On the chemical identification and classification of minerals

database, nuove specie, discrediti,
ridefinizioni, classificazioni, ecc.
Rispondi
Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 27913
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

On the chemical identification and classification of minerals

Messaggio da Marco E. Ciriotti » dom 29 set, 2019 10:37

Referenza:
▪ Bosi, F., Biagioni, C., Oberti, R. (2019): On the Chemical Identification and Classification of Minerals. Minerals, 9, 591; https://doi.org/10.3390/min9100591

Abstract
To univocally identify mineral species on the basis of their formula, the IMA-CNMNC recommends the use of the dominant-valency rule and/or the site-total-charge approach, which can be considered two procedures complementary to each other for mineral identification. In this regard, several worked examples are provided in this study along with some simple suggestions for a more consistent terminology and a straightforward use of mineral formulae. IMA-CNMNC guidelines subordinate the mineral structure to the mineral chemistry in the hierarchical scheme adopted for classification. Indeed, a contradiction appears when we first classify mineral species to form classes (based on their chemistry) and subsequently we group together them to form supergroups (based on their structure topology): To date, more than half of recognized mineral supergroups include species with different anions or anionic complexes. This observation is in contrast to the current use of chemical composition as the distinguishing factor at the highest level of mineral classification.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Avatar utente
Marco E. Ciriotti
Messaggi: 27913
Iscritto il: ven 25 giu, 2004 11:31
Località: via San Pietro, 55 I-10073 Devesi/Cirié TO - Italy
Contatta:

Re: On the chemical identification and classification of minerals

Messaggio da Marco E. Ciriotti » gio 04 mar, 2021 11:47

""Un mucchio di informazioni non è una scienza più di quanto un mucchio di pietre è una casa.
Una classificazione minerale forma un quadro all'interno del quale si possono cercare di comprendere i dettagli delle strutture e delle composizioni chimiche di quei minerali e applicare la propria conoscenza per comprendere la paragenesi di questi minerali e la petrologia delle rocce su cui si trovano.
Esiste un principio generale secondo il quale quanto più è complicata la struttura e la chimica di un minerale (o gruppo minerale), tanto maggiori sono le informazioni in esso contenute sui fattori che ne controllano la struttura, la chimica e i processi di formazione. A loro volta, queste informazioni consentiranno una più profonda comprensione della paragenesi minerale e dei sottostanti processi terrestri attraverso i quali si sono formati quei minerali.
Questa filosofia generale ha portato a quelle specie minerali che una volta venivano chiamate "minerali spazzatura" (per esempio anfiboli e tormaline) e quelle che ora sono considerate tra le più informative riguardo ai processi terrestri.""

Questo breve abstract è quello che compare nel progetto di lavoro, di cui faccio parte, titolato appunto Mineral Classification che fa capo a Frank Hawthorne.
Marco E. Ciriotti

«Things are interesting only in so far as they relate themselves to other things»

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 5 ospiti