La microfotografia con il microscopio biologico

microscopia binoculare e tecniche di fotografia e ripresa.
Rispondi
Avatar utente
Pasquale Antonazzo
Messaggi: 2581
Iscritto il: sab 03 mar, 2007 22:08
Località: Mondovì
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Pasquale Antonazzo » sab 20 mar, 2021 12:14

Io apprezzo il tuo lavoro Dario, lo apprezzo davvero tanto. Tuttavia non capisco quando tu dici che scatti esattamente quello che vedi negli oculari perché è proprio quello che fanno tutti, chi usa il live view sul PC fa esattamente la stessa cosa. Anzi ha il grosso vantaggio di poter fare lo zoom per vedere ancora meglio. Sono due scuole parallele le nostre ma questo particolare non mi è mai stato chiaro.
PASCOTTE Socio AMI n° 310.

"Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace; poi il valore dei campioni raccolti è un valore affettivo da condividere con gli altri appassionati se hai dei doppioni da poter scambiare"M. Deidda

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6718
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » sab 20 mar, 2021 13:39

Stessa cosa puoi fare con il microscopio e fotocamera collegata al PC.Io preferisco la messa a fuoco dagli oculari avendo prima verificato con la prima immagine il tempo selezionato in manuale.Metti a fuoco partendo da dove vuoi iniziare e mano mano scatti .
Comunque sia vedi quello che fotografi da due oculari il che é un po diverso da uno schermo.
Se non hai spazio per soffietto e PC il microscopio può essere un soluzione.

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 498
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da gigionaz » dom 21 mar, 2021 0:03

Dario! C'è poca gente con meno spazio di me! Soffietto o morte! :D :D :D
Allegati
scrivania.jpg
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Avatar utente
Di Domenico Dario
Messaggi: 6718
Iscritto il: ven 14 set, 2007 13:33
Località: Allumiere,Roma.

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Di Domenico Dario » dom 21 mar, 2021 10:14

Posizionare un micro che sta dentro una sanidinite in cui oltre a quello ci sono altri cristalli di altre specie con il soffietto é un impresa, con il microscopio usando l'obiettivo a più basso ingrandimento é altra cosa. Anche se lo posizioni prima con il binoculare, poi lo devi ricentrare con il soffietto, e se il cristallino sta in mezzo ad altri é stressante.I miei micro sono già posizionati nelle scatoline; prendo la scatolina, la metto sul platorello, con l'obiettivo 3x cerco la migliore posizione e illuminazione, poi passo a un obiettivo a maggiore ingrandimento e senza che nulla é cambiato, inizio a fotografare con lo scatto flessibile.Tutto é in asse cosa che con il soffietto, riducendo il tiraggio no perché comunque si sposta l'immagine su cristalli micrometrici.
Un altra cosa che non tutti sanno su il tiraggio dell' obiettivo sul soffietto é la risoluzione che si riduce allontandolo dal sensore, e vedo che sono in parecchi a farlo senza rendersi conto che tirandolo meno e croppando sull'immagine é la stessa cosa se fosse più lontano dal sensore con ingrandimento maggiore ma minore risoluzione.Con la torretta del biologico hai 5 obiettivi e tutti sono parfocalizzati sia sugli oculari che sul sensore alla stessa distanza di 160 mm. che corrisponde alla cognugata di ogni obiettivo e alla sua esatta apertura.

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 498
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da gigionaz » dom 21 mar, 2021 11:09

Di Domenico Dario ha scritto:
dom 21 mar, 2021 10:14
Posizionare un micro che sta dentro una sanidinite in cui oltre a quello ci sono altri cristalli di altre specie con il soffietto é un impresa, con il microscopio usando l'obiettivo a più basso ingrandimento é altra cosa. Anche se lo posizioni prima con il binoculare, poi lo devi ricentrare con il soffietto, e se il cristallino sta in mezzo ad altri é stressante.I miei micro sono già posizionati nelle scatoline; prendo la scatolina, la metto sul platorello, con l'obiettivo 3x cerco la migliore posizione e illuminazione, poi passo a un obiettivo a maggiore ingrandimento e senza che nulla é cambiato, inizio a fotografare con lo scatto flessibile.Tutto é in asse cosa che con il soffietto, riducendo il tiraggio no perché comunque si sposta l'immagine su cristalli micrometrici.
Un altra cosa che non tutti sanno su il tiraggio dell' obiettivo sul soffietto é la risoluzione che si riduce allontandolo dal sensore, e vedo che sono in parecchi a farlo senza rendersi conto che tirandolo meno e croppando sull'immagine é la stessa cosa se fosse più lontano dal sensore con ingrandimento maggiore ma minore risoluzione.Con la torretta del biologico hai 5 obiettivi e tutti sono parfocalizzati sia sugli oculari che sul sensore alla stessa distanza di 160 mm. che corrisponde alla cognugata di ogni obiettivo e alla sua esatta apertura.
Lo so, o lo immagino.
A te piace vincere facile, eh! :D :D :D

No, a parte le battute. Riconosco la comodità e l'efficienza del sistema. Anche la sua estetica. Ma dopo due anni che ho passato a lavorare da zero per iniziare a ottenere scatti decenti, non me la sento di investire soldi, tempo ed energie per esplorare una strada del tutto diversa.

A parte che il biologico non saprei dove metterlo... :D
Allegati
scrivania1.jpg
a proposito: ho applicato gli stessi filtri che uso sui micro a questa immagine
del mio iphone.
Come vedete c'è solo un po' di saturazione e di contrasto.
In una foto presa in controluce spinto.
Alla fine la foto mi pare solo un po' più 'incisa'.
PS: le pareti sono davvero rosa. Apparteneva a una delle mie figlie.
Ultima modifica di gigionaz il dom 21 mar, 2021 11:29, modificato 2 volte in totale.
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 498
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da gigionaz » dom 21 mar, 2021 11:16

Di Domenico Dario ha scritto:
dom 21 mar, 2021 10:14
[...]
Un altra cosa che non tutti sanno su il tiraggio dell' obiettivo sul soffietto é la risoluzione che si riduce allontandolo dal sensore, e vedo che sono in parecchi a farlo senza rendersi conto che tirandolo meno e croppando sull'immagine é la stessa cosa se fosse più lontano dal sensore con ingrandimento maggiore ma minore risoluzione.Con la torretta del biologico hai 5 obiettivi e tutti sono parfocalizzati sia sugli oculari che sul sensore alla stessa distanza di 160 mm. che corrisponde alla cognugata di ogni obiettivo e alla sua esatta apertura.
Me la spieghi di nuovo che non capisco e mi sembra importante? Conviene fotografare a minori ingrandimenti (col soffietto meno esteso) e poi tagliare (ingrandire) la foto finale? Per ottenere maggior senso di 'definizione'?
Dovremmo metterci d'accordo su cosa significa croppare ma il senso mi pare questo. Ho capito?
Grazie.
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Giuseppe Illuminati
Messaggi: 601
Iscritto il: mar 23 nov, 2010 1:28
Località: Santa Marinella (RM)

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da Giuseppe Illuminati » dom 21 mar, 2021 11:43

Conviene fotografare con MAGGIORI ingrandimenti;
Non è un discorso di "senso di definizione", è proprio maggiore risoluzione.
Un 20x a 100mm di tiraggio restituisce molti più dettagli di un 10x a 200mm.
Ma più che un discorso di distanza, la risoluzione è più legata all'apertura numerica dell'ottica.

HEDE FREDERIC
Messaggi: 394
Iscritto il: dom 12 giu, 2016 10:13

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da HEDE FREDERIC » dom 21 mar, 2021 11:48

Questa è un'ottima domanda ... Può essere calcolata. Ciò dipenderà dalla dimensione dei pixel del sensore e dalla risoluzione dell'obiettivo. Devi avere il giusto campionamento per i punti di diffrazione. Nel mio sistema, devi adattare le dimensioni dell'immagine all'oggetto ed evitare il ritaglio. Tuttavia non uso soffietti. Questo può essere fatto in modo diverso con i mitutoyos. Con un sensore da 60 Mpix di grande formato, un ritaglio ragionevole potrebbe essere la soluzione perché il sensore sarebbe sempre superiore all'immagine (se il sistema ottico è ottimale).

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 498
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da gigionaz » lun 12 apr, 2021 22:07

HEDE FREDERIC ha scritto:
dom 21 mar, 2021 11:48
Questa è un'ottima domanda ... Può essere calcolata. Ciò dipenderà dalla dimensione dei pixel del sensore e dalla risoluzione dell'obiettivo. Devi avere il giusto campionamento per i punti di diffrazione.
Mi spieghi bene?

HEDE FREDERIC ha scritto:
dom 21 mar, 2021 11:48
Nel mio sistema, devi adattare le dimensioni dell'immagine all'oggetto ed evitare il ritaglio. Tuttavia non uso soffietti. Questo può essere fatto in modo diverso con i mitutoyos.
Tubi di prolunga o niente! :D
HEDE FREDERIC ha scritto:
dom 21 mar, 2021 11:48
Con un sensore da 60 Mpix di grande formato, un ritaglio ragionevole potrebbe essere la soluzione perché il sensore sarebbe sempre superiore all'immagine (se il sistema ottico è ottimale).

ciao
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

HEDE FREDERIC
Messaggi: 394
Iscritto il: dom 12 giu, 2016 10:13

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da HEDE FREDERIC » mar 13 apr, 2021 17:49

gigionaz ha scritto:
lun 12 apr, 2021 22:07
HEDE FREDERIC ha scritto:
dom 21 mar, 2021 11:48
Questa è un'ottima domanda ... Può essere calcolata. Ciò dipenderà dalla dimensione dei pixel del sensore e dalla risoluzione dell'obiettivo. Devi avere il giusto campionamento per i punti di diffrazione.
Mi spieghi bene?

Tutto è stato detto.

HEDE FREDERIC ha scritto:
dom 21 mar, 2021 11:48
Nel mio sistema, devi adattare le dimensioni dell'immagine all'oggetto ed evitare il ritaglio. Tuttavia non uso soffietti. Questo può essere fatto in modo diverso con i mitutoyos.
Tubi di prolunga o niente! :D
Un po 'di originalità per favore

HEDE FREDERIC ha scritto:
dom 21 mar, 2021 11:48
Con un sensore da 60 Mpix di grande formato, un ritaglio ragionevole potrebbe essere la soluzione perché il sensore sarebbe sempre superiore all'immagine (se il sistema ottico è ottimale).

ciao

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 498
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da gigionaz » mer 14 apr, 2021 10:16

HEDE FREDERIC ha scritto:
mar 13 apr, 2021 17:49
Questa è un'ottima domanda ... Può essere calcolata. Ciò dipenderà dalla dimensione dei pixel del sensore e dalla risoluzione dell'obiettivo. Devi avere il giusto campionamento per i punti di diffrazione.
Mi spieghi bene?
Tutto è stato detto.
[...]
Vuoi tenerti le tue scoperte. Onesto. Devono essere costate molta fatica e dolore :D. Giusto
Ultima modifica di gigionaz il mer 14 apr, 2021 12:12, modificato 3 volte in totale.
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

HEDE FREDERIC
Messaggi: 394
Iscritto il: dom 12 giu, 2016 10:13

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da HEDE FREDERIC » mer 14 apr, 2021 11:55

Ciao, no, ma per il momento non ho finito ... Questo sarà in un libro. Per il momento sto realizzando un fotolibro di qualità con immagini senza sfocature :). L'avevo spiegato su un forum francese ma il livello di comprensione dei fotografi dilettanti non è sufficiente. Le scienze stanno per scomparire in Francia.

Avatar utente
gigionaz
Messaggi: 498
Iscritto il: sab 16 lug, 2011 0:42
Località: La Spezia
Contatta:

Re: La microfotografia con il microscopio biologico

Messaggio da gigionaz » mer 14 apr, 2021 12:09

HEDE FREDERIC ha scritto:
mer 14 apr, 2021 11:55
Ciao, no, ma per il momento non ho finito ... Questo sarà in un libro. Per il momento sto realizzando un fotolibro di qualità con immagini senza sfocature :). L'avevo spiegato su un forum francese ma il livello di comprensione dei fotografi dilettanti non è sufficiente. Le scienze stanno per scomparire in Francia.

Bene, se va tutto in un libro hai la mia approvazione. Aspetto ;)
Gianandrea Ghirri, La Spezia. ghirri at libero.it - Imparare è una cosa entusiasmante perchè non ha una fine: Consigli & Critiche sempre benaccetti.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti