aumento di temperatura. Questo perchè il sistema (pezzo,soluzione e contenitore) tende all'equilibrio termico con l'ambiente circostante. Se invece la reazione avviene in tempi veloci il sistema non ha il tempo di scambiare energia con l'ambiente circostante e, di conseguenza, la temperatura del sistema aumenta significativamente.

In merito all'ossigeno liberato direi che non ci sono particolari rischi purchè l'acqua ossigenata venga utilizzata in ambiente esterno e sufficientemente ventilato. Basta non respirare direttamente sopra al contenitore, spece se la reazione è accellerata, in quanto la concentrazione dell'ossigeno nell'aria immediatamente sopra al contenitore sarà superiore al 21 %. Sconsiglio ovviamente di avere nei pressi del recipiente anche delle fiamme ibere o delle sostanze particolarmente infiammabili o ossidabili.
La concentrazione dell'acqua ossigenata viene normalmente espressa in %v/v o in volumi. Quando utilizziamo l'acqua ossigenata a 12 volumi, per capirici il normale disinfettante che abbiamo a casa, abbiamo uno sviluppo di 12 litri di ossigeno in fase gas per ogni litro di soluzione.
Se quindi utilizzo 500 ml di una soluzione di acqua ossigenata concentrata , ad esempio a 120 volumi, svilupperò 60 litri di ossigeno.

Nell'aria la concentrazione dell' ossigeno è normalmente del 21% v/v. Ciò significa, approssimando senza cioè tener conto delle condizioni ambientali, che per ogni metro cubo di aria ci sono 210 litri di ossigeno. Tenendo conto che la diffusione gassosa è estremamente veloce, spece se l'ambiente è esterno e ventilato, se utilizziamo qualche centinaio di ml di acqua ossigenata e la sua decomposizione è lenta, la variazione della concentrazione dell'ossigeno in aria è poco significante, viceversa se usiamo elevate quantità di acqua ossigenata ad elevata concentrazione e l'ambiente è poco ventilato allora la concentrazione dell'ossigeno nell'aria potrebbe aumentare anche di qualche punto percentuale.

Andrea
"Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza"

Dante: inferno canto XXVI

Ronald
Messaggi: 9
Iscritto il: mar 20 ago, 2013 16:28

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Ronald » lun 16 set, 2013 13:52

Aiuto! sto cercando di rimuovere questa incrostazione biancastra da questo minerale (dovrebbe essere quarzo su base carbonatica da quel che è successo con l'HCl) ma appunto immergendo il pezzo in HCl la matrice si disgrega (si sono formati quei buchi che ho indicato con la freccia), i cristalli (che dovrebbero essere di quarzo) ovviamente rimangono uguali ma l'incrostazione biancastra non si toglie.. ho provato con acqua ossigenata 130 vol o con spazzolino fregando forte.. non c'è verso in nessun caso!
Il pezzo già non è gran che bello.. ancora con quell'incrostazione è proprio bruttino.. consigli?
incrostaz1.jpg
icrost-2.jpg

salvatore
Messaggi: 1293
Iscritto il: lun 07 feb, 2011 14:12
Località: Montesilvano PE

Re: Pulire i minerali

Messaggio da salvatore » lun 16 set, 2013 14:22

Forse con la pistola ad acqua saltano via,ma potrebbe saltare anche qualche cristallo.

mineralenzo
Messaggi: 2370
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Pulire i minerali

Messaggio da mineralenzo » lun 16 set, 2013 14:47

Personalmente io lascerei tutto com'è. Quella patina bianca sembra (è) matrice.
Enzo :)
Enzo

Ronald
Messaggi: 9
Iscritto il: mar 20 ago, 2013 16:28

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Ronald » lun 16 set, 2013 15:01

Ok allora mi rassegno e lo tengo così.. non è gran che bello.. ma temevo anch'io che ogni altra operazione potesse peggiorare le cose!

Grazie :)

Avatar utente
Flavio G. Taricco
Messaggi: 1982
Iscritto il: mar 22 feb, 2011 16:01
Località: Venaria Reale (TO)

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Flavio G. Taricco » mar 11 feb, 2014 11:55

Flavio G. Taricco in topic MINERALI ALPINI [url]http://forum.amiminerals.it/viewtopic.php?p=199004#p199004[/url] ha scritto:
Una "synchysite" alpina, ritrovamento di molti anni fa.. in fessura di gneiss.

http://www.mindat.org/photo-516500.html

A forma di matita :D

La faccia con riflesso in evidenza, potrebbe essere una faccia del prisma esagonale? Anche se molto "contorta"?...


Il colore della matrice è alterato da una fastidiosa macchia di unto causata dalla plastilina che ha rilasciato il grasso. La roccia si è letteralmente inzuppata, assorbendo questo spiacevole olio, compromettendo il campione :( :?

Ma di questo ne vado a parlare nell'apposita sezione.. "Come pulire i minerali"..

Parlando con un chimico, amico di un amico, alla mostra di Grugliasco.. Mi è stato consigliato l'utilizzo del solvente per unghie, quello utilizzato dalle signore per rimuovere lo smalto..

Qualcuno ha già effettuato prove simili su campioni?

La "synchysite" potrebbe subire qualche tipo di danno?
Flavio G. Taricco
http://www.mindat.org/user-23710.html
Borders? I have never seen one. But I have heard they exist in the minds of some people.
Frontiere? Non ne ho mai vista una. Ma ho sentito che esistono nella mente di alcune persone.
Thor Heyerdahl

Avatar utente
agi
Messaggi: 804
Iscritto il: mar 22 gen, 2013 13:46
Località: Prossimamente MI SV CE a giorni alterni :-)
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da agi » mar 11 feb, 2014 12:00

se ha assorbito l'olio mi fa paura pensare all'acetone, non credo comunque che riesca a risucchiare in superficie quanto è penetrato :? ... a meno di mettercela a mollo e centrifugare :lol:

Avatar utente
Fulvio
Messaggi: 2533
Iscritto il: ven 30 ott, 2009 17:14
Località: Bresso (Mi)

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Fulvio » mar 11 feb, 2014 12:43

Flavio G. Taricco ha scritto:
Flavio G. Taricco in topic MINERALI ALPINI [url]http://forum.amiminerals.it/viewtopic.php?p=199004#p199004[/url] ha scritto:
Parlando con un chimico, amico di un amico, alla mostra di Grugliasco.. Mi è stato consigliato l'utilizzo del solvente per unghie, quello utilizzato dalle signore per rimuovere lo smalto..

Qualcuno ha già effettuato prove simili su campioni?

La "synchysite" potrebbe subire qualche tipo di danno?
L'ho utilizzato io, per lo stesso problema, ripetendo poi con acetone su un campione di zircone del Nibbio, con risultati discreti anche se non ottimali, non so però se possono danneggiare la "synchysite"
Ultima modifica di Fulvio il mar 11 feb, 2014 12:46, modificato 1 volta in totale.
Fulvio
Socio IVM
------------------------------------------------------------------------------
La musica e i gatti sono un ottimo rifugio dalle miserie della vita.
Albert Schweitzer

Avatar utente
agi
Messaggi: 804
Iscritto il: mar 22 gen, 2013 13:46
Località: Prossimamente MI SV CE a giorni alterni :-)
Contatta:

Re: Pulire i minerali

Messaggio da agi » mar 11 feb, 2014 12:46

come lo hai utilizzato? tamponatura?
renat

Avatar utente
Fulvio
Messaggi: 2533
Iscritto il: ven 30 ott, 2009 17:14
Località: Bresso (Mi)

Re: Pulire i minerali

Messaggio da Fulvio » mar 11 feb, 2014 12:47

E' un campione piccolo e quindi lo immerso lasciandovelo per circa una giornata.
Fulvio
Socio IVM
------------------------------------------------------------------------------
La musica e i gatti sono un ottimo rifugio dalle miserie della vita.
Albert Schweitzer

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti