Normativa italiana in materia di raccolta minerali e fossili

discussioni circa il forum e circa i minerali in genere
Rispondi
Tiberio Bardi
Messaggi: 1486
Iscritto il: gio 04 gen, 2007 10:25
Località: Via Delle Poggiole 409 - Quarrata (PT)

Messaggio da Tiberio Bardi » gio 20 set, 2007 17:31

Non siamo un blog di chiacchiere ne tantomeno un forum in cui si discute di politica... quindi per favore...
Tiberio Bardi
Presidente AMPP Associazione Mineralogica Prato-Pistoia

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » gio 20 set, 2007 17:52

Buonasera a tutti.
vedo che il topic, come me lo aspettavo, ha suscitato molto interesse.
Anche questo era in programma. Se vi interessa saperlo la proposta di legge mi è stata consegnata dal mio presidente del gruppo con preghiera di inserirla on line dato che, ad oggi, ci sono molti forum di paleontofili e mineralofili (si dice???).
Innanzi tutto non travisiamo la proposta che ho fatto all'inizio.
Ho inserito la mail del mio gruppo perchè stiamo raccogliendo più osservazioni possibili al fine di migliorarla.
Siamo in contatto con gli appassionati che hanno promosso la legge e sono in contatto con l'onorevole Naccarato.
Quindi tutte le osservazioni e modifiche possibili si faranno (mi è stato detto di inserirla apposta senno quanti di voi se ne sarebbero accorti?).
Quindi cerchiamo di essere obiettivi, apolitici (a noi non ce ne frega un cavolo del colore delle persone che possono promuovere un decreto legge in materia purchè il decreto sia buono).
Ma soprattutto cerchiamo di poter apportare le modifiche giuste.
Questa estate quando sono stato in vacanza in Piemonte ho avuto la possibilità di fare ricerca in una regione che regolamenta la raccolta dei minerali. Non ci sono stati problemi per ottenere i permessi
e credo che il sistema Piemonte debba essere esteso a livello nazionale e migliorarlo dove magari ha qualche falla.
Avere una normativa che regolamenta la raccolta e la ricerca, anche se aspettiamo il ritorno del Presidente AMI, ma intanto cerchiamo di non stare con le mani in mano e di non perderci in INUTILI catastrofismi e pessimismi.

Avatar utente
TOSATO FABIO
Messaggi: 6855
Iscritto il: ven 13 gen, 2006 11:39
Località: via A.Cantele n.15 35129 PADOVA

Messaggio da TOSATO FABIO » gio 20 set, 2007 21:11

Sante parole.
Lancio una mia prima proposta-impresssione.
Va bene richiedere l'autorizzazione alla singola regione, per rispettare l'autonomia locale, e quindi inserire il proprio nome in un elenco di ricercatori che seguono certe regole e modalità nella ricerca
Mi pare inutile che tale autorizzazione sia di durata annuale e che si debba eseguire un registro e una comunicazione annuale a fine campagna di ricerca, salvo casi di rinvenimenti eclatanti.
Io che faccio micro riprendo in mano i sassi raccolti per esempio nel corso del 2005 solo ora, fine 2007.
Parlo di sassi raccolti perchè sono solo potenzialmente utili in quanto forse contengono dei cristalli micro di qualche interesse.
Tosato Fabio
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi." M. Proust
Noi siamo anche quello che non siamo riusciti ad essere.
Sic transit gloria mundi.

Tiberio Bardi
Messaggi: 1486
Iscritto il: gio 04 gen, 2007 10:25
Località: Via Delle Poggiole 409 - Quarrata (PT)

Messaggio da Tiberio Bardi » ven 21 set, 2007 8:33

Ho letto la proposta di legge, e secondo me, la prima cosa da fare nel modificarla, senza andare in macchinosi discorsi, sarebbe quella del distinguo tra fossili e minerali.
Come è vero che un fossile di rilevanza, può essere rinvenuto e magari tenuto nascosto, è molto più difficile rinvenire un nuovo minerale di interesse scientifico senza che gli organi scientifici ne vengano a conoscenza, in quanto quest'ultimo, ha bisogno di analisi e un cercatore non può determinarlo da solo.
Questo è un dato di fatto per me.
Tiberio Bardi
Presidente AMPP Associazione Mineralogica Prato-Pistoia

Avatar utente
Carlo Alciati
Messaggi: 1425
Iscritto il: lun 30 ago, 2004 16:47
Località: Ivrea (TO)
Contatta:

Messaggio da Carlo Alciati » ven 21 set, 2007 8:57

Buona l'idea di analizzare punto per punto la proposta di legge, serve anche a noi per chiarire le nostre aspettative (ed eventuali esporre le nostre proposte/richieste) da una possibile legge in merito.

OK per la proposta di Tiberio di separare minerali/fossili, lo ritengo un punto fondamentale della legge.
Carlo Alciati
Segretario GMI - Gruppo Mineralogico di Ivrea "Aldo Nicola"

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10784
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Messaggio da Luciano Vaccari » ven 21 set, 2007 9:43

Facciamo tesoro di tutte queste riflessioni importanti, ma finiamo prima il lavoro del codice... tenendo sempre conto di questa futuribile novità.
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » ven 21 set, 2007 11:44

Luciano ha scritto:Facciamo tesoro di tutte queste riflessioni importanti, ma finiamo prima il lavoro del codice... tenendo sempre conto di questa futuribile novità.
D'accordo, le proposte saranno analizzate e inserite.

Simone Boscolo
Messaggi: 2489
Iscritto il: lun 02 lug, 2007 14:22
Contatta:

Messaggio da Simone Boscolo » ven 21 set, 2007 14:49

Ho letto tutta la proposta; non mi sembra carente, indubbiamente implica un rivello responsabile non indifferente (relazione annuale da presentare sulla propria attività), concordo con Tiberio sulla difficoltà di tenere nascosti ritrovamenti d'interesse locale o nazionale. Per adesso non so con quali proposte si potrebbero migliorare tuttavia qualcosa si può fare, ad esempio, la storia dei 20 kg a persona: se mi faccio un 20 kg di cristalli sciolti o micro versione thumbnail sono anche stato immensamente fortunato, ma con il macro su matrice mi sembra abbastanza limitante: mi vengono in mente una o due fotografie di Fabio; quella fluorite da 50 kg avrebbe dovuto ridurla per poterla portare a casa? Ammetto anche che nella presente proposta di legge si cerchi di tutelare sia il territorio e, come diretta conseguenza, la generalità dei ricercatori. Poco ma per tutti, il che non è facile da accettare ma mi sembra una proposta decisamente "evoluta".
Sulla commissione preposta al controlli di campioni di particolare interesse si necessiterebbe qualche chiarimento.
Hanno pur ragione coloro che sostengono che danni non indifferenti possono essere arrecati all'ambiente anche con mazzetta e scalpelli, ma almeno questa legge rappresenta un tentativo costruttivo. In più se solo 20 kg possono essere portati via dal territorio, questo non impedirà che qualcuno spacchi tutto come un matto per portarsi via i 20 kg giusti.
Ma ripeto: a me pare che sia un buon tentativo che lascia aperta la possibilità di operare ricerche anche in quei territori regionali in cui oggi è difficile cercare. La commissione preposta dovrebbe garantire la sincerità delle intenzioni di chi compie ricerche il quale è tenuto a redigere una relazione sul suo operato.

Come interagire a nome dell'AMI con questa legge? Non mi sembra (ma ci ripenserò) che manchi convergenza. Credo che il codice che si vuole andare a redigere sia abbastanza conforme con quanto letto.

Ciao.
SIMBO

Avatar utente
Alessandro
Messaggi: 3246
Iscritto il: sab 10 giu, 2006 17:48
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Alessandro » ven 21 set, 2007 14:58

Io non prenderei tutto alla lettera, o meglio, non starei sempre a cavillare tutto, con esempi un po' estremi, altrimenti non arriviamo mai a nulla.
I casi estremi si possono verificare una volta nella vita, e per alcuni non si verificano nemmeno mai.
Quindi se proprio dovesse succedere, gli accorgimenti il fortunato li prenderà al momento sul da farsi.
Alessandro Socci

GAMPS
Gruppo Avis Mineralogia Paleontologia Scandicci

venderò la mia rabbia a tutta quella brava gente che vorrebbe vedermi in gabbia e forse allora mi troverebbe divertente

Simone Boscolo
Messaggi: 2489
Iscritto il: lun 02 lug, 2007 14:22
Contatta:

Messaggio da Simone Boscolo » ven 21 set, 2007 15:05

No, non volevo cavillare. Anche perché se non si rispettassero queste normative il territorio lo manifesterebbe in pochissimo tempo e verrebbe revocato qualsiasi permesso. Daltronde mi è parso di aver espresso un parere positivo sull'argomento.

Avatar utente
Federico
Messaggi: 636
Iscritto il: lun 16 gen, 2006 13:41
Località: Valfabbrica - Umbria
Contatta:

Messaggio da Federico » ven 21 set, 2007 15:22

Bè ccomunque sta nel buon senso che se una persona trova un qualsiasi minerale superiore ai 20 kg è giusto che lo porti via invece di lasciarlo.
Ovviamente si dovrà aggiungere una clausola per cui per i pezzi eccezionali e grandi si può superare i 20 kg.

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10784
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Messaggio da Luciano Vaccari » ven 21 set, 2007 15:31

La faccenda del peso si potrebbe regolare permettendo l'asportazione di un unico esemplare qualora venisse superata la soglia... piuttosto trovo inopportuno una legge che decida un peso una tantum... ciò, credo, fa parte di quelle sfaccettature che forse le regioni o le province dovrebbero mettere a punto, in considerazione delle diversità, da zona a zona, in termni di tutela ambientale.
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Avatar utente
Giorgio
Messaggi: 1246
Iscritto il: gio 21 lug, 2005 22:31
Località: Sesto Calende (VA)
Contatta:

Messaggio da Giorgio » ven 21 set, 2007 15:45

Bè, guardate che in Lombardia il limite attualmente è 15 kg!!! E come sicuramente ben sapete... mica tutte le volte si raccimola il quorum... magari!!!
Questo aspetto credo che sia il meno criticabile, piuttosto mi "piacerebbe" la possibilità di una "figura professionale" tipo cristalliere svizzero con lo sfruttamento esclusivo di un tal buco! Limitativa forse ma pur sempre di lavoro si tratterebbe!!!
Fosse per me mi prenderei il filone del Pizzo Marcio... mi piacciono gli smeraldi vigezzini. :D :D
Le pietre sono maestre mute: esse rendono muto l'osservatore, e il meglio che da esse si apprende non si può comunicare. J.W.Goethe

Roberto Begini
Messaggi: 80
Iscritto il: lun 06 ago, 2007 21:42
Località: Roma

Messaggio da Roberto Begini » ven 21 set, 2007 15:55

Ho letto la proposta... La prima cosa di cui mi sembra importante discutere è il fatto che in molti punti si ramanda per le modalità di applicazione e addirittura per la formulazioni degli stessi alle singole regioni. Mi spiego meglio: a prescindere dal fatto che si parli di una proposta appena emersa e che è quindi avventato criticare una troppa semplicità, mi sembra che ci sia una grande propensione a lasciare gran parte dell'effetivo sviluppo della stessa alle regioni, in totale autonomia. Ad esempio per quanto riguarda le commissioni regionali, che dovrebbero valutare criteri per il rilascio delle autorizzazioni, dell'accesibilità in alcune aree interdette (e gran parte delle nostre esigenze sono proprio su questo non facile punto) e della visione della relazione annuale di raccolta, si dovrebbe creare qualcosa che permetta un minimo di coerenza tra le varie regioni, ad esempio, un'ulteriore commissione (nazionale) che sopra i particolari detti criteri più generali. Forse sono stato troppo azzardato per un discorso ancora in gestazione ma vorrei ricordare che alcune regioni hanno già delle regolamentazioni e che la proposta ha come fine quello di creare qualcosa che valga a livello nazionale.
Altro problema secondo me è la raccolta per fini di lucro... la proposta dichiara la possibilità di raccolta solo per fini scientifici, didattici e collezionistici... non capisco se trascuri o escluda il commercio... è un tema che solo a sollevarlo mi fa tremare le ginochia... sappiamo tutti quali conflitti e contraddizioni si possono generare prendendo questo discorso... ma è una realtà che esiste e, forse, uno dei punti cardine del problema "regolamentazione per la raccolta"... non può essere trascurato...
"Considera sempre che tutto è frutto del cambiamento e abituati a pensare che non vi è nulla che la natura ami quanto trasformare le forme esistenti e produrne di nuove simili ad esse" Marco Aurelio

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3525
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da Luca Baralis » ven 21 set, 2007 16:00

Luciano ha scritto:La faccenda del peso si potrebbe regolare permettendo l'asportazione di un unico esemplare qualora venisse superata la soglia...
La casistica è attualmente già prevista dalla legge regionale Piemonte art. 7 c. 1:
"Sono consentiti il distacco e la raccolta giornaliera pro capite di esemplari per un peso complessivo non superiore a quindici chilogrammi compresa la matrice rocciosa; nel caso di esemplare singolo è ammessa la tolleranza di cinque chilogrammi."

Notare i termini "distacco e raccolta".
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti