Le zeoliti: minerali, località, documentazione

dove e cosa cercare e come collezionare minerali
Rispondi
Ferdinando Giovine
Messaggi: 365
Iscritto il: sab 27 apr, 2013 13:32

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da Ferdinando Giovine » dom 22 nov, 2020 21:08

Corrado ha scritto:
dom 22 nov, 2020 20:39
In realtà in questo caso nessuno ha colpe e non c’è alcuna diffusione di errori.
Il concetto di varietà mineralogica non ha alcun rigore scientifico e in esso ricadono tutte quelle fasi che pur avendo un “qualcosa di inconsueto” sono, per chimica e struttura, riconducibili a specie già note e approvate. Di solito i nomi varietali risalgono ai tempi passati e non ha alcuna importanza e non c’è alcuna differenziazione per il fatto che siano stati impiegati, per esempio, per un arricchimento di un elemento estraneo non essenziale, tipo la “greenovite” (titanite manganesifera) piuttosto che per l’abito inconsueto, tipo la “calcotrichite” (cuprite fortemente deformata lungo un asse), caso in cui rientra anche l’habitus phacolitico della nostra “cabasite” o, ancora più semplicemente, per una differenza di colore come per il quarzo “ametista”.
Sempre secondo le regole, la “cabasite” di Franco, in mancanza di una classificazione certa andava virgolettata a indicare il “senso lato”.
Sarebbe più corretto indicare queste cose come "var. ex forma" o nel caso specifico come geminato visto che il termine nel linguaggio geologico già esiste. Io lascerei il termine varietà tal quale alle modifiche chimiche delle molecole se non descritte come minerale, tipo Mn bearing hedembergite ed a quelle di colore, tipo berillo var rubino

salvatore
Messaggi: 1422
Iscritto il: lun 07 feb, 2011 14:12
Località: Montesilvano PE

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da salvatore » dom 22 nov, 2020 22:07

Uè che é questo ? "tipo berillo var rubino"

Ferdinando Giovine
Messaggi: 365
Iscritto il: sab 27 apr, 2013 13:32

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da Ferdinando Giovine » lun 23 nov, 2020 8:07

Lapsus calami

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » lun 23 nov, 2020 13:57

Cristallo semitrasparente di analcime, con il caratteristico abito icositetraedrico, con cristallo di calcopirite iridescente, con cristalli bronzei di millerite che attraversano in parte il cristallo di analcime, su cristalli romboedrici 'beige' di dolomite. Sebbene l'analcime non appaia nell'elenco delle specie ritrovate per questa località, il suo abito ed aspetto non dovrebbe lasciare dubbi sulla sua presenza. Il diametro è di 3,8 mm. Il campione viene dalla cava Donnerkuhle, Hagen, Arnsberg, North Rhine-Westphalia, Germany. https://www.mindat.org/photo-1105861.html.

Ferdinando Giovine
Messaggi: 365
Iscritto il: sab 27 apr, 2013 13:32

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da Ferdinando Giovine » lun 23 nov, 2020 19:49

Simili come aspetto ci sono la pollucite e la leucite. In assenza di riferimenti bibliografici andrebbe analizzato

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » mar 24 nov, 2020 12:41

franco ha scritto:
lun 23 nov, 2020 13:57
Cristallo semitrasparente di analcime, con il caratteristico abito icositetraedrico, con cristallo di calcopirite iridescente, con cristalli bronzei di millerite che attraversano in parte il cristallo di analcime, su cristalli romboedrici 'beige' di dolomite. Sebbene l'analcime non appaia nell'elenco delle specie ritrovate per questa località, il suo abito ed aspetto non dovrebbe lasciare dubbi sulla sua presenza. Il diametro è di 3,8 mm. Il campione viene dalla cava Donnerkuhle, Hagen, Arnsberg, North Rhine-Westphalia, Germany. https://www.mindat.org/photo-1105861.html.
Incredibile! Il cristallo di cui sopra è di calcite. Mai avrei immaginato che la calcite simulasse un abito del genere. Sbagliando si impara. Se poi cliccate sull'immagine e la scorrete fino in fondo laddove è la sezione "discussione di questa foto" ci sono delle interessanti osservazioni, specie quella che nota la presenza della diffrazione nel punto in cui il cristallo di millerite è immerso nel cristallo. Adesso la sfida è provare a disegnare questo cristallo col programma "Smorf Crystal".
Analizzare tutto e subito annullerebbe tutto quel che c'è di studio e comprensione e anche questa esperienza.

Avatar utente
Michiel
Messaggi: 600
Iscritto il: lun 25 feb, 2008 13:41
Località: Monaco di Baviera

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da Michiel » mar 24 nov, 2020 21:27

Calcite stupefacente come forma, ma in effetti, l'analcime c'entra poco in quelle rocce.
Michiel Desittere

Benedetti siano gli istanti
e i millimetri
e le ombre delle piccole cose.
(Fernando Pessoa)

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » mer 02 dic, 2020 10:57

Dalla cava estinta dell'Osa, Roma, il cristallo pluri-geminato di "phillipsite", incolore e trasparente, presenta una evidente croce inversa (nel senso i suoi bracci sono incavati). Esso è cresciuto so piccoli cristalli esagonali, alterati, giallini di nepheline e cristallini verde scuro-nero di augite. Il geminato è largo 3,7 mm. https://www.mindat.org/photo-1107648.html. Quest'altra foto per vedere meglio la particolarità della geminazione a croce: https://www.mindat.org/photo-1107652.html

Ferdinando Giovine
Messaggi: 365
Iscritto il: sab 27 apr, 2013 13:32

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da Ferdinando Giovine » gio 03 dic, 2020 20:57

franco ha scritto:
mer 02 dic, 2020 10:57
Dalla cava estinta dell'Osa, Roma, il cristallo pluri-geminato di "phillipsite", incolore e trasparente, presenta una evidente croce inversa (nel senso i suoi bracci sono incavati). Esso è cresciuto so piccoli cristalli esagonali, alterati, giallini di nepheline e cristallini verde scuro-nero di augite. Il geminato è largo 3,7 mm. https://www.mindat.org/photo-1107648.html. Quest'altra foto per vedere meglio la particolarità della geminazione a croce: https://www.mindat.org/photo-1107652.html
A proposito dell'Osa, visto che "gismondina" è oggi un nome di serie, dovresti rinominare le tue gismondine col nome più corretto di gismondina-Ca

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » mer 13 gen, 2021 14:47

Dal distretto di Jalgaon, Maharashtra, India, aggregato di cristalli di heulandite-Ca di colore verde oliva più accentuata nella parte esterna dei cristalli per divenire brunastra nella parte interna, largo 22 mm. Alle due estremità, due aggregati di goosecreekite bianchi. Il tutto su matrice costituita da piccoli cristalli di quarzo bianchi. https://www.mindat.org/photo-1117443.html.

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » sab 13 feb, 2021 9:37

Dalla cava di basalto, Weitendorf, Wildon, Leibnitz District, Styria, Austria, sfere di cristalli tabulari, larghe al massimo 1,2 mm, sottili, bruno chiaro di ferrierite-Mg. https://www.mindat.org/photo-1123762.html

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » lun 15 feb, 2021 11:44

Ancora da Colle Fabbri, un altro esempio di cristallizzazione della phillipsite-Ca: cristalli tabulari, incolori, trasparenti, geminati in forma di croce, con rientranze. Si nota bene, osservando le terminazioni, che il geminato è costituito da quattro elementi. Su matrice costituita da 'Melilite Group' color arancio. https://www.mindat.org/photo-1124474.html

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » mer 17 feb, 2021 13:52

Dalla stessa località precedente, un bell'esempio di epitassia di phillipsite-Ca su gismondine, le cui facce sono quasi totalmente coperte da piccoli cristalli di phillipsite. La parte inferiore e a destra del cristallo, aggregato giallo di calcite. La parte sinistra della foto presenta un tipico geminato di phillipsite-Ca. https://www.mindat.org/photo-1124864.html. Le due foto successive presentano lo stesso cristallo da altre prospettive, per meglio mostrare questa epitassia. https://www.mindat.org/photo-1124863.html. E, infine, https://www.mindat.org/photo-1124865.html.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6723
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da Di Domenico Dario » mer 17 feb, 2021 14:13

Sono stato diverse volte a cercare nella carbonatite di colle Fabbri e per quanto sia limitato l'affioramento e di quello che é rimasto, per colpa del fatto che l'affioramento é in mezzo a proprietà private e qualcosa affiora molto limitatatmente su una stradina laterale, non ho mai trovato campioni di questa bellezza.
Complimenti per foto e campioni anche se non so se li hai trovati tu.

franco
Messaggi: 2925
Iscritto il: gio 24 feb, 2005 19:22
Località: Fano (PU)

Re: Le zeoliti: minerali, località, documentazione

Messaggio da franco » mer 17 feb, 2021 14:18

"anche se non so se li hai trovati tu"
Sì e no. La ricerca sul campo è stata fatta da due fanesi, come me: Gianfranco Navacchia e Sebastiano Lepore. Io ho fatto la ricerca sui sassi portati da loro. Quando loro andavano io lavoravo.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti