Minerali... parliamone francamente.

discussioni circa il forum e circa i minerali in genere
mineralenzo
Messaggi: 2086
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da mineralenzo » ven 04 gen, 2019 16:14

Uhm interessante conversazione. Io sono del parere che nelle collezioni private e talvolta pubbliche predomini il lato estetico rispetto a quello scientifico. Questo in generale ovviamente. Collezionare minerali di tipo scientifico può significare anche prendere campioni compatti e di nessun valore.
Enzo

mineralenzo
Messaggi: 2086
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da mineralenzo » ven 04 gen, 2019 16:23

Luca Baralis ha scritto:
gio 03 gen, 2019 1:21
OK, adesso mi è chiaro cosa si intende, tuttavia, sarò "de coccio" ma continuo a non vedere l'eccezionalità di questo stile di campioni. E per quanto riguarda la peculiarità di una collezione così impostata non è più originale o eccentrica, ne meno "valida", di una sistematica estrema, di una "a colore", di ciottoli burattati o di altri canoni di scelta.
Per altro, date le dimensioni che ognuno eventualmente si autoimpone, mi pare naturale cercare di raccogliere i campioni migliori possibili. Secondo il gusto personale, che può essere estetico, affettivo o scientifico. In definitiva ognuno fa come gli pare... in Europa collezioniamo microminerali montati con il mastice (bleah!), in America passano un sacco di tempo a preparare micromounts...
In generale comunque, dal punto di vista scientifico, e anche estetico secondo il mio personale parere, una presenza non equilibrata del cristallo sulla matrice non migliora il campione.
Invece non hai ancora compreso il "tipo di minerali". Quei collezionisti non hanno interessi scientifici e neppure cercano campioni o ciottoli lucidati e neppure cristalli sciolti con un frammento di matrice o senza del tutto. Queste sono collezioni classiche che più o meno per varia ragioni abbiamo un po tutti sia pure con qualche esemplare. Quello che cercano invece sono campioni TUTTI CRISTALLIZZATI (porto ad esempio un campione visto di recente su fb a voce non a foto che proviene dall'India e che qualcuno certamente avrà già visto: cavansite globulare blu su calcite romboedrica gialla campione che non è certo facile da trovare e in cui la cavansite è il minerale principale è la calcite rappresenta la matrice; potrebbe essere l'opposto capovolgrndo il campione calcite su matrice di cavansite) ecco cosa cercano. Minerali con associazioni o bizzarre con più cristalli associati magari a colonna, che poggiano o sono associati ad altri cristalli dello stesso tipo o di altro tipo possibilmente colorati e trasparenti.
Enzo

mineralenzo
Messaggi: 2086
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da mineralenzo » ven 04 gen, 2019 16:26

Concludo dicendo che non si tratta, come ho letto, di una moda, ma di una vera e propria tendenza che negli ultimi anni si è allargata abbastanza velocemente anche al di fuori degli USA.
Aggiungerei che tali campioni se si trovassero più grossi nessuno li eliminerebbe a priori salvo cause maggiori.
Saluti.
Enzo

mineralenzo
Messaggi: 2086
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da mineralenzo » sab 05 gen, 2019 16:35

E adesso cambiamo tema. Che so, parliamo magari brevemente delle nostre collezioni (italiane). Suppongo prevalgano i campioni macro (estetici anche se non credo di dimensioni esagerate ma neppure di pochi centimetri tipo le già citate collezioni "artistiche" Americane) ma anche i classici e sempre presenti minerali micro costituiti da campioni piccoli contenenti cristalli microscopici presenti anche nelle collezioni regionali. Personalmente al momento mi sto dedicando alla collezione regionale pur non trascurando altre collezioni se fosse il caso.
La regionale contiene minerali da micro a macro da un centimetro a 10 e oltre centimetri segue un criterio prevalentemente scientifico dato le basse pretese estetiche e il mio modo di agire e di pensare è quello di raccogliere campioni che altri non hanno o non sono ancora riusciti a trovare piuttosto che minerali già conosciuti. Questo inteso anche come località naturalmente quando tutto ciò è possibile trascuro altresì minerali anche estetici che sono troppo conosciuti pur rendendone qualche campione.
Enzo

mineralenzo
Messaggi: 2086
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da mineralenzo » sab 05 gen, 2019 16:43

E voi? Come organizzate le vostre raccolte e relative sottocollezioni? Cosa gira e rigira intorno ad esse? Cambi in vetrina? Vetrine espositive varie a livello mondiale o con prevalenza della Regione in cui risiedere? Oppure che so una vetrina per i regionali una per i campioni mondiali?
Ovviamente per i micro le vetrine vengono sostituite con le cassettiere.

Io espongo i minerali con il sistema del cambio non esponendo tutti i campioni e nelle vetrine per la collezione estetica i minerali seguono un criterio espositivo esclusivamente estetico e con la più ampia varietà di minerali anche dal punto di vista della provenienza. Per la regionale l'associazione segue un criterio basato sulla località questo almeno in linea generale e talvolta per tipi di minerali raramente però.
Buona epifania
Enzo

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6890
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da Massimo Russo » sab 05 gen, 2019 18:57

Come già detto in un post precedente ho abbandonato da molti anni quella italiana, a meno che non siamo località di oggetto dei miei studi. Per il resto seguo solo la regionale (Campania). La collezione è praticamente tutta in cassettiere e divise per località geologiche. I pezzi vanno dal centimetro fino ad un massimo di 10 cm; non mi interessa solo il singolo minerale, ma anche la paragenesi associata. I campioni sono praticamente tutti inscatolati e fissati con colla termica. Per i campioni non evidenti ad acchio nudo uso le apposite freccette indicatrici. La disposizione dei minerali è in ordine alfabetico, così non impazzisco nel ritrovarli.

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3241
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da Luca Baralis » sab 05 gen, 2019 19:45

Nel mio caso, come ho già avuto modo di scrivere, qualche pezzo "presentabile" e di maggiori dimensioni in vetrina, esposti sia in base a criteri visuali che per gruppo di minerali, o per località. Mi piace cambiare, anche se questo è limitato dalla disponibilità di campioni e da problemi di spazio (dove metto quelli grandi che tolgo dalla vetrina?). Il resto è costituito da campioni raccolti in scatole, in buona parte entro scatolini di plastica, con dimensioni tipo thumbnail o miniature. Molti richiedono il microscopio. Le scatole sono suddivise con criteri sistematici (per classe) o con criteri topografici (miniera, cava, valle, ...). Anche qualche roccia.
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
DonLucre
Messaggi: 363
Iscritto il: sab 30 mag, 2015 18:03
Località: Lecce

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da DonLucre » sab 05 gen, 2019 20:05

Niente vetrine. Anche se ho qualche pezzo che potrebbe starci (in vetrina), soprattutto campioni di vecchia data e di dimensioni un po' più grandi, la mia collezione è interamente ospitata in cassettine a scomparti di plastica con coperchio in plexiglass trasparente, posizionate all'interno di un mobile a cassettiera. Come ho detto in precedenza, la dimensione dei campioni per me è una caratteristica fondamentale, in quanto deve consentire il collocamento degli stessi nelle suddette cassettine, che hanno scomparti di forma quadrata con lato di 6 cm ed altezza massima di circa 4 cm. Altro requisito fondamentale è che il minerale sia visibile ad occhio nudo e, se possibile, ben cristallizzato. Non impazzisco a cercare minerali rari o rarissimi, soprattutto se si presentano in forma talmente minuta da richiedere l'impiego di un microscopio per essere osservati. Focalizzo la mia attenzione solo sulle specie più diffuse, ma ricercandole nelle loro varie forme e provenienze. Il target è quindi comunque molto ampio e va ben oltre la regione (d'altronde in Puglia di minerali non c'è una cippa), per abbracciare il mondo intero. La suddivisione dei campioni è organizzata secondo il metodo sistematico, ovvero in base alla composizione chimica.
Donato Lucrezio

L’ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero. (Oscar Wilde)

fabry
Messaggi: 166
Iscritto il: ven 27 ago, 2010 21:05

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da fabry » dom 06 gen, 2019 8:32

colleziono solo ed esclusivamente minerali della liguria e da circa un paio di anni faccio solo il genovese e lo spezzino.ho una vetrina con pezzi solo estetici,ma la collezione a cui tengo di piu'e'sicuramente la sistematica, naturalmente del genovese e spezzino.tutti i pezzi sono divisi per localita'di appartenenza,con presenza di freccette quando occorre.

Avatar utente
Antonio Borrelli
Messaggi: 2045
Iscritto il: sab 11 feb, 2006 1:35
Località: Cassino (FR)
Contatta:

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da Antonio Borrelli » dom 06 gen, 2019 12:36

A me piacciono tutti pertanto colleziono minerali da tutto il mondo anche se ho una predilizione per i minerali alpini e di origine vulcanica e in particolar modo per quelli ovviamente del Lazio. Ho un paio di vetrinette con campioni estetici ma il 80% della collezione è costituita da micro e thumbnail che per adesso conservo all'interno di scatole di cartone per problemi di spazio nella abitazione attuale. Un casino se vuoi ritrovare qualcosa!
Tra poco inizieranno i lavori della nuova casa e lì è già prevista una stanza-studio interamente dedicata ai minerali e spero così di sistemare tutto in modo più ordinato.
Antonio

"La vera saggezza sta in colui che sa di non sapere" - Socrate

mineralenzo
Messaggi: 2086
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da mineralenzo » lun 07 gen, 2019 16:12

Si tutto chiaro. Ricordo che questi topic è dedicato principalmente a chi si avvicina per la prima volta a questo hobby. Un po meno per noi.
Sempre restando in tema raccolte e collezioni sarebbe bene adesso dirigere l'attenzione sulle collezioni e raccolte pubbliche di qualunque importanza e in qualunque luogo del mondo.
😏
Enzo

mineralenzo
Messaggi: 2086
Iscritto il: ven 18 nov, 2005 9:27
Località: Palermo

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da mineralenzo » lun 07 gen, 2019 16:23

Quante volte abbiamo sentito la frase 'è un campione da museo' per intendere qualcosa di particolarmente bello o raro... Ma è davvero sempre così? È proprio vero che i campioni migliori di minerali li abbiano i musei? Campioni grossi sono la norma per alcuni musei o raccolte universitarie questo è certo, non solo negli USA ma anche qui in Italia e persino in alcune zone asiatiche e Africane e non mancano certo campioni interessanti. Occorre precisare che spesso questi campioni sono frutto di donazioni di intere collezioni da parte di collezionisti del 1800 e in parte del 1900.
Ma c'è un dettaglio non trascurabile su alcuni campioni "museali" questo: la maggior parte di questi campioni non sono integri e presentano parecchi danneggiamenti soprattutto alle parti terminali e spesso i cristalli principali sono pure incollati.
Cosa ne pensate? Meglio campioni normali ma integri o qualche campione incollato da "museo"?
Io preferisco quando possibile quelli normali integri fermo restando che se si trovano grossi non incollati vanno meglio... che ne pensate?
Saluti.
Enzo

Avatar utente
Luca Baralis
Messaggi: 3241
Iscritto il: lun 06 set, 2004 18:55
Località: Torino
Contatta:

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da Luca Baralis » mar 08 gen, 2019 9:17

Non so quanti campioni nei musei siano davvero rotti, sbeccati o incollati, ma in effetti ciò non mi stupisce più di tanto. Le collezioni mineralogiche pubbliche sono state negli anni oggetti di vicissitudini (ad esempio durante la guerra) e incuria. Inoltre campioni di grosse dimensioni sono più facilmente soggetti a danni, e spesso sono già meno perfetti all'origine: pulchritudo in parvitate!
Luca (LB)
Socio AMI Piemonte

Avatar utente
Massimo Russo
Messaggi: 6890
Iscritto il: mar 29 giu, 2004 12:00
Località: via Consalvo, 120/A, I-80125 Napoli
Contatta:

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da Massimo Russo » mar 08 gen, 2019 10:33

Concordo con Luca

Massimo
---------------------------------------
Massimo Russo
INGV - Osservatorio Vesuviano

"Un minerale senza nome è solo un inutile pezzo di pietra" (Massimo Russo)

Avatar utente
Luciano Vaccari
Messaggi: 10613
Iscritto il: mer 30 giu, 2004 8:23
Località: Via Pietro Giusti 23 41043 Formigine -MO-

Re: Minerali... parliamone francamente.

Messaggio da Luciano Vaccari » mar 08 gen, 2019 11:59

""Minerali ...parliamone francamente"" lascia intendere di voler discutere dei vari problemi che si riscontrano ad avere questo hobby più che "come o cosa collezionate" anche perché un topic del genere esiste già.

Riprendo un attimo il tema riguardante il concetto di scientifico.

Premesso che quoto, anzi, sposo al 1000% quanto espresso da Fulvio Malfatto, in quanto la scienza e lo scientifico sono in primis modi di pensare, di procedere e di accostarsi a tutto , un metodo che deve essere alla portata di tutti il cui scopo non è vantarsi di sapere ma "voler sapere" sempre di più, perché scientifico è colui che vuole imparare e non colui che sa tutto, senza volersi identificare per forza in ricercatori di professione o altro, forse, e sottolineo forse, Salvatore, in quanto persona molto schietta che arriva subito al dunque, si riferiva a chi con il termine scientifico tende a tirarsela un pochino, e in questo caso non penso gli si possa dare torto, anche se la cosa andrebbe meglio precisata.

Alchè il concetto sarebbe molto in linea con il titolo del topic, perché prevederebbe di parlare di chi, o con la bandiera della rarità, o con quella della "scientificità" a volte tende a sopravvalutare i propri pezzi, magari per fini economici, e qui si aprirebbe un altro scenario molto ampio, un terreno difficoltoso da percorrere.(questo è solo un esempio)

Io colleziono minerali di tutti i tipi e di tutte le provenienze perché grazie al cielo ho il posto, diversamente se dovessi scegliere in base agli spazi gestirei la cosa in modo differente. Adatto le scatole ai minerali e non viceversa, non tendo ad uniformare perché il troppo ordine non mi piace, non mi appartiene. Se proprio volessi identificarmi con il termine scientifico ( marchio che non mi interessa avere) lo farei per i minerali della mia zona che, a differenza di tanti altri, cerco, studio e prediligo perché, come ha detto Fulvio, hanno una loro storia in quanto trovati direttamente.

Molto dell'altro materiale ad oggi è più che altro una raccolta di minerali per i quali cerco di sapere sempre qualcosa in più...Curiosità? Metodo scientifico? Onestamente non saprei, non sento la necessità di queste etichette (se di etichette si può parlare) per potermi identificare..Chi viene nella mia cantina parla di minerali per un poco, poi si taglia il salame e si assaggia il nocino. Forse questo non è scientifico ma vedo che piace a molti, studiosi e non ;) .

Qualunque sia l'approccio per me resta un bellissimo hobby da condividere, ma questa è solo la mia personale e semplicissima storia.
Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c'è un campo. Ti aspetterò laggiù.
(Jalaluddin Rumi- XIII sec.)

Luciano
Socio AMI zona Modena
(Formigine)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: bortolozzi giorgio, ChinellatoPhoto e 7 ospiti