Hemimorphite e vanadinite: di quali località?

aiuti (e non solo) nell'identificazione dei minerali
Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 26744
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 06 dic, 2007 21:27

La differenza di colore potrebbe essere dovuta a una maggiore o minore ossidazione della fase.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Fabio F.
Messaggi: 54
Iscritto il: mar 16 ott, 2007 15:41
Località: L'AQUILA

Messaggio da Fabio F. » ven 07 dic, 2007 9:52

Grazie molte Marco,
la mia curiosità nasceva dal fatto che tale fenomeno si presenta solamente sulla parte posteriore dei cristalli... quella "meno esposta" per intenderci. Un'altra curiosità... esistono varianti mineralogiche della vanadinite?
Fabio Franceschelli
L'Aquila

"Non condivido la tua idea ma darei la vita affinché tu possa esprimerla". Voltaire

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 26744
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 07 dic, 2007 10:14

la mia curiosità nasceva dal fatto che tale fenomeno si presenta solamente sulla parte posteriore dei cristalli... quella "meno esposta" per intenderci. Un'altra curiosità... esistono varianti mineralogiche della vanadinite?
La parte superiore essendo libera nel geode è quella che più ha subito l'influenza di fluidi circolanti.
Come in tutte le altre specie, anche la composizione della vanadinite può leggermente variare da località a località, ma anche da campione a campione e da punto a punto dello stesso cristallo.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Fabio F.
Messaggi: 54
Iscritto il: mar 16 ott, 2007 15:41
Località: L'AQUILA

Messaggio da Fabio F. » ven 07 dic, 2007 14:53

Grazie Marco,
forse sto per per dire una sciocchezza... ma esiste la possibilità (in uno stesso campione) di avere più "fasi" cristalline? O esiste la possibilità di avere diverse forme di cristallizzazione nello stesso campione (considerando la stessa tipologia di atomi e senza influenze chimiche o ambientali)?
Forse dico una "eresia" ma a volte la curiosità è più forte della paura di sbagliare! :D
Fabio Franceschelli
L'Aquila

"Non condivido la tua idea ma darei la vita affinché tu possa esprimerla". Voltaire

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 26744
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 07 dic, 2007 15:05

Forse dico una "eresia" ma a volte la curiosità è più forte della paura di sbagliare!
Mai avere la paura sbagliare...

Non sono certo d aver capito le tue domande. Rischiando di sbagliare e sparare cavolate, provo a rispondere.
esiste la possibilità (in uno stesso campione) di avere più "fasi" cristalline?
Sì, in uno stesso campioni possono coesistere più specie minerali: le cosidette associazioni.
Probabilmente però tu intendi altra cosa. Se per esempio intendi diversa foggia (abito) dei cristalli è evidente che sì.
Se, come credo intendi altro ancora: non so rispondere.
esiste la possibilità di avere diverse forme di cristallizzazione nello stesso campione (considerando la stessa tipologia di atomi e senza influenze chimiche o ambientali)?
Vedi sopra. Qualora tu intendessi la formazione di specie diverse con la stessa composizione chimica ti rimando al topic "Biossido di titanio": http://forum.amiminerals.org/viewtopic. ... t=biossido
Tre diverse specie (ad esempio anatasio, brookite e rutilo) possono coesistere nello stesso campione.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Fabio F.
Messaggi: 54
Iscritto il: mar 16 ott, 2007 15:41
Località: L'AQUILA

Messaggio da Fabio F. » ven 07 dic, 2007 15:43

Marco grazie ancora della pazienza!
Forse ho "litigato" un po' con l'italiano! :D Quando dicevo "fasi cristalline", volevo dire (a modo mio) se ad esempio da una iniziale cristallizzazione ad esempio "ortorombica" si passi ad un sistema"monoclino" a causa di qualche fattore esterno concomitante (T, pressione ecc.). Per quanto riguarda l'ultima domanda, intendevo proprio la formazione di specie diverse con la stessa composizione chimica. Andando su quel link credo di essermi "schiarito" le idee a sufficienza!
Ciao Marco e grazie della tua continua disponibilità.
Fabio Franceschelli
L'Aquila

"Non condivido la tua idea ma darei la vita affinché tu possa esprimerla". Voltaire

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3458
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Messaggio da Luca Baralis » ven 07 dic, 2007 16:12

Fabio F. ha scritto:... ma esiste la possibilità (in uno stesso campione) di avere più "fasi" cristalline? O esiste la possibilità di avere diverse forme di cristallizzazione nello stesso campione (considerando la stessa tipologia di atomi e senza influenze chimiche o ambientali)?
Attenzione: è certamente vero come ha detto Marco che questa possibilità esiste, ma se una stessa fase chimica cristallizza in forme diverse ci deve essere per forza una causa, che può essere ricercata in sottili variazioni del chimismo della fase o dell'ambiente o nella variazione di fattori fisici ambientali (temperatura ad esempio). Tali variazioni possono evidentemente essere significative anche in spazi ristretti o manifestarsi nel tempo.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Alessio73
Messaggi: 2093
Iscritto il: mar 24 lug, 2007 10:35
Località: Jesi (An)

Messaggio da Alessio73 » ven 07 dic, 2007 17:21

Fabio, spero di non crearti ulteriori dubbi, ma ho parlato con l'amico che ti dicevo, e mi ha detto che quello che aveva lui come campioni sono crisocolla con sopra quarzo cristallizzato di provenienza cilena.

Avatar utente
Alessandro
Messaggi: 3246
Iscritto il: sab 10 giu, 2006 17:48
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Alessandro » ven 07 dic, 2007 18:21

Fabio F. ha scritto:Grazie molte Marco,
la mia curiosità nasceva dal fatto che tale fenomeno si presenta solamente sulla parte posteriore dei cristalli... quella "meno esposta" per intenderci. Un'altra curiosità... esistono varianti mineralogiche della vanadinite?
Una variante nella vanadinite potrebbe essere la varietà "endlichite", che è più chiara e cristallizza in barilotti molto simili a quelli della piromorfite.
La differenza sta nel fatto che parte del vanadio è sostituita dall'arsenico.
Anche nella parte retrostante delle vanadiniti marocchine il colore ricorda molto quello della "endlichite".
Alessandro Socci

GAMPS
Gruppo Avis Mineralogia Paleontologia Scandicci

venderò la mia rabbia a tutta quella brava gente che vorrebbe vedermi in gabbia e forse allora mi troverebbe divertente

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 26744
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Messaggio da Marco E. Ciriotti » ven 07 dic, 2007 18:31

La differenza di colore potrebbe essere dunque dovuta a questa differenza composizionale (parziale sostituzione di V con As).
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Fabio F.
Messaggi: 54
Iscritto il: mar 16 ott, 2007 15:41
Località: L'AQUILA

Messaggio da Fabio F. » sab 08 dic, 2007 9:50

Eh Alessio... mi hai messo la pulce nell'orecchio! Sopra i cristalli celesti effettivamente c'è una seconda cristallizzazione ma a occhio nudo non riuscirei a identificare se sia quarzo.
Hai qualche foto di quei campioni da postare?
Fabio Franceschelli
L'Aquila

"Non condivido la tua idea ma darei la vita affinché tu possa esprimerla". Voltaire

Avatar utente
Fabio F.
Messaggi: 54
Iscritto il: mar 16 ott, 2007 15:41
Località: L'AQUILA

Messaggio da Fabio F. » sab 08 dic, 2007 10:02

alessio73 ha scritto:Fabio, spero di non crearti ulteriori dubbi, ma ho parlato con l'amico che ti dicevo, e mi ha detto che quello che aveva lui come campioni sono crisocolla con sopra quarzo cristallizzato di provenienza cilena.
Sono andato a farmi un giro su mindat... direi che a naso hai fatto centro Alessio... voi che ne dite?
http://www.mindat.org/photo-16697.html
Fabio Franceschelli
L'Aquila

"Non condivido la tua idea ma darei la vita affinché tu possa esprimerla". Voltaire

Avatar utente
Alessio73
Messaggi: 2093
Iscritto il: mar 24 lug, 2007 10:35
Località: Jesi (An)

Messaggio da Alessio73 » lun 10 dic, 2007 10:32

Foto non ne ho, ti confermo solo che il campione del mio amico ha una matrice scura, come quella della seconda foto che hai messo, e/o come quella su mindat. Non hai un microscopio per vedere se i cristalli bianchi sono quarzi? Eventualmente se vieni a Bologna 2008 porta dietro il campione e magari lo confrontiamo, chiedo all'amico se ancora ce l'ha di portarselo dietro.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti